«C'era più distruzione nel tunnel che nei film di Schwarzenegger»

Di Alexander Rudolf

23.10.2021

Moritz Leuenberger (SP/ZH) ha guidato la Svizzera nel catastrofico autunno del 2001.
Moritz Leuenberger (SP/ZH) ha guidato la Svizzera nel catastrofico autunno del 2001.
KEYSTONE

Nell'autunno catastrofico del 2001, Moritz Leuenberger in qualità di presidente della Confederazione ha dovuto affrontare gli attacchi dell'11 settembre, la strage di Zugo, l'inferno del Gottardo, il grounding di Swissair e l'incidente di Crossair. Lo ricorda in un'intervista a blue News.

Di Alexander Rudolf

23.10.2021

Signor Leuenberger, si ricorda ancora se ha dormito bene nell'autunno 2001?

È stato certamente un periodo stressante, ma la mia capacità di funzionare non è stata disabilitata. Al contrario, ero più attento e concentrato che in tempi normali. Ma non posso negare che ero sempre più teso al mattino. Avevo sempre paura che fosse successo di nuovo qualcosa di brutto.

È stato presidente della Confederazione in quello che è stato molto probabilmente l'autunno più tragico che la Svizzera abbia mai vissuto. È iniziato con l'11 settembre: partecipava a una riunione al Dipartimento federale degli Interni e ha saputo degli eventi di New York solo ore dopo. Perché nessuno l'ha informata?

La Cancelleria federale aveva in qualche modo dormito. Ma ne abbiamo discusso e dopo non è più successo.  

Si è affrettato a comparire davanti ai media quando si sono verificate queste catastrofi: come ha riordinato i suoi pensieri?

Ho cercato di classificare gli eventi. Da un lato da solo, ma dall'altro anche insieme agli interlocutori. Mi sono preparato: non ci si deve rivolgere al pubblico in modo spontaneo e di pancia. 

L'autunno disastroso
This Police handout picture shows the accident site in the Gotthard tunnel, shortly after the fire broked out, Wednesday, October 24, 2001. At least ten people were killed in a head-on truck crash and fire in a major Alpine tunnel, but officials said safety features prevented a much worse disaster. (KEYSTONE/POLICE CANTONAL TESSIN/Str) === ===
Il rogo ne Gottardo. KEYSTONE

20 anni fa, si sono susseguite numerose catastrofi. Oltre agli attentati al World Trade Center di New York dell'11 settembre, ne sono avvenute diverse anche in Svizzera. Il 27 settembre, Friedrich Leibacher ha ucciso 14 politici sparando all'impazzata nel Parlamento cantonale di Zugo. Alla fine si è tolto la vita. Il 2 ottobre, due aerei Swissair sono stati bloccati a Londra per il mancato pagamento delle tasse aeroportuali. Più tardi quel giorno, l'intera flotta è rimasta a terra, abbandonando quasi 20.000 passeggeri in tutto il mondo. A novembre, il Governo ha speso circa due miliardi per creare una nuova compagnia aerea, Swiss. Il 24 ottobre, undici persone sono morte nel Gottardo perché un camion ha invaso la corsia opposta provocando un frontale. Un mese dopo, il 24 novembre, un aereo della Crossair proveniente da Berlino si è schiantato a Bassersdorf, a Zurigo. Dei 33 passeggeri, 24 sono morti: tra i sopravvissuti c'è Jacqueline Badran (SP), ora membro del Consiglio nazionale per il canton Zurigo.

Cosa voleva esprimere di volta in volta alla Svizzera? Portare conforto? Convincere che «tutto è sotto controllo»?

Certamente non la seconda idea. Sono stato deliberatamente lontano da risposte come «Abbiamo tutto sotto controllo» o «I colpevoli saranno puniti severamente» perché mi sembravano frasi preconfezionate. Volevo essere personale e condividere ciò che avevo in mente. Per esempio, nell'incidente di Crossair, ho detto: «Non finirà mai?». Questa può essere stata una reazione molto personale. Ma in molti si sentivano così, quindi presi in giro. 

