Pieraccioni: «14'200 candidati per una parte nel mio prossimo film»

Covermedia

3.5.2021 - 16:49

Leonardo Pieraccioni

I protagonisti della pellicola «Il sesso degli Angeli» sono Sabrina Ferilli e Marcello Fonte. Per il giovane volto ricercato dal regista sono giunte 14'200 candidature.

Covermedia

3.5.2021 - 16:49

Ad interpretare il nuovo film di Leonardo Pieraccioni saranno Sabrina Ferilli e Marcello Fonte.

Qualche settimana fa, il regista toscano ha lanciato un appello in cui annunciava di essere alla ricerca di un «ragazzetto simpatico» – e toscano – per il suo nuovo progetto, che ha raccolto ben 14'200 candidature.

«Allora Stop al televoto! Di mail alla ricerca di «ragazzetti simpatici» per il film nuovo ne sono arrivate 14'200!! Oltre ai ragazzetti dentro c’era di tutto: signori di 85 anni, gemelli di 45, proposte di matrimonio che vaglieremo in un secondo momento», rivela Leonardo Pieraccioni in un simpatico post pubblicato via social.

In tredici incontreranno Pieraccioni

«L’ottima casting Eleonora le ha guardate tutte e mi ha inviato 159 video presentazioni meritevoli, poi a 50 abbiamo fatto fare un videoSelf con un monologhetto e l’ultima scrematura fatta di 13 giovanottini li incontrerò personalmente il prossimo venerdi – spiega Pieraccioni.

«Ci incontreremo ovviamente tutti tamponati, sciampati e pettinati! Grazie a tutti per la partecipazione così vivace e entusiasta. Mi verrebbe voglia di prendervi tutti e fare un film «Leo e i 13 ragazzetti simpatici». Tipo io che moltiplico i pani, i pesci e 13 apost… ah no ce n’è uno in più. Vabbè lasciamo perdere».

Commentando invece la scelta de i suoi attori principali, Leonardo scrive: «Siam bellini, eh?! Il nuovo film parte da qui, da Marcello Fonte, che appena lo vidi in «Dogman», me ne innamorai, da Sabrina Ferilli che appena la vidi me ne innamorai e da «Il sesso degli angeli» titolo, che da subito, me ne innamorai. Ora, o io m’innamoro troppo facile o qui ci son tutti gli elementi per divertirci e farvi divertire. Attacchiamo la spina, a Giugno si gira!».

Covermedia