Nazionale, raffica di domande critiche a Berset sulla gestione della crisi 

17.3.2021

Il Ministro della salute Alain Berset è stato sommerso dalle domande sulla strategia del Consiglio federale per la lotta al Covid-19.
Il Ministro della salute Alain Berset è stato sommerso dalle domande sulla strategia del Consiglio federale per la lotta al Covid-19.
kEYSTONE

Dopo un acceso dibattito sulla legge Covid-19, il Nazionale ha elencato le proprie rimostranze sulla gestione della crisi durante un dibattito urgente. Il Ministro dell'Interno Alain Berset ha risposto che la vaccinazione è la speranza più tangibile, ma che siamo ancora in balia di una terza ondata.

17.3.2021

Due giorni prima delle attese decisioni del Consiglio federale sul secondo pacchetto di misure di alleggerimento, mercoledì i deputati hanno criticato la strategia del Governo nel controllo della pandemia: tracciamento non abbastanza efficace, vaccinazione troppo lenta, uscita dal semi-confinamento troppo timida.

L'UDC si è impegnata in un fuoco di gruppo di domande rivolte al ministro della Salute. «Chi, un anno fa, avrebbe pensato che avremmo dovuto vivere così oggi», ha detto Roland Büchel (UDC / SG) alludendo alle molteplici restrizioni alle libertà private e alle libertà economiche.

Il Consiglio federale disciplina tutte le nostre attività fin nei minimi dettagli: «È sproporzionato». Büchel ha denunciato oggi la mancanza di prospettive. «Dopodomani siate coraggiosi», ha detto ai Sette Saggi.

Rammarico da tutti i partiti

Il PLR è dubbioso sulla strategia di vaccinazione. Il nostro risultato nel confronto internazionale non è così buono, ha osservato Olivier Feller (PLR / VD). Tuttavia, secondo lui, l'immunità collettiva della popolazione è un prerequisito essenziale per un ritorno alla normalità.

Sempre sui vaccini, Fabian Molina (PS / ZH) ha criticato la difesa svizzera dei brevetti su questi prodotti. Senza capacità vaccinali globali, l'intera strategia viene messa in discussione e rischiamo di rimanere isolati.

Altri, come Ruth Humbel (Centro / AG), sono preoccupati per il futuro passaporto Covid, che vuole unificato per tutta la Svizzera. Dal punto di vista dei viaggi, vuole un approccio coordinato con l'Europa. Jörg Mäder (PVL / ZH) si è rammaricato della mancanza di serietà che la Svizzera ha adottato nei confronti della digitalizzazione nel campo della legge sulle epidemie.

Solo Balthasar Glättli (Verdi / ZH) ha mostrato comprensione per la strategia basata sul rischio della Confederazione: «Non vogliamo inciampare ciecamente nella terza ondata», ha detto. Lo scorso autunno i cantoni hanno deciso precipitosamente le riaperture nonostante gli avvertimenti degli scienziati; il federalismo ha i suoi limiti, secondo lui.

Legittima ignoranza

In risposta a tutti questi interventi, il consigliere federale Alain Berset ha chiesto di inserire le decisioni nel loro contesto. «L'anno scorso non avevamo ancora idea dell'impatto del Covid-19 sulle nostre vite. Da allora è stato compiuto un lavoro immenso», ha affermato, ringraziando ancora una volta la popolazione, gli attori dell'economia, i Cantoni e le amministrazioni per gli sforzi compiuti.

Oggi ci sono indicazioni che una terza ondata potrebbe essere evitata. Ma i dati attuali non stanno andando nella giusta direzione. Tre dei quattro criteri fissati per la riapertura non sono soddisfatti (incidenza, tasso di riproduzione, letti di terapia intensiva e tasso di positività), ha ricordato il Consigliere federale. «Questi sono indicatori, non vogliamo automatismi», ha però sottolineato.

Il Consiglio federale deciderà venerdì. La campagna di vaccinazione porta molte speranze. «Questa è la nostra migliore occasione per uscire dalla crisi». Berset ha ribadito che la Svizzera ha scelto la strategia giusta in questo settore quando all'inizio erano in corso più di 120 progetti.

I Cantoni sono prudenti

Le proposte di uscita dal semi-confinamento che si trovano sul tavolo riguardano la riapertura delle terrazze dei ristoranti, la possibilità di assistere ancora ad una partita o ad un concerto all'aperto, eventi pubblici e incontri privati, ecc. Il numero di persone dovrebbe essere sempre strettamente limitato a seconda delle circostanze.

Le misure sono state presentate ai Cantoni, che hanno dato lunedì il loro parere.. Data l'incertezza sull'evoluzione dell'epidemia, la Conferenza dei direttori cantonali della sanità ha chiesto una cauta riapertura.