Decisioni mercoledì?

La pandemia agita gli animi in attesa del Consiglio federale

5.9.2021

Il consigliere federale Alain Berset
Il consigliere federale Alain Berset
KEYSTONE/Peter Klaunzer

La pandemia di Covid continua a smuovere gli animi in Svizzera, mentre il Consiglio federale potrebbe decidere di prorogare il certificato Covid già questo mercoledì. Alcune migliaia di persone hanno manifestato sabato a Coira e poche centinaia domenica a Berna contro le misure anti-Covid decise dal Governo.

5.9.2021

Il Consiglio federale dovrebbe estendere il certificato Covid a ristoranti e cinema mercoledì prossimo, riporta la SonntagsZeitung. Lo ha accennato il ministro della Salute questo venerdì durante un incontro con i presidenti dei partiti di governo (Udc, PS, PLR e Centro).

Mercoledì il Consiglio federale aveva rinunciato a tale proroga, sperando che il numero di casi di Covid-19 scendesse nuovamente.

Secondo il quotidiano, in una lettera, sostenuta dai presidenti di partito, Berset invita i cantoni a fornire più posti letto d'ospedale e a intensificare la campagna vaccinale. Secondo Berset il numero di persone vaccinate potrebbe essere notevolmente aumentato con più unità mobili.

Manifestazioni a Coira e Berna

La manifestazione a Coira è stata organizzata dall'associazione «Stiller Protest» ("protesta silenziosa") con il motto «Stop alla divisione del popolo». Dopo essersi incontrati nel centro, i partecipanti - tra i 1000 ei 2000 secondo un giornalista sul posto, 4000 secondo la polizia - hanno iniziato una marcia per la città. I campanari hanno aperto il corteo.

A Berna, circa 300 oppositori alle misure anti-Covid si sono riuniti nel distretto universitario di Länggasse. L'invito a manifestare, diffuso sui social, sembrava legato a una decisione dell'Università di Berna: dal 1 settembre il certificato Covid è obbligatorio per tutte le attività che si svolgono nell'ambito dell'università, ad eccezione dell'insegnamento a livello di Bachelor e di Master.

Poco dopo l'inizio del corteo, la polizia ha disperso l'inizio di una rissa tra manifestanti e contro-manifestanti, secondo un giornalista della «Berner Zeitung». «Nessuna vaccinazione obbligatoria, nessun certificato, nessuna divisione», recitavano i manifesti.

Lo scetticismo di Maurer

Slogan che non sono lontani dall'echeggiare le parole del consigliere federale Ueli Maurer sulla stampa di domenica. «La missione dello stato non è proteggere tutti dalla morte e da tutte le malattie», ha affermato nel Sonntagsblick.

Il democentrista è più scettico su una possibile proroga del certificato Covid. Questo sarebbe difficile da attuare, secondo lui. Funziona bene per grandi eventi, ma dal personale di servizio che si rifiuta di servire il caffè ai lavoratori che non hanno certificati, «è un disastro», ha detto Maurer nell'intervista.

Ma il Consiglio Federale potrebbe decidere, mercoledì prossimo, di estendere il certificato Covid a ristoranti e cinema. La scorsa settimana, il Consiglio federale ha rinunciato a tale proroga, sperando che il numero di casi di Covid-19 diminuisca nuovamente. I Cantoni chiedono da tempo l'estensione del certificato Covid a ristoranti, fitness, cinema e teatri.

Paure dei ristoratori

Una prospettiva lontana dai ristoratori incantati. In caso di ulteriori restrizioni, gli stabilimenti si aspettano una significativa perdita di reddito. Le indennità di disagio hanno alleviato il settore a breve termine, ma non in modo sostenibile, scrive la società mantello GastroSuisse in un comunicato stampa pubblicato domenica.

Secondo un'indagine di Gastrosuisse, più della metà dei ristoranti teme che il proprio fatturato diminuirà almeno del 30% se il certificato Covid diventa obbligatorio. Circa il 23% delle aziende teme addirittura perdite del 50% o più con il certificato.

Rimpatrio

Sul fronte dei ricoveri, sabato abbiamo appreso che la Svizzera prevede di rimpatriare circa 80 pazienti Covid-19 dall'estero. Quasi la metà dei malati è stata contagiata durante le vacanze nei paesi balcanici. «A nostra conoscenza, un luogo di trattamento deve essere disponibile e riservato per il rimpatrio», ha affermato l'esercito svizzero.

Lunedì si terrà un incontro tra il Servizio sanitario coordinato della Confederazione e i Cantoni per fare il punto. Ora i pazienti Covid-19 occupano il 33,7% dei posti disponibili in terapia intensiva negli ospedali svizzeri. Il tasso di occupazione complessivo è dell'80,30%.

Nei giorni scorsi diverse voci hanno chiesto di intensificare la vaccinazione anche nei Paesi balcanici, in particolare il presidente del Kosovo Vjosa Osmani-Sadriu durante lo Swiss Economic Forum di Interlaken e il consigliere federale Alain Berset in un programma televisivo destinato al pubblico di lingua albanese. Attenzione però a non stigmatizzare chi torna dai Balcani, ha detto il socialista.

Il ministro della salute del Kosovo Arben Vitia vuole ottenere il sostegno dei calciatori svizzeri con radici albanesi-kosovare per una campagna di vaccinazione.