Blake Lively: ancora un rinvio per «The Rhythm Section»

CoverMedia

20.9.2019 - 13:14

Blake Lively and Anna Kendrick at a French television studio in Paris Featuring: Blake Lively Where: Paris, France When: 19 Sep 2018 Credit: WENN.com
Source: WENN.com

Dopo il grave infortunio alla mano della protagonista, la nuova data d’uscita della pellicola è stata fissata per gennaio 2020.

È sempre più stallo attorno a «The Rhythm Section», il nuovo film con protagonista Blake Lively.

La pellicola, adattamento dell’omonimo romanzo di Mark Burnell, sarebbe dovuta uscire a novembre. Sembrava che tutto stesse andando per il verso giusto con la diffusione del primo trailer, ma nella giornata di ieri, 19 settembre, la produzione ha annunciato un nuovo rinvio per gennaio 2020.

Il film non è di certo nato sotto una buona stella: durante le riprese in Irlanda, alla fine del 2017, Blake è stata vittima di un grave infortunio a una mano. L’attrice si è sottoposta a più operazioni chirurgiche e, di conseguenza, anche la produzione ha subito un significativo stop.

Secondo i piani iniziali, il film diretto dal regista Reed Morano sarebbe dovuto uscire nelle sale il 22 febbraio di quest'anno.

Jack McEvoy, co-star della Lively, ha dichiarato in una precedente intervista con WENN: «È stata una notizia che ha scioccato tutti quanti, ma poi ci si rimbocca le maniche e si continua. Nessuno è morto e non è successo nulla di particolarmente grave. Il film è andato avanti e sarà stupendo. Semplicemente questo non sarebbe stato un buon periodo per il rilascio».

«Tutto ciò che sapevo, grazie al mio agente, che le riprese erano state interrotte e poi ho saputo che Blake si era fatta male, una notizia terribile. Questa è stata la prima cosa che mi è passata per la testa. Non è che mi sia detto: “Dannazione, non posso finire le riprese!”. Mi sono accertato delle sue condizioni. La salute viene prima di tutto. Lei sta bene».

Nel film, Blake interpreta una donna senzatetto in cerca di vendetta contro chi ha orchestrato l’incidente aereo costato la vita alla sua famiglia.

Tornare alla home page

CoverMedia