Confessione a «Gredig direkt»

Robbie Williams: «La dipendenza potrebbe distruggere la mia famiglia»

Di Bruno Bötschi

1.10.2022

«Sono stato uno dei primi influencer sui problemi di salute mentale»: Robbie Williams al talk show «Gredig direkt».
«Sono stato uno dei primi influencer sui problemi di salute mentale»: Robbie Williams al talk show «Gredig direkt».
SRF

Robbie Williams ha pubblicato un nuovo album. Per promuoverlo, parla delle sue dipendenze e delle conseguenze dei suoi problemi mentali nel talk show «Gredig direkt», con anche una dichiarazione d'amore per la Svizzera.

Di Bruno Bötschi

1.10.2022

I fan di Robbie Williams possono gioire.

Il cantante spera di «essere il Mick Jagger del 2050» e di essere ancora sul palco a 75 anni. Tuttavia, il 47enne è consapevole che ciò richiederà un certo sforzo.

Soprattutto, dice, dovrà prendersi cura della sua salute molto più di quanto abbia fatto nei primi 47 anni della sua vita. «Altrimenti, potrebbe essere molto difficile perché il mio corpo non sarà più in grado di stare sul palco».

«Ecco cosa fa la fama»

Robbie Williams è impegnato al momento in un tour di interviste e quindi fa tappa anche da Urs Gredig nel suo talk show «Gredig direkt». La popstar inglese ha con sé il suo nuovo album «XXV».

«Nuovo» è corretto solo in parte: il disco contiene principalmente versioni orchestrali dei suoi più grandi successi.

YouTube / Robbie Williams

Dopo 7 minuti e 58 secondi di «Gredig direkt», il presentatore chiede al cantante se il successo sia sinonimo di felicità.

Robbie Williams si schiarisce brevemente la gola, poi dice: «Per me il successo è felicità, la fama no». Coloro che sperimentano la fama estrema lottano anche in modo quasi automatico con una forma di malattia mentale, prima o poi.

Gredig: «Davvero non conosci nessuna persona famosa che sia felice?»

Williams: «No... Beh, Bruce Springsteen sembra riuscirci piuttosto bene. E anche Tom Hanks ha mantenuto una sorta di dignità. Ma forse è solo un bravo attore».

Per il resto, però, la popstar conosce solo persone famose che hanno o hanno avuto problemi più gravi, primi fra tutti i suoi ex compagni di band dei Take That: «Gary Barlow ha sofferto di bulimia e depressione. Mark Owen era in riabilitazione. Howard Donald ha avuto pensieri suicidi. Jason Orange odiava tutto. E io sono andato in riabilitazione diverse volte».

Williams conclude: «Ecco cosa fa la fama. Nessuno riesce a farla franca, tranne forse i calciatori perché sono più in forma della maggior parte delle persone».

«Questa è la cosa più spaventosa»

Robbie Williams ha ammesso apertamente all'inizio della sua carriera di essere un tossicodipendente e di soffrire di depressione. «Sono stato uno dei primi influencer sui problemi di salute mentale».

«Gary Barlow soffriva di bulimia e depressione. Mark Owen era in riabilitazione. Howard Donald ha avuto pensieri suicidi. Jason Orange odiava tutto»: Robbie Williams parla dei suoi ex colleghi dei Take That.
«Gary Barlow soffriva di bulimia e depressione. Mark Owen era in riabilitazione. Howard Donald ha avuto pensieri suicidi. Jason Orange odiava tutto»: Robbie Williams parla dei suoi ex colleghi dei Take That.
SRF

Un'apertura che è valsa al cantante l'accusa di essere un piagnone. In passato, molte persone pensavano che chiunque avesse un grande successo e fosse famoso in tutto il mondo non potesse, anzi, non dovesse mai essere infelice.

Fortunatamente, oggi non è più così, dice Williams. Il che ha anche a che fare con il fatto che non sia più l'unico personaggio famoso a parlare dei suoi problemi.

Problemi che appartengono in gran parte al passato da quando è insieme alla moglie Ayda ed è padre di quattro figli. «La famiglia mi dà uno scopo e una responsabilità, e ha suscitato in me il desiderio di essere la versione migliore di me stesso».

Allo stesso tempo, Williams è ben consapevole di non essere ancora guarito dalle sue dipendenze e dalle sue malattie. «Sono costantemente sul filo del rasoio, anche se so di avere una famiglia. Questa è la cosa più spaventosa di tutto questo».

«Interlaken è il posto più bello del mondo»

Verso la fine dello show, Gredig vuole sapere da Williams se ha qualche rimpianto nella sua vita finora.

«Niente che mi tenga sveglio la notte», dice il cantante. Naturalmente ci sono cose che rimpiange, ma trova noioso parlarne.

«La famiglia mi dà uno scopo e una responsabilità, e ha risvegliato in me il desiderio di essere la versione migliore di me stesso», afferma Robbie Williams.
«La famiglia mi dà uno scopo e una responsabilità, e ha risvegliato in me il desiderio di essere la versione migliore di me stesso», afferma Robbie Williams.
SRF

Williams, invece, non trova affatto noiosa la Svizzera. Dice di vivere con la sua famiglia «dappertutto e da nessuna parte», cioè alternativamente a St. Tropez, a Ibiza, a Londra, in California e a Ginevra.

Tuttavia, ama particolarmente le montagne svizzere e la città di Interlaken. «Ero lì il 1° agosto e mi sono detto che quello è probabilmente il posto più bello del mondo».

Non si era mai reso conto di quanto potessero essere belle le montagne, anche in estate. «Ho sempre pensato che d'inverno ci si va solo per sciare».

In Svizzera, Williams apprezza anche la pace, la tranquillità e «la sicurezza che non si sente da nessun'altra parte».