«Le regole Brexit potrebbero impoverire la Premier League»

bfi

20.6.2020

Arsène Wenger, 70 anni.
Getty

L'ex leggendario coach dell'Arsenal ha parlato di come l'accordo Brexit potrebbe avere un grosso impatto sulla qualità della Premier League. 

Nessuno per ora sa. Non sono ancora state prese decisioni riguardanti il calcio britannico per il dopo-Brexit.

Si vocifera, si discute, si cerca di prevedere. Tifosi, profani e uomini di sport vorrebbero già sapere, conoscere il futuro. 

Il Daily Mirror ha chiesto lumi ad uno dei più profondi conoscitori del calcio inglese ed europeo: Arsène Wenger.

Dopo aver avuto una discreta carriera quale giocatore, in Francia, Wenger ha dapprima allenato il Nancy e poi, per sette anni, il Monaco. Al termine di una breve parentesi in Giappone, Wenger venne chiamato sulla panchina dell'Arsenal, dove vi rimase per ben 22 anni. Da due anni il settantenne ex coach collabora con la Fifa.

Il francese ha già avvertito che le regole restrittive sui lavoratori stranieri che verranno imposte in Inghilterra dopo l'entrata in vigore del Brexit potrebbero avere un serio impatto sulla qualità della Premier League.

La Premier League inglese ritornerà agli inglesi?

Fino a quando il Regno Unito è stato parte del 'blocco europeo', i giocatori degli altri 27 Stati membri erano posti sullo stesso livello dei loro omologhi inglesi, scozzesi, gallesi, nordirlandesi e irlandesi, fatto che ha portato negli anni ad un grosso afflusso di talenti stranieri.

Wenger stesso, che ha reclutato giocatori da ogni angolo del globo durante i suoi 22 anni all'Arsenal, ha chiesto al governo di Londra di chiarire la sua posizione nei confronti della Premier League, per fornire chiarezza ai club.

«Certamente, forse inconsciamente, per alcuni il Brexit è stato un veicolo per riguadagnare una certa sovranità, per riprendere in mano il proprio destino. Per il calcio è completamente l'opposto», ha detto Wenger.

«Quando sono arrivato sull'isola (Gran Bretagna n.d.r.) , il calcio inglese apparteneva agli inglesi. Oggi, la Premier League inglese appartiene a persone straniere». 

Il cambiamento dipenderà ora da come il Brexit sarà applicato al mondo del calcio.

Per ora nessuno lo sa

«Ho chiesto a molte persone, nessuno lo sa - ha ammesso lo stesso Wenger - i calciatori provenienti da Paesi della Comunità Europea verranno considerati come giocatori stranieri che non possono giocare nella Premier League inglese? Non lo so».

Oggi la Premier League è il campionato che ha più esposizione a livello planetario, con i migliori giocatori, e club di proprietà di multimiliardari provenienti da tutto il mondo».

La crisi del calcio inglese degli anni '80

Secondo Wenger l'afflusso di talenti stranieri è andato a beneficio dei club inglesi, che hanno fatto molta strada dalla fine degli anni '80, quando i club soffrirono il divieto di partecipazione alle competizioni europee a causa del fenomeno degli hooligans.

«Dopo che ai club inglesi fu proibito di giocare in Europa alla fine degli anni '80 , al loro ritorno il gap in negativo sugli altri grandi campionati era evidente», ha aggiunto Wenger.

«Ma prima di essere esclusi dominavano le competizioni continentali. Questo dimostra che se non si hanno influenze diverse, si torna indietro lentamente».

Tornare alla home pageTorna agli sport