Un'ucraina in Svizzera

«Godetevi la vita, tutto può cambiare rapidamente»

Di Bruno Bötschi

27.6.2022

«Non è una sensazione piacevole quando devi preoccuparti delle persone che ti sono vicine e non puoi farci niente» dice Tatjana Werik.
Privato

La guerra in Ucraina spaventa Tatjana Werik. L'attrice parla di suo fratello che vive a Kiev, della solidarietà degli svizzeri e del perché dovremmo goderci la vita nonostante tutto.

Di Bruno Bötschi

27.6.2022

Tatjana Werik è cresciuta nella regione di Zaporižžja, nel sud-est dell'Ucraina. L'attrice teatrale e cinematografica vive a Berna da 20 anni.

Ho parlato con Tatjana Werik per la prima volta alla fine di febbraio, pochi giorni dopo l'inizio della guerra. Da allora siamo rimasti in contatto, ogni tanto per telefono, ma soprattutto per e-mail.

Mentre il padre di Werik è riuscito a fuggire da Kiev poche settimane dopo l'inizio dell'invasione russa, suo fratello ha voluto arruolarsi nell'esercito ucraino. 

Signora Werik, quattro mesi fa, il 20 febbraio, è iniziata la guerra in Ucraina. Ogni giorno vediamo immagini terribili in televisione e sentiamo parlare di nuove atrocità. Lei è coinvolta in prima persona, l'Ucraina è il suo Paese d'origine. Quindi, prima la domanda: come sta?

Si inizia con la domanda più difficile.

Se una domanda è troppo personale, non è obbligata a rispondere.

Ci sono molti modi per rispondere alla sua domanda. Potrei dire: sto bene. Sì, sto bene, ho cibo, ho lavoro, posso godermi la vita, posso vivere, non devo temere per la mia vita...

... a differenza del popolo ucraino.

Ecco come stanno le cose. Molte persone in Ucraina temono per la propria vita. E tra questi ci sono anche i miei amici e parenti. Quindi non posso dire: sto bene. Perché c'è sempre qualcosa che mi preoccupa. E per dirla in modo più preciso: qualcosa che mi fa arrabbiare. E come dovrei o come potrei esprimere questa rabbia? Non so ancora cosa fare per far sì che questa assurdità - non riesco a trovare un'altra parola per definirla - si fermi.

Durante la nostra ultima conversazione, lei ha detto che suo fratello si è arruolato nell'esercito ucraino.

Non voglio dire molto su mio fratello. Temo sempre per la sua vita. Non è una sensazione piacevole quando ci si deve preoccupare delle persone vicine e non si può fare nulla. Poi si inizia a reprimere i propri sentimenti. 

Se non vuoi parlare di suo fratello, la capisco.

L'altro giorno stavo parlando con lui e gli ho chiesto come fosse confrontarsi sempre con questa paura della vita. Mi ha detto che ci si abitua anche a questa paura, la paura della vita. Solo che il corpo non smette di contorcersi quando il bombardamento è davvero pesante. Allora posso solo ascoltare. Posso anche arrabbiarmi. Posso sproloquiare. Ma non sono le mie vere emozioni in quel momento. Le mie emozioni sono in realtà molto più forti, molto più chiare.

Ci può spiegare?

Così non si vive. Tutto ciò per cui le persone che stanno al governo russo stanno combattendo è una menzogna, una follia. Combattono solo per alimentare il loro ego. E questo ti fa arrabbiare. È quindi questa la mia risposta sincera alla domanda su come mi sento: sono arrabbiata e non so che espressione dare alla mia rabbia. Credo che tutto ciò che sta accadendo in Ucraina in questo momento sia ingiusto. Sembra che si tratti davvero della distruzione della cultura ucraina. Si dice che nelle regioni occupate i soldati russi stiano addirittura bruciando i libri in ucraino. E si comportano in modo crudele nei confronti del mio popolo.

Da dove pensa che venga questo odio?

È difficile da capire. Ma ovviamente suscita una profonda rabbia negli ucraini. Anche in me. La rabbia che probabilmente avevano anche i miei antenati. Perché da decenni c'è un conflitto latente tra russi e ucraini. Un rapporto di amore-odio, in qualche modo.

Lo ammetto, negli ultimi giorni ho letto e guardato poche notizie perché non riesco più a sopportare le terribili immagini provenienti dall'Ucraina. Allo stesso tempo, ho la coscienza sporca perché penso che sia mio dovere informarmi meglio sulla situazione nel vostro Paese.

Non voglio e non posso placare la sua coscienza sporca o sollevarla dal suo dovere. A dire il vero, non credo affatto in un dovere. Non c'è nessun dovere. O si fa qualcosa per amore e desiderio, per il desiderio di cambiare qualcosa, di mostrarsi, di rendersi visibili, o non lo si fa. Ma non bisogna fare nulla per dovere. Questa è la trappola della società occidentale moderna: l'invenzione del dovere. Non credo che i soldati ucraini, ad esempio, stiano combattendo per dovere.

Ma?

Combattono per convinzione. Non credo nemmeno che gli svizzeri che hanno accolto gli ucraini in fuga lo abbiano fatto per dovere. Credo che abbiano seguito il naturale impulso umano di fare qualcosa di buono per gli altri. E se pensate di dover essere più informati sulla guerra in Ucraina perché è un vostro dovere, può essere pericoloso. Sapete perché?

Per favore, ci dica.

Potreste improvvisamente arrabbiarvi.

Con chi?

Con gli ucraini, perché a causa loro non si può stare tranquilli e godersi la vita. Il dovere rovina ogni motivazione e uccide la leggerezza. Ma credo che ora dovremmo goderci la vita ancora di più, con la consapevolezza che tutto può cambiare molto rapidamente. Non dobbiamo lamentarci, credo, dobbiamo continuare ad affermare la vita. Ma non dobbiamo nemmeno dimenticare che ogni minuto la vita di qualcuno è in pericolo in un altro luogo d'Europa. Per questo sarebbe bello continuare ad andare avanti: manifestare per la pace, parlare della guerra, guardare alle ingiustizie e alle atrocità che stanno accadendo. Non per dovere, ma per il desiderio che le cose cambino e per la convinzione che anche noi umani possiamo fare le cose in modo diverso dal servire il nostro ego e il male.

Sento che nonostante la preoccupazione e la rabbia non ha perso la speranza.

Non so quanto sia efficace, il mio atteggiamento è che ora, in questi tempi incerti, dovremmo sia goderci la vita ancora di più che mostrare la nostra rabbia - quindi non o l'uno o l'altro, ma entrambi allo stesso tempo. Credo che questo significhi accettare ciò che è. E sono sempre entrambe le cose che compongono la vita: il crudele e il bello. E tutti e due sono forti. E molto vicini l'uno all'altro. E credo che se non vogliamo accettare pienamente il crudele, non possiamo nemmeno percepire pienamente il bello. Continuo a sentire parlare di storie bellissime dall'Ucraina.

A quali storie si riferisce?

Ad esempio, al fatto che le persone sopravvissute ai giorni in cui dovevano stare nascoste e ora sono state liberate non si salutino quando si incontrano, ma si abbraccino semplicemente, senza dirsi una parola. Perché non servono parole. Si è solo grati. Per tutta la vita. Per gli incontri. E sarebbe così incredibilmente bello se ci apprezzassimo sempre l'un l'altro e le nostre vite. Non solo di fronte alla guerra. Ora abbiamo la possibilità di prenderne coscienza.