«Il triage è un compito molto, molto difficile»

Di Gil Bieler

6.12.2021

Medici e infermieri si prendono cura dei pazienti Covid presso l'Ospedale Triemli di Zurigo
Nell foto alcuni medici e infermieri si prendono cura dei pazienti Covid presso l'Ospedale Triemli di Zurigo
Keystone/Gaetan Bally

Per chi c'è ancora un letto in terapia intensiva e per chi no? Visto il peggioramento della situazione pandemica, il personale ospedaliero è di nuovo confrontato con la necessità di prendere decisioni difficili. Un'esperta di etica spiega le insidie del triage e perché la scelta di vaccinarsi non dovrebbe giocare un ruolo.

Di Gil Bieler

6.12.2021

A causa del peggioramento della situazione, in un ospedale del Canton Argovia negli scorsi giorni si è stati costretti a dover effettuare un triage. In altre parole, ci sono più persone che hanno bisogno di un posto nell'unità di terapia intensiva rispetto al numero di letti liberi. La decisione su chi ammettere e chi no spetta quindi al personale sanitario.

L'Accademia svizzera di scienze mediche (SAMS) ha elaborato linee guida per questa procedura, chiamata appunto «triage». L'esperta di etica Sibylle Ackermann spiega in un'intervista a blue News cosa significa.

Alle persone non vaccinate non dovrebbero essere dati letti di terapia intensiva: è quanto sostengono in molti sui social media. Come valuta questa affermazione?

Informazioni sulla persona

Sibylle Ackermann è un'esperta di etica e capo del Dipartimento etico dell'Accademia svizzera delle scienze mediche (SAMS).

Io la vedo in modo decisamente diverso. Naturalmente, raccomandiamo a tutti di farsi il vaccino, che è il mezzo centrale per proteggere gli ospedali dal sovraccarico. Ma per il SAMS è essenziale che la decisione su chi ammettere in terapia intensiva, in caso di carenza di risorse, si basi esclusivamente su criteri medici. Le risorse disponibili del sistema sanitario devono essere utilizzate in modo tale da garantire un'assistenza adeguata a tutte le persone in condizioni critiche, indipendentemente dal fatto che soffrano di Covid-19 o di altre malattie e da quale sia il loro stato vaccinale.

Ma le persone che deliberatamente non si vaccinano contro il Covid sono consapevoli del rischio che ciò comporta...

Se la pensiamo così, allora dobbiamo considerare che ci sono così tante altre persone che si assumono dei rischi. I fumatori, ad esempio, o chi pratica sport estremi. O i genitori che lasciano che il loro bambino si arrampichi nel parco giochi su un albero. Tutto ciò comporta un rischio, e sarebbe orribile se mi venisse chiesto al pronto soccorso: «Da dove è caduto esattamente tuo figlio? Ah, da un albero...». Ritengo quindi che la decisione non debba essere presa in base a tali fattori.

Il triage è necessario solo a causa della pandemia di Covid, non perché troppi bambini cadono dagli alberi. Questo non ha un'importanza etica?

No. Tutti i pazienti che hanno bisogno di un intervento medico devono essere trattati secondo gli stessi criteri. Questo principio si applica sempre. La nostra società dà grande valore all'autodeterminazione e alla responsabilità personale, e questo vale anche per la vaccinazione. 

Cosa dire invece di un'altra affermazione sentita spesso, ossia che le persone non vaccinate dovrebbero essere messe in basso nella lista d'attesa?

Il triage si basa su criteri puramente medici, e la visione del mondo non lo è. È però vero che coloro che non sono vaccinati hanno un rischio maggiore di un grave decorso della malattia. Se poi si aggiungono altri fattori di rischio, la prognosi per queste persone può diventare molto brutta. Quindi hanno un rischio corrispondentemente peggiore se si verifica una situazione di triage, anche perché non sono immunizzate. Ma lo stato vaccinale di per sé non è il criterio decisivo.

Quali sono i criteri di triage più importanti in base ai quali si decide chi ottiene un posto nel reparto di terapia intensiva?

Prima di tutto, deve essere chiaro che il triage deve sempre essere l'ultima risorsa. Se è inevitabile, si tratta di una questione di chi ha bisogno di un trattamento intensivo e chi ha le migliori possibilità di sopravvivenza a breve termine grazie a questo trattamento. 

Nella pandemia, dobbiamo considerare tutti i pazienti che normalmente sarebbero ricoverati nell'unità di terapia intensiva: ci sono anche quelli che possono essere curati in un reparto normale con uno sforzo supplementare? Se sì, non saranno ricoverati in terapia intensiva.

D'altra parte, ci sono persone che anche con la terapia intensiva completa, avrebbero solo una scarsa possibilità di sopravvivenza. Anche questi pazienti gravemente malati non possono essere presi in considerazione nel triage e vengono quindi curati palliativamente. Questo può essere il caso se qualcuno è molto debole e fragile o soffre già di una o più malattie gravi.

Ciò significa che i pazienti più giovani hanno maggiori probabilità di essere considerati rispetto a quelli più anziani?

L'età di per sé non ha importanza, ma bisogna sempre decidere caso per caso. Un 80enne che scala regolarmente le cime delle montagne può essere più in forma e sopravvivere al trattamento di terapia intensiva con migliori probabilità rispetto a un 50enne già gravemente malato. Ma naturalmente, in media, le persone in età avanzata hanno una maggiore fragilità e spesso più malattie rispetto a quelle più giovani.

Le linee guida per il triage sono state riviste più volte dall'inizio della pandemia perché le circostanze sono cambiate. Sarà di nuovo necessario?

Le linee guida sono state sviluppate dalla SAMS in collaborazione con la Society for Intensive Care Medicine e se necessario saranno di nuovo adattate. Siamo ora alla quarta versione, che risale a settembre. È quindi ancora relativamente fresca e tiene conto, ad esempio, del fatto che l'età media dei pazienti Covid nelle unità di terapia intensiva è significativamente inferiore rispetto all'autunno 2020. Se necessario, modificheremo nuovamente le linee guida. Al momento, questo non è all'orizzonte. Anche noi non possiamo sapere come sarà la situazione tra due mesi e cosa porterà la variante Omicron.

Le linee guida forniscono un orientamento, ma la decisione di triage rimane un onere importante per il personale ospedaliero...

Si tratta di un fattore enormemente stressante, sì. Il triage è un compito molto, molto difficile. Ecco perché le nostre linee guida affermano anche che il triage deve sempre essere l'ultima risorsa. In primo luogo, le operazioni pianificate devono essere posticipate e i pazienti devono essere trasferiti in ospedali di altre regioni se hanno ancora posto. Anche su questo forniamo indicazioni con le nostre linee guida. Tuttavia, la responsabilità di chi può e non può essere preso in considerazione nel triage spetta sempre al medico curante e al suo team in loco. In linea di principio, i medici sono abituati anche a questo, ad esempio quando al pronto soccorso arrivano tutte insieme molte vittime di incidenti. Ma sì, rimane una cosa decisamente molto stressante.

Tuttavia, è anche stressante per i malati di cancro che ora devono magari aspettare per potersi operare perché le unità di terapia intensiva sono piene.

Anche in questo caso bisogna pensare alla possibilità di sopravvivenza. Ci sono operazioni che non hanno un impatto importante su di essa se vengono posticipate di qualche settimana, come ad esempio un intervento all'anca. E quindi si prende in considerazione questa possibilità in caso di carenza di risorse. Ma ci sono altri casi in cui la procrastinazione diventa un problema, come ad esempio in oncologia o cardiologia. E anche qui è importante che questi casi siano valutati e presi in considerazione sulla base dei criteri di triage. Chiunque abbia bisogno di cure intensive dovrebbe riceverle. E questo non vale solo per i pazienti Covid.