Spettacolo

Eros Ramazzotti: «Ho votato 5 Stelle e lo rifarei»

CoverMedia

12.9.2018 - 11:11

Alla vigilia dell’uscita del nuovo album, il cantante romano ha concesso una lunga intervista a Vanity Fair.

Eros Ramazzotti ha svelato pubblicamente le sue preferenze politiche, che al momento cadono sul Movimento 5 Stelle.

Alle ultime elezioni, infatti, il cantante ha votato per il partito fondato nel 2009 dal comico e attivista politico Beppe Grillo e dall'imprenditore del web Gianroberto Casaleggio.

«Lo rifarei. Ci vuole tempo per cambiare e migliorare l’Italia: parliamo di decenni, non di un anno o due», ha dichiarato il marito di Marica Pellegrinelli.

«Matteo Salvini? A volte è duro e pesante ma non penso abbia tutti i torti. E ha un pregio: smaschera l’ipocrisia generale», aggiunge Eros, che in passato ha preso la tessera del Partito Comunista Italiano, tenuta però solo per sei mesi.

«Mio padre era comunista. Immaginava un mondo equo in cui a tutti toccasse in sorte un pezzo di pane. Era utopia e lo scoprì sulla sua pelle», ha raccontato il cantante.

Prima di lavorare al nuovo album, Vita ce n’è, in uscita il prossimo 23 novembre, Ramazzotti ha pensato di abbandonare il mondo della musica.

«Ho passato qualche anno in cui non sapevo se continuare o fermarmi per sempre. Mi sono chiesto se continuare avesse un senso perché mi sono detto: “Che lo compongo a fare un disco tanto per farlo?”. Ci sono tanti artisti che vivono di memoria, non volevo iscrivermi al club. Questo disco è un nuovo inizio», ha confidato il cantautore.

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia