Medio Oriente L'ex consigliera federale Dreifuss critica la sospensione dell'aiuto svizzero alle ONG palestinesi e israeliane

sifr, ats

11.11.2023 - 10:11

L'ex consigliera federale Ruth Dreifuss è stata il primo membro del Consiglio federale di origini ebraiche. (immagine d'archivio)
L'ex consigliera federale Ruth Dreifuss è stata il primo membro del Consiglio federale di origini ebraiche. (immagine d'archivio)
Keystone

L'ex consigliera federale socialista Ruth Dreifuss ha criticato la sospensione dei finanziamenti alle organizzazioni non governative (ong) palestinesi e israeliane. Questo indebolisce il movimento per la pace da entrambe le parti, ha dichiarato in un'intervista.

11.11.2023 - 10:11

Le ong promuovono la pace e la cooperazione nella società civile, ha dichiarato Dreifuss in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale «Schweiz am Wochenende».

«In quale altro posto al mondo, a parte il Medio Oriente, così tante persone si sono battute per la pace e i diritti umani per così tanto tempo e con attività concrete in una situazione così tesa?», ha chiesto. Ha definito la decisione del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) «più che sbagliata».

Il DFAE ha interrotto il suo sostegno a sei ong palestinesi e cinque israeliane alla fine di ottobre. La decisione è stata presa in considerazione della nuova situazione dopo l'attacco perpetrato da Hamas contro Israele il 7 ottobre e la ripresa delle ostilità in Medio Oriente.

Speranza nelle organizzazioni

L'impegno delle organizzazioni in Medio Oriente le fa sperare in una soluzione, ha detto Dreifuss. Deve esserci una soluzione. «Che sia con due Stati o con un unico Stato in cui tutti i popoli possano vivere insieme nel rispetto reciproco della loro diversità», ha detto l'ex consigliera federale del PS.

Nel frattempo, gli insediamenti israeliani hanno letteralmente bloccato la soluzione dei due Stati, nonostante la forma di uno Stato unificato debba ancora essere trovata.

Dreifuss è stato il primo membro del Consiglio federale di origine ebraica. Specialmente nella situazione attuale, i politici non dovrebbero essere ridotti al loro background ebraico, ha affermato. «La guerra riguarda tutti noi».

sifr, ats