Propositi per il 2018: come si mantengono?

CoverMedia

5.1.2018 - 16:45

Covermedia

Nel nuovo anno facciamo passi più piccoli per raggiungere obiettivi più grandi.

L’anno nuovo è appena iniziato, ma i buoni propositi sono già stati espressi da tempo: metterci in forma, perdere peso, smettere di fumare e chi più ne ha...

Statisticamente, tuttavia, il 92% degli individui infrangerà queste promesse fatte con noi stessi, e il 66% lo farà entro la fine di gennaio. Lo riporta uno studio commissionato dal retailer di fitness Discount Supplements, su cui riflette la nutrizionista Zoe Martin.

«Dovremmo fare passi più piccoli per raggiungere obiettivi più grandi. Se il nostro proposito è quello di perdere 20 chili, suddividiamolo in parti più piccole: stabiliamo un peso target ogni mese, e altri piccoli target ad esso legati come andare in palestra due o tre volte alla settimana e non mangiare più fast food», ha dichiarato l’esperta. «Questi piccoli propositi ci aiuteranno a cambiare le nostre abitudini nel lungo termine e ci renderemo conto dei progressi fatti. Meglio che avere un obiettivo troppo grande e poi rinunciare nel giro di qualche giorno!».

Per le persone che partono con tutta la loro buona volontà e poi si arrendono, il problema solitamente non sta nel mancato impegno, ma nello scegliere il proposito sbagliato. Programmare in tempo e per bene è fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi, con uno sforzo e un impegno ragionevoli.

«Dobbiamo progettare al meglio il modo di conseguire il nostro obiettivo», ha spiegato l’esperto di fitness Luke Thornton di Discount Supplements. «E poi dobbiamo ricordarlo a noi stessi giorno dopo giorno. Possono essere dei promemoria semplici come lasciare le scarpe da ginnastica di fronte alla porta d’ingresso, così ci ricorderemo di andare a fare jogging».

E un’altra cosa importantissima: al rientro dalla corsa, premiamo i nostri sforzi.

«Fate un bagno caldo, oppure compratevi un nuovo libro o qualcosa che per voi ha un valore, come un premio», ha continuato lo specialista. «Ci sono tantissimi modi di ricompensarci; questo ci fa bene e mantiene alta la motivazione».

Tornare alla home page

CoverMedia