Lea Michele rompe il silenzio dopo le accuse di bullismo

CoverMedia

4.6.2020 - 13:15

2019 New York Stage and Film Winter Gala held at the Ziegfeld Ballroom - Arrivals. Featuring: Lea Michele Where: New York, New York, United States When: 09 Dec 2019 Credit: Joseph Marzullo/WENN.com Featuring: Lea Michele Where: New York, New York, United States When: 09 Dec 2019 Credit: Joseph Marzullo/WENN.com
Source: Joseph Marzullo/WENN.com

La star del telefilm «Glee» chiede scusa dopo le pesanti rivelazioni della sua co-star Samantha Ware.

Dopo le nuove accuse di bullismo sul set di «Glee», Lea Michele ha deciso di rompere il silenzio.

Questa volta è stata la sua co-star Samantha Ware a rispondere ad un tweet dell’attrice in sostegno del movimento Black Lives Matter, ma già nel 2016 ne aveva parlato Naya Rivera nel suo libro «Sorry Not Sorry», dove raccontava nel dettaglio la sua spiacevole esperienza con la collega sul set del celebre telefilm musicale.

Ad appoggiare la Ware con numerosi «mi piace» al post, anche gli altri attori Dabier Snell, Alex Newell, Amber Riley e Melissa Benoist.

«Una delle lezioni più importanti che ho imparato nelle ultime settimane è che dobbiamo prendere il tempo di ascoltare ed apprendere i punti di vista degli altri, il ruolo che abbiamo avuto, e se possiamo fare qualcosa per risolvere l’ingiustizia che affrontiamo», riflette Lea nel suo nuovo post. «Quando ho pubblicato quel tweet, l’altro giorno, volevo dimostrare il mio sostegno per amici, vicini, e comunità di persone di colore in questi tempi difficili, ma le reazioni che ho provocato mi hanno fatto riflettere tanto anche sul mio comportamento verso i miei compagni di cast. Anche se non ricordo di aver fatto affermazioni specifiche e non ho mai giudicato nessuno per la loro cultura o per il colore della loro pelle, non importa. Ciò che importa è che ho agito in un modo che ha ferito queste persone».

L’attrice, che attualmente è in dolce attesa, continua: «Mi scuso per questo comportamento e per la sofferenza che posso aver causato. Tutti possiamo crescere e cambiare ed io ho senza dubbio sfruttato questi ultimi mesi per riflettere sui miei difetti».

Tornare alla home page

CoverMedia