Teenager: dormono male (anche) a causa dei social

CoverMedia

1.2.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Una nuova ricerca associa i deficit di sonno negli adolescenti all’uso di app come Instagram e Facebook.

I teenager non dormono abbastanza a causa della loro dipendenza dai social media. Lo riporta un nuovo studio condotto in Canada, secondo cui passare un’ora al giorno su siti come Facebook e Snapchat, ma anche sulle chat come WhatsApp, causa ai più giovani di dormire meno di 8 ore a notte, la «dose» di sonno raccomandata dagli esperti per gli adulti, ma inferiore a quella necessitata dai più piccoli.

Il team di ricerca ha analizzato il legame tra social e pattern di sonno di 5.242 giovani tra gli 11 e i 20 anni, partecipanti di uno studio chiamato Ontario Student Drug Use and Health Survey.

Secondo i risultati, il 73.4% di essi usavano i social per almeno 60 minuti al giorno: come conseguenza, il 67.9% delle ragazze e il 59.6% non dormivano abbastanza. Maggiore l’uso delle piattaforme sociali, più scarsa la qualità del sonno dei ragazzi.

«Il sonno è una componente essenziale nel sano sviluppo dei giovani, un fattore che contribuisce enormemente alla nostra salute fisica e psicologica», ha dichiarato dottor Jean-Philippe Chaput. «Tuttavia, dormire male o non abbastanza è diventato molto comune negli adolescenti nel corso degli ultimi decenni. Un deficit di sonno è spesso attribuito a fattori come luce artificiale, consumo di caffeina, mancanza di regole da parte dei genitori, e la crescente disponibilità tecnologica di informazione e comunicazione».

Secondo gli esperti, i bambini di 6 anni dovrebbero dormire 10 ore e tre quarti a notte, quelli di 9 anni 10 ore, di 11 anni 9 ore e mezzo, e i 14enni e i 16enni 9 ore.

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Acta Paediatrica.

Tornare alla home page

CoverMedia