Covid

L'epidemiologo: «Se non affrontiamo la pandemia a livello globale non finirà mai»

Di Uz Rieger

16.12.2021

In una delle precedenti ondate di Covid, un paziente di Berna viene trasferito all'ospedale universitario di Losanna: gli esperti temono un rapido sovraccarico del sistema sanitario svizzero con l'arrivo della variante Omicron.
In una delle precedenti ondate di Covid, un paziente di Berna viene trasferito all'ospedale universitario di Losanna: gli esperti temono un rapido sovraccarico del sistema sanitario svizzero con l'arrivo della variante Omicron.
archivio

Gli ospedali svizzeri sono di nuovo sottoposti a forti pressioni e Omicron rischia di esacerbare la situazione. Per l'epidemiologo Jürg Utzinger, l'avanzata della variante è anche segno del fallimento della comunità internazionale.

Di Uz Rieger

16.12.2021

Con il peggioramento della situazione legata alla pandemia di Covid, il Canton Neuchâtel ha dichiarato sabato un'allerta rossa. Ha seguito a ruota il Canton Vaud, che domenica ha decretato una «crisi cantonale». In un'intervista al «Blick», Anne Lévy, direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica, ha espresso le sue preoccupazioni per la situazione attuale. Già non era tranquilla prima e lo è men che meno ora, con l'arrivo di Omicron. Si prevede che questa nuova variante possa essere quella dominante entro l'inizio del 2022. «O forse anche prima», secondo Lévy.

Il direttore dell'Istituto svizzero di sanità tropicale e pubblica (Swiss TPH) Jürg Utzinger spiega a blue News alcuni aspetti nascosti della variante, che è potenzialmente altamente contagiosa. Chiarisce anche perché Omicron in particolare mostra che gli egoismi nazionali ostacolano il superamento della pandemia.

Cosa la preoccupa di più di Omicron, signor Utzinger?

La facile trasmissibilità e la relativa rapida diffusione. Studi della provincia di Gauteng in Sudafrica hanno dimostrato che il numero di riproduzione di base, noto come R0, è superiore a 2. Ciò ha portato a un aumento esponenziale del numero di casi e allo scavalcamento della variante precedentemente dominante.

Informazioni sulla persona
Jürg Utzinger
zVg / TPH svizzero

Jürg Utzinger è professore di epidemiologia all'Università di Basilea e dal 2015 è direttore dell'Istituto svizzero di sanità tropicale e pubblica (Swiss TPH). I suoi interessi di ricerca e le sue attività didattiche si concentrano sull'epidemiologia, sulle malattie tropicali trascurate e sulla valutazione degli impatti sulla salute di progetti su larga scala nei Paesi a basso e medio reddito.

Se Omicron dovesse prevalere anche sulla variante Delta in Europa, dovrebbero essere prese ulteriori misure. Il fatto è che Delta sta ancora crescendo esponenzialmente in Svizzera. Se si aggiungesse un'ondata di Omicron ancora più rapida, il sistema sanitario nel Paese raggiungerebbe molto presto i suoi limiti.

È possibile dire qualcosa di positivo sulla variante?

I dati di diversi paesi mostreranno nei prossimi giorni o settimane se Omicron porta davvero a decorsi meno gravi, come si evince dai primi rapporti.

Tuttavia, la situazione in Sudafrica non può essere trasferita 1:1 in Svizzera. Nel nostro Paese, infatti, la popolazione a rischio – cioè le persone anziane e quelle con malattie pregresse – è già ben vaccinata, in alcuni casi anche con la dose di richiamo.

Oltre alle grandi domande sulla trasmissibilità e la gravità di decorso della malattia, sappiamo ancora poco sull'effetto dei vaccini sulla variante. Ci sono le prime indicazioni che la vaccinazione protegge anche dai decorsi gravi con Omicron. E questa sarebbe una buona notizia.

Quali ulteriori misure sarebbero importanti ora?

Il punto centrale rimane la vaccinazione. Le persone che non lo sono ancora devono essere rese consapevoli dei benefici della vaccinazione e le possibilità di accedervi devono essere facilitate. Inoltre, la campagna di richiamo deve continuare a guadagnare slancio e l'offerta di immunizzazione deve essere estesa ai bambini a partire dai cinque anni. Swissmedic ha dato il suo via libera e la Commissione federale per la vaccinazione lo ha fatto martedì.

