Pessime relazioni

Prima dell'incontro a Ginevra, Biden e Putin sono d'accordo su una cosa

Di Philipp Dahm

15.6.2021

Biden e Putin si erano già incontrati nel 2011, ma quello di mercoledì sarà il primo vertice tra i due da presidenti (foto d'archivio).
Biden e Putin si erano già incontrati nel 2011, ma quello di mercoledì sarà il primo vertice tra i due da presidenti (foto d'archivio).
KEYSTONE/AP

Prima dell'atteso incontro tra Vladimir Putin e Joe Biden a Ginevra domani c'è un po' di vento gelido tra il presidente russo e quello statunitense, almeno verbalmente. AM i due sono d'accordo almeno su una cosa.

Di Philipp Dahm

15.6.2021

Jens Stoltenberg, il segretario generale della Nato, ieri è apparso davanti alla stampa parlando apertamente delle relazioni con la Cina e con la Russia, facendo capire che con Mosca le relazioni sono perlomeno tese. La «famiglia transatlantica», come chiama Stoltenberg la Nato, non ha dimenticato l'annessione della Crimea da parte di Mosca.

«Le azioni aggressive di Mosca influiscono sulla nostra sicurezza. Rafforzeremo le nostre difese, ma siamo aperti ai colloqui». Stoltenberg ha annunciato che l'Ucraina e la Georgia saranno avvicinate alla Nato. Il fatto che il segretario generale lo abbia espresso apertamente in questa forma sarà probabilmente interpretato dal Cremlino come uno schiaffo in faccia.

Aiuto militare all'Ucraina e «messaggi duri»

Quest'annuncio verso la Russia è solo uno dei tanti punti che accompagnano il primo viaggio in Europa del presidente statunitense Joe Biden. Non si tratta solo di parole, ma anche di fatti. Solo tre giorni fa il Pentagono ha annunciato che avrebbe fornito all'Ucraina 150 milioni di dollari in aiuti militari.

Il denaro è destinato ad aumentare «la letalità, il comando, il controllo e la consapevolezza della situazione» delle forze armate ucraine. In particolare, saranno forniti radar di artiglieria, sistemi di difesa da droni e materiali per le comunicazioni e la guerra elettronica. Verrebbe anche fornita una formazione per gli europei dell'est. Così, dal 2014, 2,5 miliardi di dollari in aiuti militari statunitensi sono già fluiti verso l'Ucraina.

I leader occidentali hanno anche avuto poche parole amichevoli per Mosca al vertice del G7 nel Regno Unito. Sabato, il primo ministro Boris Johnson ha detto di credere che Biden avrebbe consegnato «alcuni messaggi piuttosto duri» a Putin al vertice di Ginevra di domani. Alla domanda se pensava anche che il russo fosse un «assassino», ha risposto: «Certamente penso che il presidente Putin abbia fatto cose che sono inconcepibili».

È un assassino? Putin ride e basta

E cos'ha da dire l'uomo tanto denigrato? Sabato ha risposto alle domande della NBC. Il canale TV statunitense si è anche chiesto, e poi lo ha fatto anche al diretto interessato, (come si vede nel video dal minuto 1:52) se il leader del Cremlino è un assassino.

Putin ride e poi sottolinea che è abituato agli attacchi. Dice che il termine killer è un termine di Hollywood che è diventato parte della cultura politica americana. In Russia è diverso.

Il giornalista chiede di nuovo, la sua domanda non ha avuto risposta. «Sì, l'ho data», afferma Putin. Ha familiarità con tali accuse di terroristi dai tempi delle guerre del Caucaso, ma si preoccupa solo della Russia. E su chi lo chiama così chiarisce: «non mi riguarda affatto».

Il giornalista legge i nomi dei membri dell'opposizione uccisi. Tutte coincidenze? Putin ride di nuovo con una risata ironica. Dice che diverse persone «sono morte» in momenti diversi e in luoghi diversi. Il 68enne, insomma, rifiuta di essere additato.

NBC

Biden conferma: «Sì, abbiamo toccato il fondo»

Altrove Putin è più esplicito: «Abbiamo una relazione bilaterale che si è deteriorata negli ultimi anni ed è a un punto basso». Ma ci sono interessi comuni e «questioni su cui possiamo lavorare efficacemente».

La palla è ora nel campo di Joe Biden, che domenica dal Regno Unito alla domanda sul clima previsto al vertice di Ginevra, ha risposto: «Penso che abbia ragione sul fatto che abbiamo toccato il fondo». Ora, dice, dipende se l'altra parte può agire secondo le norme internazionali. «Cosa che spesso non ha fatto», aggiunge Biden, riferendosi sempre a Putin.

«Il punto è di rendere molto chiare le condizioni per avere una migliore relazione con la Russia», afferma il 78enne. «Non stiamo cercando il conflitto. Vogliamo risolverlo». Alla domanda su come pensa di influenzare Mosca, dato che sono già in vigore varie sanzioni, Biden risponde: «Non ci sono garanzie che si possa cambiare il comportamento di una persona o di un Paese».

Piccolo raggio di speranza

Ha aggiunto: «Gli autocrati hanno un potere enorme e non devono rispondere al pubblico». La Russia ha il suo «dilemma con l'economia, con il Covid, con l'Europa e il Medio Oriente». Su questioni come la guerra civile libica, ha detto, potrebbero lavorare insieme. E perché il leader del Cremlino finora non è stato impressionato dalle sanzioni? «È Vladimir Putin», è la risposta di Biden.

Ma prima del vertice di domani, nuvole scure si stanno raccogliendo non solo nel cielo politico. Putin ha segnalato concessioni a Biden su un punto: la Russia si è offerta di estradare i criminali informatici negli Stati Uniti se l'altra parte è disposta a fare lo stesso.

Se le persone negli Stati Uniti «commettono crimini contro la Russia», il presidente americano sarebbe anche pronto a «ritenerli responsabili», ha detto Biden a questo proposito alla conferenza stampa del G7 di domenica a Newquay, in Inghilterra.

Un progresso nelle relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti sarebbe nell'interesse dell'intera comunità globale. Prima del vertice di Ginevra ci sono piccoli raggi di speranza, ma soprattutto inciampi. La cosa buona dell' «essere sul fondo», e sul quale le due parti sono d'accordo, è che le cose ora non possono davvero peggiorare.