Dopo le lamentele

Boris Becker trasferito in un'ala più accogliente del carcere

bb

17.5.2022

Finalmente una buona notizia per Boris Becker: l'ex stella del tennis è stata trasferita in un'ala più accogliente del carcere di Wandsworth. E mamma Elvira ora vuole andare a trovarlo.

bb

17.5.2022

Boris Becker sta passando un periodo difficile in prigione. 

Si dice che abbia allertato le guardie più volte con l'interruttore di chiamata di emergenza in quanto soffrirebbe di claustrofobia. E pare che alcune di loro permettano all'ex stella del tennis di tenere aperta la porta della sua cella durante il giorno a causa delle sue paure, tanto che gli altri detenuti lo considerino un bonus per le celebrità.

Ma ora qualcosa è cambiato e il 54enne dovrebbe avere meno da temere: secondo le informazioni del «Bild» è stato trasferito dal blocco E alla «Trinity Wing» in una cella singola nella prigione di Wandsworth a Londra. Si tratterebbe della parte più confortevole della prigione.

«Trinity ha una supervisione leggermente più rilassata»

Il giornalista Chris Atkins non si sa spiegare come Becker sia riuscito a ottenere il trasferimento così in fretta. L'ex detenuto di Wandsworth ha detto alla «Bild»: «Altri prigionieri aspettano mesi e persino anni per riuscire a entrare in questa parte». Mentre l'ex tennista ci è riuscito in meno di tre settimane.

Atkins continua: «Trinity ha una supervisione leggermente più rilassata, qui i prigionieri hanno maggiori opportunità di lasciare le loro celle. Ad esempio, per lavorare, per proseguire gli studi, per fare sport e per socializzare».

A quanto pare, a causa del trasferimento, Becker sarebbe stato promosso a detenuto dal livello «Standard», che ogni nuovo arrivato riceve, al cosiddetto «livello IEP» (Incentivi e Privilegi acquisiti). Questo ha migliorato le sue prospettive in carcere e ora è stato trasferito in un'ala più piacevole.

La mamma ora vuole andare a trovarlo

Ma c'è un'altra buona notizia: la mamma Elvira Becker ora vuole volare a Londra per visitare suo figlio in prigione.

La «Bild» lo ha appreso dalla sua cerchia di amici più stretti. Finora aveva detto che il viaggio era troppo faticoso. Ma l'86enne ha paura di non rivedere il suo Boris.

Madre e figlio hanno un rapporto molto stretto che è durato nonostante tutti gli alti e bassi degli ultimi anni. Si dice che anche dalla prigione Boris Becker si tenga regolarmente in contatto con sua madre.