Caccia ai non vaccinati

Vaccinazioni, «Non permettere che i fronti si polarizzino di più»

Di Lukas Meyer

9.8.2021

Una politica pensa che le giovani donne medico dovrebbero fornire alle giovani donne le informazioni necessarie sulla vaccinazione.
Una politica pensa che le giovani donne medico dovrebbero fornire alle giovani donne le informazioni necessarie sulla vaccinazione.
KEYSTONE

La Svizzera è in ritardo rispetto ai suoi vicini per quanto riguarda le vaccinazioni. Alcuni politici chiedono l'ampliamento delle offerte più accessibili, altri vogliono aumentare la pressione con in mente il voto di novembre sulla revisione della Legge Covid.

Di Lukas Meyer

9.8.2021

La campagna di vaccinazione ha perso slancio a luglio, ha detto Martin Ackermann martedì davanti ai media. La task force che presiede chiede più misure per convincere la gente a vaccinarsi. Il potenziale non è ancora esaurito, ma gli incentivi devono essere aumentati. 

Lo spettro va dall'approccio diretto agli incentivi finanziari all'aumento della pressione. Per il momento i cantoni prediligono offerte più accessibili (dette anche in gergo a bassa soglia) come i team mobili di vaccinazione e le opportunità walk-in.

In Ticino, per esempio, come ha fatto sapere il Governo venerdì mattina in conferenza stampa, sarà lanciata una campagna di sensibilizzazione che partirà alla fine delle vacanze.

Cosa ne pensano i politici di tutte queste misure?

La consigliera nazionale dell'UDC Therese Schläpfer sottolinea in un'intervista a «blue News»: «La Svizzera non è in una posizione così brutta». Come strumenti utili pensa poco alle pressioni e agli incentivi aggiuntivi per la vaccinazione. Ci si deve avvicinare alla gente: «Inviare bus per immunizzare le persone nelle comunità rurali potrebbe essere un'idea. Così si potrebbero vaccinare senza preavviso. Per molti è troppo complicato con la registrazione e la prenotazione dell'appuntamento».

«Più pressione è controproducente»

Anche Maya Graf, membro del Consiglio degli Stati per i Verdi a Basilea Campagna, pensa che i servizi di vaccinazione a bassa soglia siano importanti.

Riprende anche un suggerimento fatto dallo scienziato comportamentale Gilles Chatelain nei giornali del gruppo CH Media: si dovrebbe proporre un appuntamento automatico a tutti coloro che non sono ancora stati vaccinati. «Sono convinta che in particolare i giovani non si siano ancora vaccinati per comodità», ha detto Graf quando gli è stato chiesto da «blue News».

Anche Graf è contraria alla pressione: «Più pressione è controproducente, i fronti non devono polarizzarsi ulteriormente. Dobbiamo continuare con gli incentivi come le offerte di vaccinazione a bassa soglia e l'educazione mirata, e non perdere la pazienza».

Inoltre, le informazioni fattuali sulla vaccinazione devono essere comunicate da persone che hanno grande credibilità tra i gruppi che non sono ancora stati vaccinati, come alcuni gruppi professionali o i migranti, dice Maya Graf. «Per esempio, le giovani dottoresse, le ricercatrici o gli operatori sanitari dovrebbero spiegare alle giovani donne le questioni mediche sulla vaccinazione».

Therese Schläpfer chiede anche che le autorità informino meglio: «Molte persone hanno troppe poche conoscenze, per esempio sul fatto che la ricerca sui vaccini anti-Covid non va avanti solo da un anno, ma da molto più tempo. Non è stato necessario partire da zero». Le persone dovrebbero anche avere più scelta e non solo vedersi offrire vaccini mRNA, ma anche, per esempio, un vaccino basato su vettori.

Le persone non vaccinate dovrebbero pagarsi i test

Josef Dittli, membro del Consiglio degli Stati per il PLR a Uri, pensa invece che, oltre a una campagna di sensibilizzazione, si dovrebbe aumentare la pressione per convincere la gente a vaccinarsi. In particolare, coloro che non sono disposti a farsi immunizzare dovrebbero pagarsi i test, dice ai microfoni di «Blue News».

Questa idea è stata proposta dal presidente della Confederazione Guy Parmelin. I test antigenici rapidi non dovrebbero più essere gratuiti, in modo che la gente non possa ottenere un certificato Covid temporaneo così a buon mercato. «Una volta che tutti quelli che vogliono potranno essere vaccinati, la questione è chi deve pagare i test», ha detto Parmelin. «Il contribuente? Non ne sono sicuro».

A Basilea, i politici borghesi sostengono questa richiesta. «I test rapidi devono assolutamente essere pagati», dice il consigliere UDC Joël Thüring alla «Basler Zeitung». Sarebbe un incentivo a farsi vaccinare.

Il direttore sanitario Lukas Engelberger dell'Alleanza del Centro, vuole invece continuare a offrire i test gratuitamente. Sono ancora un mezzo importante nella lotta contro il Covid e non dovrebbero essere indeboliti. Anche il PS pensa che le opportunità di test a bassa soglia per i non vaccinati siano importanti.

Il consigliere nazionale PLR Kurt Fluri va anche oltre poiché s'immagina una «vaccinazione obbligatoria indiretta», come ha detto a CH Media. Per esempio, le persone che possono essere vaccinate, ma non vogliono, dovrebbero essere limitate a partecipare agli eventi. Inoltre, dovrebbero pagarsi le cure in caso di malattia. «Coloro che potrebbero essere vaccinati e non lo fanno si comportano in modo negligente», ha detto Fluri. Ma questa richiesta ha incontrato resistenza da sinistra a destra.

Rimanere calmi e obiettivi prima del voto

La legge Covid-19 sarà votata di nuovo a novembre. Dopo la sconfitta di giugno, gli scettici delle misure anti-Covid hanno presentato un referendum contro la revisione di marzo, raccogliendo 186.000 firme a luglio.

È per questo che il Consiglio federale non vuole esercitare troppa pressione? Josef Dittli non crede che questo avrà alcuna influenza sulle misure attuali.

Maya Graf dice anche: «No, anche qui si tratta di mantenere la calma e di essere obiettivi, ma decisi». Gli oppositori cercherebbero di condurre una campagna di disinformazione. Il che richiederebbe una replica e dovrebbero essere fornite informazioni sul contenuto molto pratico dei punti di revisione.

Therese Schläpfer ha un'opinione diversa. Pensa che il Governo sia preoccupato per il voto di novembre e sia quindi più cauto. «Il modo in cui la gente viene trattata è il modo in cui voterà». Ma se la situazione pandemica prende una buona piega ora, non sarà un problema.