Nuove misure? «Forse mascherine obbligatorie e restrizioni sui raduni»

Di Uz Rieger

30.11.2021

L'aumento dei casi di Covid e un chiaro segnale da parte dell'elettorato: Cosa decide oggi il Consiglio federale?
L'aumento dei casi di Covid e un chiaro segnale da parte dell'elettorato: Cosa decide oggi il Consiglio federale?
Keystone

Il Consiglio federale si riunisce oggi per una sessione d'emergenza a causa del numero crescente di casi di Covid e della nuova variante Omicron. Secondo esperti di salute pubblica e di medicina ci sono in ballo le seguenti misure.

Di Uz Rieger

30.11.2021

Vista la situazione tesa dovuta al Covid in Svizzera, il Governo si riunisce per una sessione d'emergenza. «A causa degli sviluppi della pandemia del virus Sars-Cov-2, il Consiglio federale si riunirà martedì pomeriggio in una sessione straordinaria per valutare la situazione», ha dichiarato lunedì sera la Cancelleria federale.

Secondo il «Tages-Anzeiger», il numero di persone alle riunioni private sarà drasticamente ridotto da 30 a 10, e il consigliere federale Alain Berset proporrà ai suoi colleghi più di una dozzina di misure individuali.

Il presidente dei medici cantonali si aspetta delle restrizioni

Che ci sarà un inasprimento è quasi certo, vista la situazione delle infezioni e il pericolo rappresentato dalla variante Omicron. Anche Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali, lo vede indicato in vista di un imminente sovraccarico di ospedali e personale. Pertanto, «alcune restrizioni devono probabilmente essere discusse ora», ha affermato Hauri alla SRF.

I cantoni sono pronti a vaccinare in massa la popolazione con le grandi quantità di vaccino promesse per i prossimi mesi: ora dispongono dell'infrastruttura e delle capacità sufficienti, assicura Rudolf Hauri (foto), presidente dell'Associazione dei medici cantonali.
Rudolf Hauri, presidente dell'Associazione dei medici cantonali, pensa che si estenderà l'uso obbligatorio della mascherina.
KEYSTONE/PETER KLAUNZER

Si aspetta che il Consiglio federale «analizzi la situazione riguardo alla variante Omicron e decida ulteriori misure in relazione alla variante Delta, che sta dilagando nel nostro paese». Inoltre, Hauri ha detto di poter immaginare che la riunione di oggi si occuperà dell'obbligo di indossare mascherine e forse anche di «restrizioni minori sui raduni».

È probabile che il Consiglio federale si riunisca con un certo "buon umore", dopo che il voto di domenica ha portato un chiaro sì alla legge Covid. Secondo un sondaggio rappresentativo pubblicato dal «Sonntagsblick», la maggioranza della popolazione è ora anche a favore di misure più severe come un regolamento 2G, (certificato rilasciato solo per persone guarite o vaccinate) per la partecipazione alla vita pubblica o un obbligo generale di vaccinazione.

Estensione delle mascherine e dei certificati obbligatori

Nell'attuale situazione precaria, anche i politici della salute dei partiti hanno aspettato il segnale dell'elettorato. Ai microfoni di blue News per esempio Flavia Wasserfallen del PS ha detto di essere «molto felice della chiara approvazione» della legge Covid. Il risultato conferma la precedente strategia di lotta alla pandemia dei cantoni e del Consiglio federale.

Tuttavia, Wasserfallen ritiene anche che le misure prese finora non siano più sufficienti: «Attualmente valuto la situazione in modo tale che non possiamo evitare l'introduzione di misure più severe, perché il numero di casi è in forte aumento e gli ospedali sono minacciati dal sovraccarico». Secondo Wasserfallen, sia i cantoni che il Consiglio federale hanno il dovere di agire.

Flavia Wasserfallen
Flavia Wasserfallen del PS si aspetta presto una regolamentazione più severa - e vede il governo federale e i cantoni come aventi il dovere di farlo. (Archivio)
KEYSTONE

L'attenzione dovrebbe concentrarsi sui grandi raduni di persone in spazi chiusi. «Quindi dobbiamo pensare di estendere l'obbligo di indossare le mascherine in occasione di grandi eventi e reintrodurre restrizioni di capacità negli stabilimenti della ristorazione dove non si possono indossare mascherine», dice colei che fa parte della Commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSSS). L'estensione del certificato agli ospedali e alle case per anziani è anche concepibile - e molto importante: «L'implementazione di test ripetitivi nelle scuole e nelle aziende».

Vaccinazione obbligatoria per alcuni gruppi

Secondo il «20 Minuten», per la presidente della CSSS e consigliera nazionale Ruth Humbel, una regolamentazione 2G nel settore del tempo libero è la prima scelta, prima di prendere in considerazione misure più dure come la chiusura o la cancellazione di eventi. Humbel considera anche «legalmente concepibili» le vaccinazioni obbligatorie per certi gruppi di persone, come i residenti delle case di cura.

Anche per l'esponente dell'UDC Therese Schläpfer, che pure siede nella Commissione della sicurezza sociale e della sanità, era chiaro che i cambiamenti sarebbero diventati evidenti durante la stagione fredda. Tuttavia, la politica ha ribadito a blue News che «l'utilizzo della capacità negli ospedali e nelle unità di terapia intensiva» deve essere decisivo per ulteriori misure.

Schläpfer considera comunque problematico il risultato del voto sulla legge Covid 19. «Il collegamento dell'aiuto finanziario con le misure è stato probabilmente decisivo», stima e aggiunge: «Questo non avrebbe dovuto essere messo in votazione in questo modo».

Focus sui farmaci Covid

Schläpfer è particolarmente critica nei confronti del certificato Covid. Secondo lei, il Consiglio federale ha ora uno strumento nelle sue mani «con il quale può stringere la vite verso la vaccinazione obbligatoria a volontà». Per contrastare la pandemia, Schläpfer vuole che il Governo si concentri innanzitutto sui farmaci per il trattamento del Covid, in modo che «una quantità sufficientemente grande sia disponibile non appena Swissmedic darà il via libera».

Therese Schlaepfer
La consigliera nazionale dell'UDC Therese Schläpfer si aspetta che la Svizzera abbia abbastanza farmaci contro il Covid sul mercato. (Archivio)
KEYSTONE

Schläpfer critica la reazione attuale con la variante Omicron scoperta per la prima volta in Sudafrica. I passeggeri in arrivo dal Sudafrica non sono stati «accompagnati abbastanza da vicino durante il fine settimana». Inoltre, c'è anche la necessità di agire nel caso di ingresso via terra.

Punti interrogativi sulla variante Omicron

Per quanto riguarda la valutazione della pericolosità della nuova vairiante, la Omicron, l'esponente democentrista pensa che «sono certamente necessarie ulteriori esperienze». E su questo punto è d'accordo con la sua collega socialista Wasserfallen, perché anche lei considera la base di dati scientifici «per ulteriori misure precauzionali ancora troppo sottile».

Tuttavia, Schläpfer sottolinea i segni positivi nel caso della variante, citando, per esempio, le dichiarazioni di una dottoressa sudafricana che ha dichiarato che il virus è forse più contagioso, ma finora nei malati ha sviluppato un decorso della malattia è stato «lieve». La situazione sembra più critica per Wasserfallen., che afferma: «Se sapessimo come influenza il contagio, il corso e l'effetto della vaccinazione, potremmo essere preparati alla variante per mettere alla prova l'intera risposta pandemica».