Direttore UFAM lascia per motivi di salute

ATS

7.11.2019 - 10:31

Marc Chardonnens (a destra) in una conferenza internazionale assieme alla ministra dell'ambiente tedesca Svenja Schulze
Source: KEYSTONE/AP AFP POOL/TOBIAS SCHWARZ

Dalla fine di gennaio 2020, Marc Chardonnens non sarà più direttore dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM). Il 59enne ingegnere agronomo friburghese lascia il suo incarico per motivi di salute. Lo indica oggi in una nota il Consiglio federale.

Chardonnens è a capo dell'UFAM dall'aprile 2016. Tra le tante cose, si è impegnato in modo particolare nell'ambito dell'attuazione dell'Accordo di Parigi sul clima, sia a livello nazionale attraverso la revisione della legge sul CO2, che sul piano internazionale, nel quadro delle Conferenze mondiali sul clima dell'ONU.

Durante il suo mandato Chardonnens, si legge nella nota governativa, ha dato impulsi decisivi a diversi progetti dell'UFAM, quali la revisione della legge forestale, l'attuazione del piano d'azione Biodiversità, la sostenibilità nel settore finanziario e l'economia verde. In questo contesto, ha sempre attribuito grande importanza a una proficua collaborazione con i Cantoni.

A livello internazionale Marc Chardonnens ha rappresentato in varie occasioni il capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), è stato membro dell'Ufficio di presidenza e del consiglio di amministrazione dell'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) e ha presieduto le prime due conferenze delle Parti della Convenzione di Minamata a Ginevra.

A causa di una grave malattia, Marc Chardonnens non potrà più svolgere pienamente la funzione di Direttore dell'UFAM, motivo per cui ha deciso di rassegnare le dimissioni, precisa ancora il comunicato. In futuro continuerà comunque a impegnarsi nell'ambito della politica ambientale, a tempo parziale e a livello internazionale, mettendo a disposizione del DATEC e di tutta la Svizzera la sua vasta esperienza e le sue conoscenze.

Ufficialmente Marc Chardonnens si dimetterà dalla carica di direttore alla fine di gennaio 2020. Il Consiglio federale, che ha preso atto delle dimissioni nella seduta di ieri, lo ringrazia «per i lunghi anni di lavoro prestato con dedizione e gli augura molte soddisfazioni nell'ambito del nuovo incarico nonché una pronta e completa guarigione».

Per il posto di direttore il DATEC indice un concorso pubblico. Christine Hofmann, Direttrice supplente dell'UFAM dal 2010, dirigerà ad interim l'ufficio federale fino alla nomina di una nuova direttrice o di un nuovo direttore, conclude la nota.

Tornare alla home page

ATS