Come ci si sentiva da politico a non avere spazio per negoziare, nessun potere, se non quello di reagire?

Il presidente della Confederazione rappresenta l'elettorato. Se succede un crimine o un incidente, lui reagisce. Con le parole, questo è importante, ma anche con le misure politiche, che annuncia. Quindi non è impotente.

Dopo la strage di Zugo, i parlamenti sono stati meglio protetti. L'attacco ha cambiato la democrazia svizzera in qualche altro modo?

A Zugo, per esempio, è stato creato un ufficio di difensore civico per trattare con questi cittadini arrabbiati che sentono di non essere presi sul serio.  

Oggi, questi cittadini arrabbiati hanno un grande microfono sottoforma di social media. Quanto è problematico questo?

Sì, questo è un fenomeno che la democrazia di oggi deve affrontare. Se c'è una richiesta di tempesta sul Parlamento federale, bisogna reagire in tempo. Questo è riconosciuto e preso in considerazione, credo.

Ha anche ricevuto minacce di morte. Ha avuto paura?

È molto pauroso, ma bisogna reagire a tali minacce con le giuste misure. Ci sono stati momenti in cui ero sotto protezione personale. Ma non ho mai lasciato che mi togliessero le mie abitudini, come andare in tram o in autobus, contrariamente alle raccomandazioni degli specialisti della sicurezza. Se lasciate che la paura vi guidi troppo, vi limitate in un modo malsano e innaturale. 

Al dramma di Zugo è seguito il grounding di Swissair: il Consiglio federale è andato su tutte le furie quando ha saputo che UBS non avrebbe concesso nessun prestito alla compagnia aerea. Il Governo era allo stremo delle forze?

No, sarebbe una debolezza inammissibile. Come membro di un governo federale, uno è un professionista della politica, e un professionista non ha i nervi a fior di pelle. D'altra parte, è lecito mostrare dispiacere.

Come hanno percepito gli svizzeri che la compagnia aerea rimase inchiodata al suolo? Dopo tutto, Swissair era quasi un tesoro nazionale.

Sì, lo era assolutamente. I problemi finanziari erano solo un lato della storia. Con la scomparsa di Swissair, l'identità di molti svizzeri si è frantumata. Molte persone si sentivano a casa nel vedere la croce svizzera nel cielo. Si sono identificati con Swissair, che è quello che usavano.

Anche lei si identificava in Swissair?

No, ne ho avuto una visione un po' più sobria perché avevo già avuto a che fare con i responsabili molto tempo prima. Era una società a responsabilità limitata che, per esempio, ha abbandonato Ginevra come hub internazionale da un giorno all'altro. La direzione non si preoccupava molto della coesione nazionale.

E il 24 ottobre c'è stato un incendio nel tunnel del Gottardo. Perché si è recato sul luogo solo il giorno dopo?

È stato terribile, ma era stato «solo» un incidente stradale. Ho pensato che avrei solo interferito con il lavoro di recupero. È stata la mia reazione spontanea ed era sbagliata. In Ticino, in particolare, la gente si è sentita insultata, ed è per questo che poi mi sono comunque precipitato molto velocemente sul luogo dell'incidente.

Il suo rapporto con il Ticino è migliorato da allora?

Naturalmente, non c'è stato uno scontento duraturo. Ho visitato il luogo dell'incidente con l'allora consigliere di Stato Marco Borradori.

Lei ha paragonato la situazione nel Gottardo dopo l'incidente all'Inferno di Dante. Se lo ricorda ancora bene?

È stato molto impressionante. Il tunnel del Gottardo era un buco nero come la pece, pieno di rottami di auto bruciate. C'era più distruzione nella galleria che nei film di Schwarzenegger. All'inizio, la stampa mondiale ha ipotizzato che fossero morte 90 persone, il che si è rivelato essere una notizia falsa. Erano undici.