Ovviamente il fatto di indossare la mascherina rimane molto importante. Dovrebbe essere usata in modo molto più costante al chiuso durante i mesi freddi, indipendentemente dal fatto che si sia vaccinati o meno. Nuovi studi dimostrano che il corretto uso di una mascherina, in particolare le FFP2, protegge molto bene dall'infezione da Covid. Soprattutto nei trasporti pubblici, dovrebbe essere preso in considerazione il requisito di una mascherina FFP2.

L'emergere di Omicron è anche una conseguenza della mancanza di solidarietà internazionale?

La comunità internazionale ha finora fallito. Da un lato, abbiamo fatto progressi incredibili in termini di vaccini, ma i paesi ricchi ne hanno poi fatto un'ampia scorta, tanto che ora scarseggiano. Quindi mentre noi in Svizzera siamo nella comoda posizione che tutte le persone a partire dai 12 anni sono già state vaccinate due volte e abbiamo iniziato con il booster, nei paesi più poveri nemmeno i gruppi a rischio sono immunizzati.

Stiamo affrontando una crisi sanitaria globale che richiede soluzioni globali. Dobbiamo fare tutto il possibile per garantire che le vaccinazioni siano promosse il più rapidamente possibile in tutti i paesi. Maggiore è la percentuale di persone immunizzate nel mondo, minore è il rischio che nuove varianti emergano e si diffondano.

La comunità internazionale deve affrontare con vigore questo problema. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa un miliardo di dosi di vaccino siano accumulate dai paesi ricchi. Come primo passo, sarebbe necessario che esse siano distribuite a quelli più poveri, allo scopo di proteggere i gruppi a rischio e gli operatori sanitari da gravi malattie o morte.

Si tratta di un compito erculeo, ma c'è un meccanismo per affrontarlo: la «Covax Facility». La Svizzera ha consegnato diversi milioni di dosi di vaccino a Covax e sostiene finanziariamente l'iniziativa.

Limitare il traffico aereo con il Sudafrica è stato giusto o controproducente?

È assolutamente essenziale disporre di un sistema globale di allarme rapido e di un buon monitoraggio al fine di individuare le malattie infettive emergenti il più rapidamente possibile e di essere in grado di reagire immediatamente. Il Sudafrica svolge un ruolo pionieristico in questo senso: le capacità del personale specializzato e le infrastrutture necessarie sono disponibili per fare proprio questo. La prova è che due varianti di Covid sono state immediatamente segnalate alla comunità mondiale. Quindi sarebbe sbagliato «punire» un paese come il Sudafrica.

È comprensibile che si voglia reagire rapidamente, ad esempio con divieti d'ingresso, se c'è il rischio di introdurre nuove varianti perché ogni giorno conta. Tuttavia, se Omicron è già stata rilevata in oltre 20 paesi nel giro di pochi giorni, ciò significa che la variante sta già circolando fortemente e i divieti di viaggio ora sono di scarsa utilità. Inoltre, la brusca riduzione dei volo ha un effetto controproducente in quanto beni essenziali come i materiali di laboratorio per il sequenziamento non possono più essere trasportati da un paese all'altro, il che mette in pericolo i sistemi di monitoraggio.

A che punto sono i sistemi di allerta precoce?

C'è ancora molto lavoro da fare. La pandemia di Covid ha dimostrato che molti paesi e la comunità globale nel suo complesso erano mal preparati a uno scenario del genere. Negli ultimi due anni è diventato chiaro che è necessario investire fondi aggiuntivi nella costruzione e nella manutenzione di sistemi di allarme rapido.

Per questo è essenziale che la scienza sia strettamente integrata e che la cooperazione sia condotta oltre i confini nazionali. Il finanziamento di questi sistemi deve essere garantito anche al di fuori della pandemia acuta, compreso lo scambio di dati da un paese all'altro.

Quando si aspetta che il virus diventi endemico?

Potrei immaginare che noi in Europa potremmo trovarci in una situazione endemica l'anno prossimo o quello dopo: gran parte della popolazione è già stata vaccinata o guarita, quindi la sieroprevalenza è elevata. D'altra parte, il Sars-CoV-2 ci ha ripetutamente superati in astuzia, quindi poter predire ora come ora quando finirà la pandemia è un po' come guardare nella sfera di cristallo.

Ma il punto cruciale è: abbiamo nelle nostre mani un sistema per porre fine alla pandemia il più rapidamente possibile, ossia accettando il problema come una sfida globale e affrontandolo insieme. Il vaccino è il proiettile d'argento e deve essere distribuito in modo rapido ed equo in modo che il maggior numero possibile di persone sia protetto e si possa ridurre al minimo l'emergere e la rapida diffusione di nuove varianti.