Verso nuove misure contro il «littering»

ATS

3.6.2020 - 17:55

Il Parlamento vuole misure contro il «littering»
Source: KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

Occorrono nuove misure per lottare contro l'abbandono di rifiuti, in particolare plastica, lattine, imballaggi e mozziconi di sigarette. Ne è convinto il Consiglio degli Stati che ha approvato oggi una mozione. Il governo dovrà preparare ora un disegno di legge.

Nel suo atto parlamentare, il friburghese ricorda come nonostante le misure finora adottate, i costi di pulizia imputabili al cosiddetto «littering» ammontano a circa 200 milioni di franchi all'anno.

Nelle zone rurali, le lattine di alluminio causano sempre maggiori problemi al bestiame, che ne ingerisce i detriti. Nella maggior parte dei casi deve essere abbattuto. Per questo motivo l'ex direttore dell'Unione svizzera dei contadini (USC) chiede misure più incisive.

Verso una discussione con i vari Cantoni

Affermando che il governo sostiene le rivendicazioni di Bourgeois, la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha ricordato come il Parlamento abbia negli scorsi anni respinto più volte norme contro il «littering», sostenendo che il tema sia di competenza cantonale.

Il prossimo passo, ha proseguito la titolare del Dipartimento dell'ambiente (DATEC), sarà quindi quello di avviare una discussione con i cantoni.

Plastiche oxo da vietare

I «senatori» hanno poi adottato una mozione della consigliera nazionale Isabelle Chevalley (PVL/VD), che chiede di vietare se possibile le cosiddette plastiche oxo. Grazie a un additivo queste plastiche si decompongono più velocemente di quelle tradizionali per effetto della luce o del calore, tuttavia liberano microplastiche nell'ambiente.

Gli Stati hanno pure approvato una mozione dell'ex consigliere nazionale Peter Schilliger (PLR/LU) che chiede che gli edifici e le opere di genio civile e stradali della Confederazione siano progettati e costruiti, laddove possibile, utilizzando materiali riciclati.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page