Morte accordo quadro

Invece di applaudire, Blocher «spara» su Karin Keller-Sutter 

Di Gil Bieler

28.5.2021

Politici lungimiranti: l'ex consigliere federale e stratega del partito SVP Christoph Blocher.
Politici lungimiranti: l'ex consigliere federale e stratega del partito SVP Christoph Blocher.
KEYSTONE

Per Christoph Blocher il fallimento dell'accordo quadro è un «grande trionfo per la Svizzera». Ma lo stratega dell'UDC è già un passo avanti, e guarda alla consigliera federale Karin Keller-Sutter, che ora dovrebbe appianare le cose con l'Unione Europea.

Di Gil Bieler

28.5.2021

Le opinioni nel paese differiscono ampiamente su come valutare la fine dell'accordo quadro con l'UE. Un disastro, la possibilità di un nuovo inizio o un buon giorno per la Svizzera: si sente davvero un po' di tutto. L'esultanza proviene principalmente dallo spettro politico di destra.

Un nome che viene evocato molto spesso è quello di Christoph Blocher. Lo stratega dei democentristi ha ottenuto la sua «più grande vittoria», ha commentato il portale svizzerotedesco «Watson». Anche il consigliere nazionale UDC e caporedattore della «Weltwoche» Roger Köppel ha lodato il decano del partito su Twitter, definendolo «uccisore di draghi» (Drachentöter ndt.)

Blocher, lui, è rimasto in silenzio. Ha parlato solo nell'ultima edizione di oggi del suo programma online «Teleblocher», per il quale è regolarmente intervistato con molto garbo dal giornalista Matthias Ackeret. La prima cosa che il giornalista vuole sapere è se questo è davvero il suo più grande trionfo. «No», risponde l'ottantenne ex consigliere federale con la sua solita dose di eufemismo. «Ma devo dire che è un grande trionfo per la Svizzera».

Lodi per Ignazio Cassis, rimproveri per Karin Keller-Sutter

Blocher elogia il federalismo e sottolinea la specificità elvetica in cui i cantoni hanno una grande sovranità e l'elettorato ha voce in capitolo. Loda poi il fatto che questa volta il Consiglio federale ha deciso da solo, cioè ha interrotto i negoziati. Il fatto che il popolo non sia stato nemmeno consultato su questa questione innovativa non sembra essere una contraddizione in termini.

Per una volta Blocher è persino conciliante nei confronti del Governo, il «massimo rappresentante» della «classe politique»: elogia la comunicazione del presidente Guy Parmelin (UDC) e del ministro degli Esteri Ignazio Cassis (PLR), che sono apparsi mercoledì davanti ai media «in modo statuario» e con un «messaggio chiaro»: «Questo è coraggioso».

Ma che dire della ministra della giustizia Karin Keller-Sutter (PLR), anche lei presente in conferenza stampa? «È diventata loquace - dice Blocher - e nessuno ha capito bene». La critica può sembrare mite nel tono, ma in termini di contenuto ha un peso perché Blocher è infastidito dall'annuncio del Consiglio federale che il Dipartimento di giustizia dovrebbe ora trovare aree in cui la Svizzera può allineare le sue norme legali con quelle dell'UE.

Non vuole affatto gli stessi standard dell'UE, ha detto Blocher: «Gli svizzeri sono svizzeri dopo tutto, siamo diversi dagli altri». Se l'UE vuole iniziare «una guerra economica» per questo, la Svizzera non deve avere paura. Anche Bruxelles ha interesse ad avere buone relazioni economiche.

Invece di cercare febbrilmente un piano B, il Consiglio federale dovrebbe semplicemente aspettare e vedere cosa succede se non si fa nulla: «Le cose stanno andando bene». La Svizzera è di grande importanza economica per l'UE, «non si abbandona un cliente così». Se dovessero sorgere problemi, dovrebbero essere risolti caso per caso.

Nel corso della conversazione, Blocher fa altre puntualizzazioni contro Keller-Sutter, che, secondo gli osservatori, sta prendendo la guida della politica europea in Consiglio federale. Sta perseguendo «una strategia parallela» per interesse di potere - «vuole togliere qualcosa al signor Cassis». Gli dispiace quasi per il ministro degli esteri: «Alla fine, si fa uscire  il Ticino dal Consiglio federale».

L'astuto tattico sta quindi già preparando il terreno per la prossima votazione, se il Consiglio federale volesse accontentare l'UE? Non sarebbe atipico, dopo tutto, Blocher elogia anche la sua lungimiranza nell'episodio 717 di «Teleblocher»: «Bisogna sempre guardare lontano. Dovete pensare come l'UE, dovete pensare come l'America, ma agire come uno svizzero».

«La soppressione non è ancora completa»

La rottura dei negoziati sull'accordo quadro è certamente paragonabile al rifiuto popolare dell'adesione allo spazio economico europeo (SEE) nel 1992, dice Blocher, «perché la questione di base con l'SEE era la stessa di adesso».

Entrambe le volte si trattava di decidere se si voleva adottare automaticamente il diritto europeo. Ed entrambe le volte i suoi avversari politici pensavano che Blocher stesse vedendo dei fantasmi quando metteva in guardia sui pericoli. All'inizio anche all'interno dell'UDC, alcuni avevano la stessa impressione.

Il Governo ha respinto l'accordo quadro solo quando finalmente se ne è occupato, ha detto Blocher. Prima l'aveva solo represso per molto tempo. «E la soppressione non è ancora completa».

Alla fine della trasmissione, Blocher avverte con enfasi che il Consiglio federale potrebbe ora cercare di servire «vino vecchio in otri nuove». Ciò significa che qualsiasi cosa faccia ora la ministra della giustizia Keller-Sutter, Blocher la osserverà da vicino.