Scelte vincenti di McSorley

Derby al Lugano grazie alle doppiette di Arcobello e Josephs

Swisstxt

27.1.2022 - 22:14

Arcobello e Morini festeggiano
KEY

Il derby numero 245 della storia è andato al Lugano. Battendo 4-1 l'Ambrì alla Cornèr Arena, l'HCL ha raggiunto quota 150 vittorie nei match con l'HCAP, 11 delle quali ottenute nelle ultime 12 sfide.

Swisstxt

27.1.2022 - 22:14

Il primo tempo, tutto sommato equilibrato, del sesto derby stagionale si è chiuso sull' 1-1. Al vantaggio dell'HCAP firmato da McMillan (6'18") ha risposto, dopo un palo di Pestoni, il capitano bianconero Arcobello (15'38").

Il braccio di ferro è proseguito pure nel secondo periodo e il risultato a lungo non è mutato. Al 36'57" però una magia di Josephs in inferiorità numerica ha portato l'HCL sul 2-1.

Grazie allo stesso canadese, il Lugano ha allungato in apertura di terzo tempo. Anche Arcobello ha poi firmato la doppietta personale realizzando il 4-1 in powerplay al 54'01".

Scelte vincenti di McSorley, occasioni perse dai biancoblù

Vincente per i bianconeri è stata la decisione dell'allenatore McSorley di rinunciare a Irving, dare fiducia a Fatton e confermare i quattro stranieri d'attacco, viste le doppiette di Arcobello e Josephs.

I biancoblù possono invece recriminare per qualche occasione sprecata. Con il successo conquistato il Lugano si avvicina a Losanna e Ginevra, mentre l'Ambrì è più lontano dai pre-playoff.

Fatton: «È stato fantastico»

«Ho giocato senza stress, mi sono preparato come sempre anche se sapevo che sarebbe stata una partita speciale», ha dichiarato il giovane portiere del Lugano Thibault Fatton. «Vincere è stato fantastico, proprio come sentire la Curva Nord scandire il mio nome».

«È stata una serata bellissima», ha confermato Troy Josephs, autore della doppietta. «Sto cercando di sfruttare l'opportunità che mi ha dato l'HCL giocando sempre al massimo e curando ogni dettaglio».

«Fatton ha disputato un gran match, ma tutta la squadra è tornata su alti livelli», ha sottolineato il coach McSorley.

Bianchi: «Alla pari per due tempi»

«Abbiamo fatto due tempi alla pari, ce la siamo giocata perché stavamo giocando davvero bene», ha invece dichiarato l'attaccante dell'Ambrì Elias Bianchi, aggiungendo che «poi nel periodo conclusivo ci siamo disuniti e il terzo gol del Lugano ci ha tagliato le gambe».

«Già il 2-1 di Josephs ci aveva fatto molto male. Durante la seconda pausa ho chiesto ai ragazzi di continuare a spingere, ma non ci siamo più riusciti», ha sottolineato il coach Cereda, che però non si da per vinto: «Restano 10 partite, sarà una battaglia fino alla fine. Dobbiamo sfruttare la pausa per mettere benzina nelle gambe e nella testa».

Il Berna vede i pre-playoff

Intanto a Berna si respira sempre più l'aria dei pre-playoff. Gli Orsi, grazie anche ad alcuni rientri importanti come quello di Kahun, hanno sconfitto 4-1 lo Zugo, consolidando così il decimo posto in classifica a spese dell'Ambrì, undicesimo.

Il Davos è tornato al successo dopo quattro ko filati andando a imporsi per 3-0 a Rapperswil. Nona vittoria, invece, nelle ultime 10 partite per lo Zurigo, che all'Hallenstadion ha superato per 5-1 il Losanna. Un Langnau reduce dalla quarantena ha perso 7-3 a Bienne, mentre il Friborgo ha inflitto all'Ajoie, battuto 4-1, la 17a sconfitta consecutiva.

Swisstxt