Cambio di strategia L'esercito svizzero mette fine alla vendita dei suoi vecchi bunker

ev, ats

18.9.2023 - 08:17

I vecchi bunker dell'esercito hanno sempre un'utilità anche se la loro posizione è pubblicamente nota, secondo il capo dell'esercito Thomas Süssli (immagine simbolica)
I vecchi bunker dell'esercito hanno sempre un'utilità anche se la loro posizione è pubblicamente nota, secondo il capo dell'esercito Thomas Süssli (immagine simbolica)
Keystone

L'esercito svizzero non venderà più i suoi vecchi bunker. In risposta alla guerra in Ucraina le forze armate si decentralizzano maggiormente, ha dichiarato il capo dell'esercito Thomas Süssli in un'intervista ai giornali svizzerotedeschi del gruppo Tamedia.

18.9.2023 - 08:17

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Il capo dell'esercito svizzero Thomas Süssli spiega in un'intervista come ha aggiornato la difesa nazionale dopo lo scoppio della guerra in Ucraina.
  • L'esercito sta aumentando l'autoprotezione.
  • Per evitare che un avversario metta fuori gioco l'esercito con pochi bombardamenti, Süssli afferma che l'esercito si sta decentralizzando sempre di più.
  • Inoltre, sarà bloccata la vendita di bunker, sarà rafforzato il controspionaggio e sarà presa in considerazione l'acquisizione di droni da combattimento.

«Dobbiamo prendere quello che abbiamo», ha continuato il capo dell'esercito, che rivede attualmente il catalogo delle strutture di comando e di combattimento.

Anche bunker la cui posizione è pubblicamente nota potrebbero essere utilizzati. «Queste strutture possono sempre avere un'utilità militare se ne abbiamo molte in una determinata regione», afferma Süssli.

Questa decisione è in linea con la strategia presentata in agosto e incentrata sulla difesa nel contesto della guerra in Ucraina.

«Decentralizziamo sempre di più» per evitare che un avversario possa mettere fuori uso le forze armate con pochi bombardamenti, afferma Süssli.

Si pensa di comperare dei droni

L'esercito ha comunicato già ad agosto che si sta concentrando sempre più sulla difesa. Sulla scia della guerra in Ucraina, ha aumentato l'autoprotezione.

«Dobbiamo sempre proteggere i nostri rifugi e campi prima di proteggere gli altri», ha detto Süssli. Ha anche rafforzato il controspionaggio. L'esercito sta anche valutando l'acquisto di droni da combattimento.

Altre misure riguarderanno le forniture e le infrastrutture. Non ha voluto fornire dettagli. Alla domanda sulle scorte di munizioni in particolare, Süssli è stato cauto.

Pezzi di ricambio in magazzino

Da circa un anno, la divisione munizioni dell'azienda di armi Ruag appartiene al produttore italiano di armi e binocoli Beretta. «Sarebbe bene che la Svizzera avesse una certa autonomia nel settore delle munizioni», ha dichiarato Süssli.

La vendita della divisione munizioni è stata una decisione politica. Secondo il capo dell'esercito, in caso di crisi anche un'azienda svizzera avrebbe problemi a produrre munizioni. «Per questo motivo stiamo accumulando più scorte», ha detto. Come esempio, Süssli ha citato i pezzi di ricambio per il jet da combattimento F-35.

Garantire la cooperazione internazionale

Secondo Süssli, l'esercito assicura anche la cooperazione con altre forze armate. In caso di emergenza, questo non funzionerebbe immediatamente. Il contributo svizzero in Kosovo non deve essere sottovalutato dai membri della NATO.

Non sono ancora state prese decisioni concrete sulla misura in cui la Svizzera assumerà ulteriori compiti in loco. «La Svizzera potrebbe contribuire nei settori della difesa cibernetica o NBC, cioè nucleare-biologica-chimica», ha detto Süssli.

Nella sessione estiva, il Parlamento ha prorogato la missione svizzera in Kosovo fino al 2026.

ev, ats