Archie è destinato a vivere un’infanzia solitaria?

AllTheContent

20.7.2020 - 17:17

Il piccolo Archie riuscirà a farsi degli amici negli Stati Uniti?
Keystone

Sono già diversi mesi che si sono trasferiti negli Stati Uniti per vivere una vita normale, lontano dai limiti della Corona. Il quotidiano di Meghan e Harry è senza dubbio più piacevole oggi, ma i giovani genitori si interrogano sul futuro del loro figlio unico, Archie. Riuscirà ad integrarsi e a farsi degli amici? Quali sono i loro dubbi e sono fondati?

Il principe Archie, che ha poco più di un anno, ha cominciato da poco a sviluppare le sue facoltà sociali… Come qualsiasi altro bambino in questa fase, ha bisogno di entrare in contatto con i suoi coetanei e, semplicemente, di farsi degli amici. Ma ecco che la vita dei suoi genitori è stata sconvolta dalla loro «fuga» negli Stati Uniti. Una partenza volontaria, ma non senza conseguenze… Meghan infatti è inquieta per il futuro del suo piccolo. Archie riuscirà a crearsi delle relazioni sociali?

Paura che Archie si ritrovi isolato

In qualità di principino, Archie gode di uno status molto particolare, anche oltre l’Atlantico. È famoso, viene sicuramente riconosciuto e, per questa ragione, sarà ovviamente portato a vivere un’infanzia un po’ particolare. Ciò che teme sua madre Meghan è innanzitutto che si ritrovi isolato. «Meghan dice che Archie ha bisogno di acquisire delle competenze emozionali e sociali stando con altri bambini, cosa che non può fare con gli adulti», riporta una fonte al «Daily Mail».

Troppo famoso per integrarsi?

Per rimediare a questo, la giovane madre progetta di unirsi a un gruppo battezzato «Mommy and Me», che permette ai bambini e alle loro mamme di riunirsi per giocare insieme diverse volte a settimana… «Ciò permetterebbe ad Archie di interagire con altri bambini e di sviluppare il suo cervello», riporta ancora il «Daily Mail».

Ma c’è un altro motivo di apprensione per Meghan, che teme che il loro status impedisca loro di integrarsi. E non è il contagio di COVID-19 che la madre teme, bensì la celebrità del suo piccolo, che potrebbe escluderlo a priori. Avrebbe infatti dichiarato che è «troppo famoso per fare cose normali», prosegue la fonte. Ciò che desidera la giovane mamma è tuttavia legittimo: «vuole un luogo in cui semplicemente essere mamma e farsi dei veri amici».

Una minaccia costante sopra le loro teste

Dal loro trasferimento a Los Angeles avvenuto a marzo, la coppia principesca non è stata tanto tranquilla quanto avrebbe desiderato. Non sono soltanto inseguiti dai paparazzi: Meghan e Harry raccontano anche di essere sorvegliati dai droni a casa loro. Macchinari che sorvolano la loro sontuosa villa, alla ricerca di immagini, e che danno una sensazione di violazione della loro intimità.

«È come se la gente dimenticasse che sono delle persone normali. Ma è una vera famiglia», riportava una fonte vicina alla coppia al Daily Beast il 27 maggio scorso. «Vedono dei droni avvicinarsi (…) il terrore è reale per loro», dichiara sdegnato l’amico della coppia. «Immaginate cosa provereste al posto loro. Avere dei droni che ronzano a sei metri al di sopra della vostra testa quando giocate con vostro figlio.» Evidentemente, in queste condizioni, non è semplice per un bambino di un anno aprirsi al mondo esterno.

Nessun amico e nemmeno cugini…

Per via della «Megxit» - la partenza dall’Inghilterra e il loro ritiro dalle funzioni reali -, l’allontanamento rafforza ancora un po’ l’angoscia dei coniugi Sussex. Più tranquilli certo… ma lontani da una famiglia che conta diversi bambini. Si tratta infatti dei tre giovani cugini di Archie, che sono coloro che mancano maggiormente alla famigliola. Perché il contatto di questi cuginetti sarebbe stato un modo di interagire, di tessere relazioni solide e autentiche.

La prole di William e Kate, composta da George (6 anni), Charlotte (5 anni) e Louis (2 anni), avrebbe in effetti costituito una cerchia ideale per Archie, per il momento figlio unico. Ancora di più perché i piccoli sembrano già legati al figlio di Meghan ed Harry. Sin dalla nascita del piccolo, avevano già «chiesto ai loro genitori quando avrebbero potuto incontrare Archie», raccontava una fonte vicina alla Corona al «Mirror» qualche mese dopo la nascita.

I tre fratelli hanno incontrato solo poche volte il cugino prima che quest’ultimo si trasferisse. Una vicinanza di cui il piccolo Archie dovrà fare a meno… almeno per il momento!

Tornare alla home page