Covid

In alcune scuole il numero di casi di Covid sale alle stelle

Maximilian Haase

30.8.2021

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
KEYSTONE

In alcuni cantoni i numeri di nuove infezioni da Sars-CoV-2 nelle scuole esplodono dopo le vacanze estive. È anche il caso del Seeland bernese, ma non solo.

Maximilian Haase

30.8.2021

La normalità dovrebbe tornare lentamente nelle scuole dopo le vacanze. Dal 15 agosto, le classi sono tornate in presenza in molti cantoni, con aule affollate ma anche con le corrispondenti precauzioni contro il Covid. Anche se le regole differiscono da cantone a cantone, il consenso sembra chiaro: nessun obbligo di portare la mascherina (salvo in Ticino), aerazione regolare dei locali e ampie offerte di test ripetitivi.

È anche il caso del cantone di Berna, dove gli alunni sono tornati alle loro classi una quindicina di giorni fa. Accompagnati dall'ansiosa domanda che alcuni si sono posti: il virus avrebbe avuto vita più facile nelle scuole durante questi 14 giorni? I timori sembrano ora essere confermati in molti luoghi, anche nel Seeland bernese. Come «blue News» ha infatti appreso, il numero di infezioni in alcune scuole di Schüpfen è in forte aumento.

Secondo un rapporto, almeno una classe elementare, una scuola superiore e una scuola materna sono colpite. Il numero di casi di Covid sta aumentando in modo esplosivo. Su richiesta di «blue News», il Dipartimento bernese dell'educazione e della cultura ha confermato una crescita del numero di infezioni ma non ha dato cifre concrete. Ha pure confermato che gli alunni sono in quarantena.

Tuttavia, il cantone non ha potuto confermare l'informazione di «blue News» secondo la quale i test rapidi erano appena stati sospesi. Da maggio, la scuola in questione ha «partecipato a test a tappeto una volta alla settimana, il giovedì». La direzione cantonale della sanità ha anche scritto, poiché interpellato, che dal 16 agosto, i test sono stati condotti regolarmente una volta alla settimana. «Sono ancora in corso questa settimana», ha specificato a «blue News» il Cantone, sottolineando che i kit di test disponibili sono sufficienti.

«Nessun cambiamento rilevante»

Dopo le vacanze estive, le elementari del canton Berna dovevano testare per «almeno altre tre settimane», come aveva annunciato la Direzione dell'educazione prima dell'inizio della scuola. La partecipazione ai test è però volontaria. I bambini dell'asilo non sono coinvolti.

Da maggio, il cantone ha offerto test ripetitivi nelle scuole. Se uno di questi test fatto in gruppo con almeno quattro alunni, è positivo, i membri del gruppo corrispondente devono essere ritestati con l'aiuto della protezione civile. L'apprendimento a distanza avrebbe poi avuto luogo per la classe interessata nei due giorni successivi.

In totale, quasi 85.000 alunni sono stati testati nel canton Berna la scorsa settimana, 81 dei quali con un risultato positivo, ha comunicato il dipartimento della salute a «blue News». Rispetto alla settimana precedente, quando 63 dei 72.000 test erano positivi, non c'è stato «nessun cambiamento rilevante». A causa dell'alta proporzione della variante delta in Svizzera, «non viene fatta una separazione speciale tra le varianti».

Test di gruppo positivi in aumento

Dopo le vacanze estive, si è registrato un forte aumento dei test positivi in
numerose scuole in Svizzera. Secondo una comunicazione del Gruppo Hirslanden, il tasso di positività ai test in gruppo è passato dallo 0,15% al 2,02% rispetto ai test prima delle vacanze. Il gruppo della clinica privata gestisce una piattaforma che molti cantoni usano per i test ripetitivi nelle scuole.

Nel canton Argovia, le autorità hanno notato un aumento dei test in gruppo positivi di trenta volte  nella seconda settimana di scuola. Come riportato dalla «Aargauer Zeitung», le squadre d'esame non avrebbero più tenuto il passo. Secondo il sito d'informazione «Nau.ch», 27 scuole hanno di nuovo imposto un obbligo dell'uso della mascherina per due settimane.

Nei Grigioni, notizia di lunedì, la sede scolastica di Maloja resta chiusa da per una settimana poiché vi sono stati scoperti 20 casi tra gli alunni e tre tra i docenti. A Roveredo una classe è rimasta a casa. 

Nel frattempo, Lucerna, Basilea e Sciaffusa, tra gli altri, hanno evidenziato un numero crescente di casi dopo le vacanze estive. Anche qui  sono state reintrodotte le mascherine obbligatorie. Nella maggior parte dei casi, il ritorno dei vacanzieri è responsabile dell'aumento. In Ticino, dove le scuole si sono riaperte oggi, l'obbligo di portare la mascherina è entrato in vigore da subito per le prime due settimane, sia per gli allievi che per i docenti.

Cantoni responsabili

Il ministro della sanità Alain Berset ha ricordato che i garanti della protezione dei bambini dal Covid sono i cantoni, poiché responsabili delle scuole. Il Consiglio federale ha fatto raccomandazioni chiare, per esempio, per i test regolari, ha detto Berset venerdì ad «Arena» sulla SRF.

Berset ha spiegato che i test regolari dovrebbero essere eseguiti in tutte le scuole per controllare le epidemie di virus. I cantoni devono fare di più in questo campo. La raccomandazione del governo è chiara. La settimana scorsa il Consiglio federale ha deciso che i test ripetitivi nelle scuole e nelle aziende continueranno ad essere finanziati dalla Confederazione.

Scritto anche con materiale di ATS.