Preventivo 2022, «no» al raddoppio del contributo di  coesione all'UE

mh, ats

1.12.2021 - 10:49

Il ministro delle finanze Ueli Maurer
Keystone

Dopo il Consiglio degli Stati, oggi è il Nazionale ad occuparsi, in un dibattito fiume, del preventivo 2022 della Confederazione.

mh, ats

1.12.2021 - 10:49

Fra gli oggetti discussi, anche una proposta di raddoppio del contributo di coesione versato all'UE, bocciata dalla Camera con 93 voti a 84 e 6 astensioni.

La mozione, presentata da Eric Nussbaumer (PS/BL) alla Commissione di politica estera, chiedeva di aumentare di circa 953,1 milioni di franchi (quasi 2 miliardi in totale) i fondi versati a Bruxelles per consentire alla Svizzera di partecipare a pieno titolo ai programmi di ricerca europei (Orizzonte ed Erasmus+).

Pandemia, tra risparmi e aiuti

A fare da fil rouge nell'intero preventivo 2022 sono le spese legate alla pandemia e, in particolare, se queste debbano essere registrate come straordinarie o ordinarie. A destra, in particolare nei ranghi dell'UDC, si auspica maggiore parsimonia. Al Centro e a sinistra si è invece invitato a non dimenticare i settori più colpiti dalla crisi sanitaria.

«Siamo sotto pressione, è da decenni che non ci troviamo in una situazione così stressante per il bilancio della Confederazione», ha da parte sua messo in guardia il ministro delle finanze Ueli Maurer. «Ciononostante siamo abbastanza rilassati perché abbiamo una buona situazione di partenza», ha aggiunto. Il Consiglio federale si attende un deficit di circa 2 miliardi di franchi, con entrate per 78,642 miliardi e spese per 80,725 miliardi. Il dibattito prosegue.

mh, ats