Diritto alla salute

Svizzera prenda posizione su denuncia «Anziane per il clima»

ev, ats

29.3.2021 - 12:40

Le due copresidenti dell'associazione "Anziane per il clima" Anne Mahrer (a sinistra) e Rosmarie Wydler-Wälti (a destra) al momento dell'annuncio del ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo in ottobre a Strasburgo, in Francia (foto d'archivio)
Keystone

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) chiede alla Svizzera di prendere posizione sulla denuncia presentata dall'associazione «Anziane per il clima».

ev, ats

29.3.2021 - 12:40

Quest'ultima accusa la Confederazione di violare il diritto alla vita e alla salute delle donne in là con gli anni non proteggendo il clima.

Con questa notifica del ricorso al Consiglio federale e la richiesta di una presa di posizione, l'azione legale degli «Anziani per il clima» ha superato un primo grande ostacolo, hanno comunicato oggi l'associazione e Greenpeace. Secondo quanto indicato nella nota, responsabile della risposta, che deve arrivare a Strasburgo entro il 16 luglio 2021, è l'Ufficio federale di giustizia (UFG).

L'associazione «Anziane per il clima» afferma che le omissioni nella protezione del clima comportano ondate di calore più frequenti, più lunghe e più intense, che espongono in particolare le donne in là con gli anni a un maggior rischio di problemi di salute per ragioni fisiologiche. Molte persone sono già morte, sostiene l'associazione. Il governo dovrebbe prendere esplicitamente in considerazione i diritti di questa fascia d'età nella sua risposta.

Nessuna entrata in materia

In una lettera dell'ottobre del 2016 al Consiglio federale, «Anziani per il clima» e diversi privati avevano denunciato numerose omissioni delle autorità nel campo della protezione del clima. Chiedevano l'introduzione di misure supplementari per ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) non era entrato in materia nel 2017, una decisione confermata dal Tribunale amministrativo federale (TAF) e poi dal Tribunale federale (TF). Quest'ultimo ha ritenuto che le ricorrenti non fossero sufficientemente toccate nei loro diritti dalle azioni o dalle omissioni delle autorità.

«Anziane per il clima» e quattro privati hanno quindi fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo alla fine dello scorso anno. Rosmarie Wydler-Wälti, copresidente dell'associazione, ha espresso speranza: «Nella crisi climatica, la Svizzera deve proteggere i nostri diritti alla vita e alla salute con misure efficaci di protezione del clima. Speriamo che la Corte lo riconosca», ha detto citata nel comunicato.

Anche Greenpeace spera che la Corte europea dei diritti dell'uomo risponda alla domanda se gli Stati stiano violando i diritti umani con una protezione inadeguata del clima, scrive nel comunicato. Greenpeace Svizzera sostiene gli anziani del clima nella loro richiesta.

Con la decisione della CEDU di portare avanti un ricorso, gli individui o le organizzazioni, che non sono essi stessi parti del procedimento, possono fornire informazioni alla corte per aiutarla a prendere la sua decisione.

Caso simile

La CEDU sta già esaminando un caso simile. Sei bambini e giovani del Portogallo accusano gli Stati membri dell'Unione europea (Ue), così come la Svizzera, la Norvegia, la Russia, il Regno Unito, la Turchia e l'Ucraina, di esacerbare la crisi climatica e quindi di mettere in pericolo il futuro della loro generazione.

All'origine della loro richiesta c'era una serie di devastanti incendi boschivi nel 2017 in Portogallo, che hanno ucciso 110 persone. Gli scienziati avevano confermato che il cambiamento climatico ha giocato un ruolo nel disastro, secondo il loro ricorso.

La CEDU aveva indicato a novembre di continuare il suo esame «prioritario» dei sei ricorrenti portoghesi. I paesi interessati avevano tempo fino a febbraio per decidere.

ev, ats