Olimpia-ticker

Svizzera maltrattata dagli USA - Niente sorprese nel salto

fon

6.2.2022

Marco Odermatt, of Switzerland leaves the finish area at the bottom of the course after men's downhill training was cancelled at the 2022 Winter Olympics, Saturday, Feb. 5, 2022, in the Yanqing district of Beijing. The final men's downhill training was cancelled after only three skiers completed the course due to high winds. (AP Photo/Luca Bruno)
Marco Odermatt deve aspettare ancora a causa del vento.
Keystone

Tutte le notizie più importanti della giornata olimpica di domenica.

fon

6.2.2022

  • Liveticker
    Nuovi contributi
  • Liveticker finito
  • Hockey: Svizzera maltrattata dagli USA

    Terza partita e terza sconfitta per la Nazionale rossocrociata al torneo femminile di Pechino 2022. Impegnate contro la forte selezione statunitense, le elvetiche sono state battute nettamente con il punteggio di 8-0.

    La Svizzera ha tenuto testa a Knight e compagne nei primi cinque minuti, colpendo pure un palo con Stalder, ma poi è stata costretta a inchinarsi alle nordamericane, che hanno messo in cassaforte il risultato già nel primo tempo (5-0).

    La compagine di Muller tornerà in pista lunedì per l'ultima partita del girone contro la Finlandia, possibile avversaria nei quarti di finale.

    Terza sconfitta nella terza uscita per la Nazionale femminile di hockey.
    Keystone
  • Salto: Deschwanden miglior svizzero col 17esimo rango

    Gli elvetici non sono riusciti a creare la sorpresa nel concorso maschile dal piccolo trampolino.

    Il migliore dei rossocrociati è stato Gregor Deschwanden, piazzatosi 17esimo, mentre Simon Ammann, alla sue settime Olimpiadi, ha chiuso al 25esimo posto.

    Ad imporsi è stato il giapponese Ryoyu Kobayashi. Per il 25enne, alla prima medaglia ai Giochi in carriera, si tratta del secondo acuto stagionale, dopo il trionfo nella Tournée dei 4 Trampolini. Sul podio con lui sono saliti l'austriaco Manuel Fettner (2°) e il polacco Dawid Kubacki (3°).

    Dominik Peter e Killian Peier non si sono qualificati per il secondo salto.

  • Pattinaggio di velocità: Livio Wenger 18esimo nei 5'000 metri

    Fresco dell'argento agli Europei, Livio Wenger si è presentato alle Olimpiadi con un 18esimo posto nella gara sui 5'000 metri. L'elvetico, specialista della prova con partenza in massa, ha accumulato 18''17 di ritardo dal vincitore di giornata Nils van der Poel.

    Lo svedese, succeduto all'olandese Sven Kramer (trionfatore nelle ultime tre edizioni dei Giochi e oggi solo nono), ha firmato il record olimpico in 6'08''84.

    Il podio è stato completato dall'atleta proveniente dai Paesi Bassi Patrick Roest e dal norvegese Hallgeir Engebraaten.

    Livio Wenger è entrato nei Top 20.
    Keystone
  • Eliminata malamente la coppia Perret-Rios

    Jenny Perret e Martin Rios non riusciranno a replicare lo splendido risultato colto a PyeongChang nel 2018, quando si misero al collo l'argento.

    A Pechino la coppia svizzera ha infatti subito la quinta sconfitta nel round robin, inchinandosi 9-6 all'Australia (ultima in classifica), e sarà dunque eliminata dopo la fase a gironi del torneo misto.

    E pensare che questa partita ha rischiato di non aver luogo, dopo che l'australiana Thali Gill è risultata positiva, domenica sera, al COVID-19.

    Le autorità sanitarie hanno però permesso loro di continuare, con precauzioni, per non falsare la competizione.

  • Freestyle: Fanny Smith si riprende in tempo

    Freestyle: Fanny Smith sarà presente a Pechino 2022. Infortunatasi a un ginocchio a metà gennaio, la 29enne ha comunicato su Instagram di essere tornata sugli sci e di aver ricevuto luce verde per recarsi a Pechino.

    La gara di skicross è in programma il 17 febbraio e la rossocrociata, già bronzo 4 anni fa, potrà dunque andare a caccia di un'altra medaglia.

    Fanny Smith ci sarà.
    Keystone
  • Skiathlon: vince Bolshunov, Baumann chiude 15esimo

    Il primo titolo olimpico di Pechino nel fondo maschile è andato a Alexander Bolshunov. Il russo ha dominato lo skiathlon mettendosi così al collo la sua prima medaglia d'oro della carriera ai Giochi, dopo i 3 argenti e il bronzo conquistati quattro anni fa.

    A completare la festa russa ci ha pensato il suo connazionale Denis Spitsov, secondo a 1'11", mentre sul gradino più basso del podio è salito il finlandese Iivo Niskanen, che ha preceduto i norvegesi Hans Holund e Paal Golberg.

    Il migliore degli svizzeri è stato Jonas Baumann, che ha chiuso 15esimo dopo aver flirtato a lungo con la top 10.

    Buon 15esimo posto per Jonas Baumann.
    Keystone
  • Rinviata la discesa maschile

    L'attesa discesa maschile è stata rinviata. Dopo aver ritardato diverse volte l'orario di partenza, gli organizzatori sono stati costretti a cancellare la corsa a causa del forte vento che già sabato aveva costretto ad annullare il terzo allenamento dopo tre atleti.

    In accordo con tutte le parti interessate è stato deciso di inserire la gara lunedì alle 12:00, 05:00 ora svizzera, tra le due manche del gigante femminile previste alle 09:30 e alle 14:30.

    Per i colori rossocrociati sono stati selezionati per la discesa Beat Feuz, Marco Odermatt, Niels Hintermann e Stefan Rogentin.

    Niente gara per Feuz e compagni.
    Keystone
  • Slopestyle: Burri solo 12esima

    Ariane Burri ha chiuso al 12esimo e ultimo posto la finale di snowboard slopestyle dei Giochi di Pechino. La 21enne elvetica è caduta in tutte e tre le run.

    Si è imposta la neozelandese Zoi Sadowski Synnott, che grazie a una spettacolare terza manche ha superato la statunitense Julia Marino e l'australiana Tess Coady, conquistando il primo oro per il suo paese nella storia delle Olimpiadi invernali.

    Non ci saranno invece rappresentanti svizzeri nella finale maschile: sia Nicolas Huber (20esimo) che Jonas Boesiger (25esimo) non hanno superato le qualificazioni.

  • Il riassunto della giornata di sabato

    Rivivete tutti gli eventi importanti della giornata di ieri --> QUI.

    Una sconfitta e una vittoria per il duo Perret-Rios.
    Keystone