«Una volta finite le vacanze, la gente pensa di avercela fatta»

Di Alex Rudolf

9.1.2022

test
Immagine d'illustrazione
KEYSTONE/GAETAN BALLY

I prossimi giorni e settimane determineranno l'impatto delle vacanze sul corso della pandemia. Il numero costante di ricoveri dà motivo di ottimismo, ma se diamo un'occhiata a cosa sta capitando in Gran Bretagna non possiamo che essere un po' inquieti.

Di Alex Rudolf

9.1.2022

Secondo le cifre dell'Ufficio federale della salute pubblica, tra la fine del 2021 e l'inizio del nuovo anno, ossia da giovedì 30 dicembre a domenica scorsa 2 gennaio, circa 57.000 persone in Svizzera sono risultate positive al Covid. Tra domenica 2 e lunedì 3 gennaio quasi 21.000. Cosa ci dicono questi dati? Come possono essere interpretati?

I numeri possono essere ingannevoli, come spiega Emma Hodcroft a «blue News». Secondo l'epidemiologa molecolare dell'Istituto di medicina sociale e preventiva dell'Università di Berna la prudenza è consigliata, soprattutto quando si tratta di numeri dopo i giorni festivi. «Le lunghe code, per esempio, possono scoraggiare le persone a fare il test».

Alcuni centri per fare il tampone sono rimasti chiusi durante le vacanze o funzionavano solo con orari di apertura ridotti.

Le cifre dovrebbero essere maneggiate con prudenza

«Una volta che le vacanze sono finite, le persone sentono di avercela fatta. Ora che non festeggeranno con amici o familiari, molti hanno un bisogno ridotto di test», dice Hodcroft. Tuttavia, avverte: «Con la ripresa della normale routine quotidiana e delle occupazioni, si consiglia ancora grande cautela: soprattutto per coloro che non possono lavorare da casa».

Anche il virologo Andreas Cerny della clinica Moncucco di Lugano suggerisce di prendere le cifre con prudenza: «L'esperienza mostra che la curva delle infezioni si riduce della metà durante il fine settimana. Questo non è diverso per i fine settimana di vacanza». Come Hodcroft, egli fa notare che diversi centri di test non erano inoltre aperti.

Cerny si dimostra scettico pure sulla regola del 2G (guariti o vaccinati): «I test rapidi non sono molto affidabili nelle persone asintomatiche. Poiché ci sono state molte feste durante il fine settimana, ci vorranno diversi giorni prima di vedere un aumento del numero di casi».

Lo sguardo volge verso l'instabile Gran Bretagna

Quali sono le prospettive? «Al momento siamo sorpresi che il numero di morti e i tassi di occupazione nelle unità di terapia intensiva non stiano aumentando rapidamente», dice Cerny. Una possibile ipotesi per questo è che la variante Omicron attacchi i polmoni meno dei suoi predecessori. «E la vaccinazione spesso non previene un'infezione, ma un grave decorso della malattia».

Tuttavia, uno sguardo alla Gran Bretagna mostra che è ancora troppo presto per dare il via libera. Nel Paese di Boris Johnson «siamo sempre circa due settimane in anticipo sugli eventi epidemiologici», dice Cerny. Il 2 gennaio, circa 137.000 persone sono risultate positive. Rispetto alla settimana precedente, il numero è aumentato del 43%. Negli ultimi sette giorni, sono stati registrati quasi 1.000 decessi, che è un aumento di circa il 50% rispetto alla settimana precedente.

«Da un punto di vista demografico, il Regno Unito è molto più paragonabile alla Svizzera che ai paesi dell'Africa meridionale, dove la gente è giovane e l'infestazione è alta», dice Cerny. Quindi: «Noi ci aspettiamo ancora che il carico di lavoro negli ospedali aumenti».

«Nel nostro paese, la situazione è tesa, ma stabile», commenta invece Ronald Alder. Il vicedirettore dell'Associazione degli ospedali di Zurigo sottolinea che nelle ultime settimane ci sono sempre stati tra i 50 e i 60 pazienti Covid nelle unità di terapia intensiva di Zurigo. I circa 190 posti sono attualmente occupati al 90%.

L'effetto dei vaccini è visibile

«Anche se il numero di casi è in costante aumento da qualche tempo, questo non ha avuto un gran effetto sui ricoveri ospedalieri», dice Alder. Un anno fa, questi sono aumentati con un ritardo di due settimane rispetto alle cifre dell'infezione. «Spieghiamo questo con il fatto che la vaccinazione probabilmente previene i decorsi gravi. Perché l'83% delle nostre unità di terapia intensiva sono occupate da persone che non sono vaccinate».

Petra Ming, portavoce del gruppo Insel, sottolinea anche che i ricoveri aumentano con un ritardo temporale rispetto al numero di casi. «Il fattore decisivo è come si svilupperà con Omicron il rapporto tra il numero di casi, le ospedalizzazioni e infine i decorsi gravi della malattia. Questo è ancora difficile da stimare al momento». Tuttavia, a causa della rapida diffusione della malattia, si aspetta anche un aumento dei ricoveri in gennaio.