Poca richiesta per il vaccino della Johnson & Johnson, ma ecco perché

lmy

14.10.2021

Il Centro di vaccinazione di Thun: la domanda per il vaccino Johnson & Johnson è stata finora bassa.
Il Centro di vaccinazione di Thun: la domanda per il vaccino Johnson & Johnson è stata finora bassa.
Keystone

Da una settimana, in Svizzera, è possibile essere immunizzati anche con il vaccino della Johnson & Johnson, ma la domanda risulta bassa. Ciò potrebbe però cambiare se i Cantoni aprissero la possibilità di registrazione a tutti.

lmy

14.10.2021

Più di un milione di persone in Svizzera ha detto che accetterebbe di farsi vaccinare contro il Covid con un'alternativa ai prodotti mRNA, e solo un terzo dei non immunizzati rifiuta la vaccinazione per una questione di principio. Queste sono le conclusioni di un sondaggio condotto a luglio.

I politici hanno quindi chiesto un'espansione dell'offerta, per esempio con il vaccino vettoriale della Johnson & Johnson (chiamato Janssen), di cui viene somministrata una sola dose.

Questo vaccino è stato autorizzato in Svizzera a marzo, ma il Consiglio federale ha avviato le trattative con il produttore solo alla fine dell'estate, per poi procedere all'acquisto di 150.000 dosi. Dosi che sono principalmente destinate alle persone che non possono essere vaccinate con un preparato mRNA per motivi medici, ad esempio in caso di allergie.

Ora il vaccino della Johnson & Johnson è finalmente disponibile anche nella Confederazione, ma la domanda non sembra essere elevata. In una settimana sono state somministrate solo 3467 dosi ad altrettante persone. Per un confronto, la scorsa settimana sono state somministrate in totale circa 30.000 dosi di vaccino al giorno, la maggior parte delle quali di Pfizer/Biontech e Moderna.

La registrazione non è però ancora possibile per tutti

Come mai la domanda è così bassa? I Cantoni non hanno spiegazioni al momento, ha risposto Linda Nartey, il medico cantonale di Berna, in conferenza stampa. Ma vogliono in ogni caso mantenere l'offerta e le varie opzioni.

È possibile, forse, che rispetto a luglio, al momento del sondaggio di cui abbiamo parlato prima, alcune persone ora siano ancora più critiche nei confronti della vaccinazione in generale, anche se avevano detto di essere interessate a un'alternativa ai preparati mRNA.

Tuttavia, è anche vero che in molti cantoni solo le persone che non possono tollerare i vaccini mRNA per motivi medici hanno potuto registrarsi per essere immunizzate con il prodotto della Johnson & Johnson. L'iscrizione per gli altri è possibile solo da questa settimana o - per esempio a Zurigo - dalla prossima. Altri cantoni ancora, invece, non hanno ancora iniziato la vaccinazione.

Prendere in considerazione i desideri dei pazienti

Dal punto di vista medico, il vaccino vettoriale sarebbe indicato solo per una minoranza molto piccola di popolazione. Tuttavia, non è necessario alcun certificato medico per riceverlo.

«Le preferenze e le paure dei pazienti dovrebbero essere prese sul serio. Nello spirito della medicina basata sull'evidenza, i medici dovrebbero prendere in considerazione i desideri dei pazienti», ha detto la settimana scorsa a «blue News» Charlotte Schweizer, portavoce dei media dell'Associazione dei medici svizzeri (FMH).