Il politologo Stojanovic

Il politologo: «Cassis ha ben poco da perdere»

Di Alex Rudolf

12.12.2021

Ignazio Cassis mercoledì 8 dicembre è stato eletto Presidente della Confederazione per il 2022.
Ignazio Cassis mercoledì 8 dicembre è stato eletto Presidente della Confederazione per il 2022.
KEYSTONE

Il seggio di Ignazio Cassis, eletto mercoledì a presidente della Confederazione, rischia di traballare alle prossime elezioni: il politologo Nenad Stojanovic spiega il perché e cosa deve fare il ticinese per sfruttare la sua attuale posizione.

Di Alex Rudolf

12.12.2021

Nenad Stojanovic, il consigliere federale Ignazio Cassis è stato eletto mercoledì nuovo presidente della Confederazione con 156 voti, ovvero col peggior risultato dall'elezione di Ueli Maurer nel 2013. Cosa ne pensa?

Questo numero non è molto significativo. La decisione se qualcuno viene eletto presidente della Confederazione è presa dal Parlamento. Se un candidato raggiunge la maggioranza assoluta, cosa che Cassis ha fatto facilmente, viene eletto. La percentuale di «no» non è importante.

Tuttavia, quest'elezione perde un po' di splendore quando si pensa ai buoni risultati degli ultimi anni...

La si può vedere così. Si può solo speculare sulle ragioni di questo risultato, perché l'elezione è segreta. Molti uomini di sinistra probabilmente non avranno votato per lui perché non sono d'accordo con la sua politica europea. Tuttavia, il fatto che i presidenti siano puniti quando vengono eletti è piuttosto comune e fa parte del processo politico qui in Svizzera. Micheline Calmy-Rey non ha ricevuto quasi nessun voto dall'UDC.

Nenad Stojanovic
Nedad Stojanovic
KEYSTONE

Il politologo ticinese Nenad Stojanovic ha una cattedra del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica all'Università di Ginevra, dopo aver insegnato alle Università di Zurigo e Lucerna. (aka)

I Verdi e i Verdi Liberali stanno ovviamente puntando a uno dei due seggi del PLR in Consiglio Federale. Il risultato elettorale è un segnale d'avvertimento per Cassis?

No, ma indipendentemente dalle elezioni di mercoledì, è chiaro che il secondo seggio PLR sarà sotto attacco. In termini di forza del partito, i Liberi Democratici sono chiaramente sovrarappresentati oggi. Se c'è un altro attacco dopo le elezioni tra due anni, Cassis è più a rischio di Karin Keller-Sutter.

Perché?

Keller-Sutter gode semplicemente di più sostegno in Parlamento, dal gruppo di Centro ai Verdi e fino al PS. Inoltre, il Legislativo sarà attento a non estromettere una donna.

Tornando all'anno presidenziale di Cassis: riuscirà a lasciare il segno come ha fatto Guy Parmelin?

Cassis ha molto poco da perdere. Se si crede ai sondaggi e ai barometri dell'umore in Parlamento, non è un politico molto popolare. Dovrebbe cogliere l'opportunità di guadagnare in statura e quindi conquistare più simpatia. Nei rapporti personali, è una persona molto simpatica. La sua strategia di fondare il suo anno presidenziale sulla «coesione interna della Svizzera» è intelligente.

Non è un paradosso? Dopo tutto, è ministro degli esteri e deve rappresentare la Svizzera a livello internazionale.

Ma non è questo il caso. Nella sua funzione di ministro degli esteri, viaggia regolarmente e partecipa a molti eventi prestigiosi all'estero. Quando un consigliere federale presiede un altro dipartimento, questa opzione è allettante perché è davvero qualcosa di speciale. Cassis non ha bisogno di questo prestigio e si concentra sulla Svizzera, il che mi sembra molto buono.

Quanto è importante per il Ticino che, per la prima volta dai tempi di Flavio Cotti nel 1998, un ticinese presieda il Consiglio federale?

Questa importanza simbolica non deve essere sottovalutata: la Svizzera italiana ha dovuto attendere a lungo prima di vedere il suo primo presidente. È accaduto solo nel 1915, dopo che lo Stato federale svizzero esisteva già da 67 anni.