Lionel Richie e l’incontro con il pitone di Michael Jackson

CoverMedia

14.3.2018 - 13:13

Source: Covermedia

Il cantante racconta di aver visto un uccello litigare con un cane e un serpente strisciare nella casa di Encino del re del pop.

Lionel Richie ebbe una serie di incontri ravvicinati con alcuni tra gli animali selvatici di Michael Jackson, che il re del pop custodiva nella sua casa di Encino, California.

Ricordando i giorni in cui lui e Jacko, insieme a molti altri artisti, scrissero l’inno alla solidarietà We Are The World, il cantante soul ha dichiarato allo show televisivo The Talk: «Michael amava circondarsi di animali. Nel bel mezzo del processo di scrittura, ci precipitammo giù dalle scale e c’era questo cane che abbaiava istericamente. Poi sentimmo: “Stai zitto, sta zitto!”. Chiesi a Michael cosa stesse succedendo e lui rispose: “È un uccello. Un uccello che sta litigando con il cane”. Quando tornammo in cucina, c’era un uccello in una gabbia e un cane che abbaiava, e l’uccello che diceva al cane: “Stai zitto, stai zitto!”».

Ma il «bello» sarebbe ancora dovuto avvenire: «La situazione peggiorò. Ero disteso sul pavimento e stavamo lavorando sui versi, quando sentii un rumore… un sibilo. Guardai Michael e improvvisamente sbucò un pitone albino. “Lionel, finalmente l’abbiamo trovato. Sapevamo che fosse da qualche parte, ma non eravamo sicuri. Forse è uscito per giocare con te”, mi disse Michael».

«Io cominciai a urlare come una donna in un film horror - prosegue Richie -. Gridavo come un pazzo. E lui continuava a dire: “Perché urli?”. E io: “Ma è un serpente! Sarà pure il tuo animale domestico, ma io vengo dall’Alabama e per me resta un serpente!”».

Tornare alla home page

CoverMedia