Diritti umani in Kashmir: Amnesty Svizzera chiede che se ne discuta

ATS

10.9.2019 - 16:12

La sezione svizzera di Amnesty International chiede una discussione sui diritti umani in India in vista della visita del presidente indiano Ram Nath Kovind (nella foto).
Source: KEYSTONE/EPA/HARISH TYAGI

La sezione svizzera di Amnesty International chiede una discussione sui diritti umani in India in vista della visita – venerdì prossimo a Berna – del presidente indiano Ram Nath Kovind.

L'organizzazione non governativa ha particolarmente a cuore i casi di «caccia agli oppositori politici nel Jammu e Kashmir». Amnesty ha inviato al presidente della Confederazione Ueli Maurer e al ministro degli esteri Ignazio Cassis una sintesi dei principali punti critici, si legge in un comunicato odierno.

Situazione peggiorata da agosto

Secondo l'ONG la situazione nello Stato del Jammu e Kashmir è peggiorata da quando, il 5 agosto, è stata tolta l'autonomia costituzionale. L'opposizione è vittima di aggressioni e la regione è isolata per un black-out delle comunicazioni e importanti limitazioni nei trasporti.

Anche la decisione di escludere quasi due milioni di persone, cittadini dell'Assam, dalla nazionalità indiana è fonte di grande preoccupazione. La tensione fra induisti e musulmani nel Paese è alta.

Il presidente indiano Ram Nath Kovind sarà ricevuto da una delegazione del Consiglio federale venerdì a Berna. Ai colloqui parteciperanno il presidente della Confederazione Ueli Maurer, la vicepresidente Simonetta Sommaruga e i ministri Guy Parmelin e Ignazio Cassis.

La Svizzera in immagini

Tornare alla home page

ATS