Tra il 1970 e il 2000 In Svizzera diverse migliaia di casi di irregolarità nelle adozioni internazionali

lt, ats

8.12.2023 - 13:21

Migliai di di casi di irregolari nelle adozioni internazionali (archivio)
Migliai di di casi di irregolari nelle adozioni internazionali (archivio)
Keystone

Tra il 1970 e il 2000 ci sono state probabilmente diverse migliaia di casi di irregolarità nelle adozioni internazionali, molte più di quanto si pensasse finora. È quanto emerge da un rapporto, di cui il Consiglio federale ha preso atto oggi.

lt, ats

8.12.2023 - 13:21

Già un primo studio sull'adozione di bambini dello Sri Lanka del 2020 aveva messo in luce che le autorità federali e cantonali, nonostante inequivocabili preavvisi di irregolarità, avevano omesso di adottare misure per contrastare gli abusi. Oggi il Consiglio federale ha ricevuto un secondo rapporto sull'adozione di bambini provenienti da Bangladesh, Brasile, Cile, Guatemala, India, Colombia, Corea, Libano, Perù e Romania.

I risultati mostrano l'esistenza di pratiche illegali in questi Paesi, traffico di bambini, falsificazione di documenti e false indicazioni di origine. Non è possibile quantificare il numero esatto delle persone interessate sulla base degli atti disponibili, precisa il governo, ma diverse migliaia di bambini adottati tra il 1970 e il 1990 potrebbero essere vittime di irregolarità.

«Il Consiglio federale riconosce le irregolarità commesse nell'ambito delle adozioni internazionali e deplora il fatto che le autorità non abbiano saputo essere all'altezza delle proprie responsabilità nei confronti dei minori e delle loro famiglie», sottolinea un comunicato.

Spetta ai Cantoni sostenere le persone interessate nella ricerca delle proprie origini. Raccomandazioni concrete su come coordinare le diverse competenze e aiutare meglio queste persone*sono contenute nel rapporto pubblicato il 15 novembre su mandato della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP). Inoltre la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider intende convocare nei prossimi mesi i rappresentanti della Confederazione e dei Cantoni un incontro per discutere su come procedere.

Il Consiglio federale intende prevenire tali irregolarità in futuro e ha incaricato un gruppo di esperti di presentare una valutazione più dettagliata della situazione in vista di una revisione del diritto. Il rapporto interinale infatti giunge alla conclusione che una revisione in materia di adozioni internazionali potrebbe ridurre considerevolmente il potenziale di abusi.

lt, ats