Ora, 20 anni dopo, non è solo l'anniversario di tutti questi tragici eventi, ma si assiste anche a una sorta di sequel di alcuni di loro:  meno di un mese fa ha avuto luogo la cerimonia di posa della prima pietra del secondo tubo. È un sollievo per lei, come ex capo del DATEC, sapere che gli scontri frontali all'interno della galleria non saranno più possibili?

Certamente. Ho già detto allora che un tale incidente non sarebbe successo con due tunnel. Questo, anche se sono sempre stato contrario alla seconda canna. Ma come in tutte le cose ci sono argomenti pro e contro. Se si pensa alla questione sicurezza, certamente il secondo tubo è a suo favore. Ma ero contrario per ragioni di politica dei trasporti e di diritto costituzionale.

La seconda continuazione sono gli Stati Uniti, che si sono ritirati dall'Afghanistan 20 anni dopo l'11 settembre. Si attendeva il caos che ne è scaturito?

Certo che no. Ma quello che sostenevo già allora era che non si deve ripagare il male con il male. A differenza della guerra in Iraq, quella in Afghanistan è stata legittimata dalla comunità internazionale.

Nell'autunno del suo anno presidenziale, lo stato di emergenza era una realtà. È paragonabile agli ultimi due anni di presidenza con il Covid di Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin. Che consiglio avrebbe dato loro?

Sto attento a non dare loro alcun consiglio. Anche perché non sono necessari. Si critica spesso il fatto che il Consiglio federale non abbia gli strumenti per affrontare le crisi improvvise. Tuttavia, la reazione al grounding e all'istituzione della nuova compagnia aerea, la crisi finanziaria con UBS nel 2008 e ora anche la pandemia di Covid dimostrano che il nostro sistema e il collegio governativo sono in grado di gestire tali crisi.

Tuttavia durante la pandemia la società svizzera è divisa. Come cercherebbe di unire i vaccinati e i non vaccinati attorno a un discorso?

Volete una ricetta per superare questo divario?

Esattamente.

Mh... Non si fa un discorso di pancia. È importante prendere sul serio ogni avversario. Perché c'è sempre un granello di verità nelle loro opinioni. È per questo che bisogna rispondere loro e non ridicolizzarli. Tuttavia, non bisogna dimenticare che la protezione e la salute della popolazione sono fondamentali. Questo non deve essere sacrificato in nome della comprensione verso gli oppositori della vaccinazione. Ecco perché a volte è necessario puntare i piedi, a prescindere dalle opinioni di minoranza o meno. Ogni pelliccia che lavate si bagna.

Il Governo è sempre apparso unito. Questa unità ha sofferto negli ultimi mesi. Per un anno nel 2010 ha fatto parte del Consiglio federale insieme a Ueli Maurer. L'esponente dell'UDC viene criticato per aver violato il principio di collegialità. Come valuta il suo comportamento?

Il principio di collegialità è un elemento centrale del nostro sistema. Deve essere rispettato. Naturalmente, i consiglieri federali hanno opinioni diverse e non si deve dare l'impressione al mondo esterno che il Governo sia un monolite. Ma non deve nemmeno essere ridicolizzato. L'apparizione di Mauer con addosso la T-Shirt di uno dei gruppi che è contro le misure anti Covid era oltre i limiti del sistema collegiale. È stato anche ampiamente criticato per questo. Ma il Consiglio federale nel suo insieme ha fatto un ottimo lavoro con gli aiuti finanziari. Non c'è solo la maglietta di Maurer, ma anche buone prestazioni.

Come presidente della Confederazione, come si sarebbe comportato con un simile collega?

Gli avrei parlato chiaramente, ma solo a lui e non pubblicamente. Anche questo fa parte della collegialità.