Ariana Grande e l’attentato di Manchester: «La mia vita è cambiata»

CoverMedia

30.11.2018 - 11:12

Source: Covermedia

La cantante ricorda la terribile notte del 22 maggio 2017 in una nuova docu-serie su YouTube, Dangerous Woman Diaries.

Ariana Grande torna a parlare dell’attentato alla Manchester Arena del maggio 2017.

Al termine di un concerto della cantante, un terrorista ha fatto esplodere una bomba all’esterno dell’impianto, provocando la morte di 22 giovani fan della star del pop.

L’evento ha segnato Ariana, la cui vita non è più la stessa dopo il tragico evento.

L’ex star Disney si è sfogata in una lettera, scritta a un fan nel febbraio di quest’anno, e ora resa nota nella docu-serie Dangerous Woman Diaries, rilasciata ieri 29 novembre su YouTube.

«Quando il tuo mondo viene stravolto da qualcosa di così lontano da te e così velenoso, non rimane altro che sgomento e dolore in un modo da cui sembra impossibile guarire del tutto», ha detto la Grande. «Lo spirito della gente di Manchester, delle famiglie affette da questa tragedia orrenda e dei miei fan in tutto il mondo non sarà più lo stesso, per il resto delle nostre vite. L’amore, la forza e l’unità che mi hanno dimostrato il mio team, i miei ballerini, la mia band e l’intero team non devono essere sconfitti. Ma al contrario, dobbiamo imparare ad amare più forte che possiamo e ad apprezzare ogni momento della nostra vita. La gente di Manchester è stata capace di cambiare un evento che ha messo in luce il peggio dell’umanità in un altro che ha invece mostrato la parte più bella dell’umanità».

Con la docu-serie, Ariana mostrerà alcune immagini inedite e contributi dietro le quinte del suo Dangerous Woman World Tour, all’epoca temporaneamente sospeso a causa dell’attentato. Non è stato incluso nessun filmato relativo all’attacco, mentre saranno presenti delle immagini del One Love Manchester, il concerto benefico organizzato da Ariana e presenziato da molte star della musica mondiale, i cui fondi sono stati interamente devoluti alle vittime e alle loro famiglie.

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia