Il caso Djokovic nei media

«Simbolo di egocentrismo e intransigenza» - «Non è solo la vittoria di Novak»

jar/bfi

11.1.2022

Novak Djokovic durante l'allenamento a Melbourne Park, martedì 11 gennaio.
Novak Djokovic durante l'allenamento a Melbourne Park, martedì 11 gennaio.
KEYSTONE

Primo set a favore di Novak Djokovic in tribunale: la cancellazione del suo visto è stata revocata. Non è ancora certo però se il serbo sarà in grado di giocare per il suo decimo titolo agli Australian Open. Questo è ciò che pensa la stampa svizzera e internazionale.

jar/bfi

11.1.2022

Caso Djokovic, il premier dello stato di Victoria: «Il torneo è più importante di chiunque»

Caso Djokovic, il premier dello stato di Victoria: «Il torneo è più importante di chiunque»

Daniel Andrews ci tiene a sottolineare che l'Australian Open è ben più importante di qualsiasi giocatore.

11.01.2022

Svizzera

Tagesanzeiger: «Il fatto che Novak Djokovic possa giocare l'Australian Open dopo tutto, secondo il giudice Anthony Kelly, è uno schiaffo a molti, soprattutto al governo australiano. La decisione è uno sviluppo pericoloso per Melbourne e per il torneo del Grande Slam. La città e il torneo sono ora minacciati dai disordini tra i tifosi serbi, che sono tra i più aggressivi della scena tennistica, e l'enorme fazione degli integralisti anti-Djokovic». (...) Il numero uno del mondo è diventato un simbolo di egocentrismo, intransigenza, disuguaglianza e un leader globale degli oppositori della vaccinazione. Il fatto che possa usare prove dubbie e i sofismi di avvocati costosi per far passare un'esenzione dalla vaccinazione mentre centinaia di migliaia di australiani sono stati virtualmente rinchiusi per mesi a causa del virus, riaccenderà l'enorme rabbia contro di lui, già percepita la settimana scorsa. Se dovesse effettivamente entrare nella Rod Laver Arena come giocatore, il clamore è garantito».

NZZ: «Per il governo australiano, la decisione della corte rappresenta una grande battuta d'arresto politica e una perdita di credibilità a livello internazionale. (...) Per il primo ministro Scott Morrison, l'affare Djokovic è quindi arrivato giusto in tempo per distrarre dal fallimento del governo federale gli occhi di molti elettori, e per mostrare forza. La maggior parte degli australiani erano a favore della sua dura presa di posizione nei confronti della stella del tennis. Ma il caso giudiziario ha esposto il caos organizzativo nell'approvare l'esenzione di Djokovic e le manovre populiste nel rifiutarla. Per i politici australiani, Morrison in primis, la sfida ora è quella di evitare di finire ricordati come i protagonisti di una farsa politica».

Blick: «Cosa è successo alla carismatica stella del tennis? Uno scettico della vaccinazione che incorre nell'ira di un intero paese, che distrugge la sua immagine con dichiarazioni confuse. (...) Cosa vuole Djokovic? Attenzione? Approvazione? Rispetto? O non vuole proprio niente? Ha corteggiato l'amore del pubblico per troppo tempo e a un certo punto ha dovuto ammettere a se stesso che Rafael Nadal e Roger Federer saranno sempre e comunque più popolari e più capaci di vincere la maggioranza? (...) Djokovic è sempre più strano. 20 titoli del Grande Slam non lo proteggono dalla confusione. Uno degli sportivi di maggior successo del nostro tempo si sta smantellando. Vederlo fare questo fa male».

Australia

Canberra Times: «Se Novak Djokovic si aggiudica il diritto di giocare agli Australian Open, speriamo questa sia l'ultima volta che appare da noi. (...) L'episodio ha mostrato Djokovic come una persona egoista. Il fatto che sia il numero uno del mondo non gli dà il diritto di comportarsi così. Tennis Australia non deve sottrarsi alle sue responsabilità in questo pasticcio e deve smettere di assecondare i capricci e le richieste di Djokovic. (...) Questo fiasco sta già avendo ripercussioni in tutto il mondo e sta colpendo la reputazione dell'evento, di Melbourne e dell'Australia. Se Djokovic gioca, deve aspettarsi un'accoglienza poco amichevole dalla maggior parte dei tifosi australiani. Speriamo che Rafael Nadal, l'epitome di un grande sportivo, vinca il suo 21° titolo di singolare del Grande Slam per superare il serbo e Roger Federer».

The Age: «Se il serbo dovesse essere autorizzato a scendere sul rettangolo della Rod Laver Arena, la settimana prossima, sarebbe una vera beffa vedere il suo nome inciso ancora una volta sul Norman Brookes Challenge Trophy, mettendolo davanti ai suoi due grandi rivali di sempre. Ammiro gli sportivi con una (non) sana dose di testardaggine; non mi piace Djokovic. Non mi è mai piaciuto. (...) Come puoi non far arrabbiare un intero paese quando sembra che tu faccia di tutto per eludere le leggi dello stesso. Sulla base delle dichiarazioni pubbliche di Djokovic negli ultimi due anni, è sempre stato chiaro che non si sarebbe mai vaccinato contro il coronavirus. Qualcuno credeva davvero che sarebbe accaduto il contrario?».

Serbia

Blic: «NOVAK HA SCONFITTO L'AUSTRALIA! Lo stato si inginocchia davanti a Djokovic, il suo visto è stato restituito - ora è un uomo libero a Melbourne. Per l'orgoglio, per tutti quelli che sono scesi in strada, per tutti quelli che lo hanno sostenuto da tutto il mondo - Novak Djokovic ha vinto in Australia, come sempre! Questa non è solo la vittoria di Novak Djokovic, il miglior tennista del mondo - questo è quello che tutta la Serbia stava aspettando dopo la grande chicane di Melbourne». 

Informer: «NOVAK È PIÙ FORTE DELLO STATO! Devono lasciarlo andare! Il giudice Kelly ha ordinato di annullare la cancellazione del visto di Novak Djokovic. (...) Come promemoria, Novak ha ottenuto un visto per entrare in Australia e ha presentato tutta la documentazione richiesta. Quando è arrivato a Melbourne, è iniziato il caos. I politici sono intervenuti, gli hanno revocato il visto e lo hanno mandato in un hotel per immigrati. Si passavano la palla l'uno l'altro. La cosa peggiore è che stanno trattando Djokovic come un criminale».

Internazionale

El Mundo (Spagna): «Djokovic invoca il suo presunto vittimismo, che il tennista e la sua famiglia usano per mascherare la loro negazione della scienza. Djokovic, con il suo grande richiamo internazionale, è diventato la punta di diamante di un movimento sovversivo. Il suo discorso negazionista nasconde sfumature antidemocratiche che sfidano le regole come numero uno del tennis, in un paese che ha a che fare con restrizioni molto forti in fatto di coronavirus. (...) Chiedendo di avere più diritti degli altri e rifiutando la vaccinazione, Djokovic sta proprio minando la libertà di tutti».

Süddeutsche Zeitung (Germania): «Sulla base dei fatti, il giudice Kelly ha stabilito che Djokovic dovrebbe essere immediatamente rilasciato dal suo hotel di quarantena. Il numero uno del mondo non si è mai fatto vaccinare contro il Covid-19. Il punto del contendere era se la prova di Djokovic era sufficiente per un'esenzione come convalescente. Ma questo non è ancora deciso. Djokovic è un uomo libero in Australia perché Kelly ha contestato degli errori procedurali: il serbo non ha avuto il tempo necessario per fornire i documenti mancanti. Indipendentemente da questo, Djokovic è stato condannato per qualcos'altro: spregiudicatezza. Djokovic ha ricevuto il risultato del suo campione PCR positivo il 16 dicembre. Il giorno dopo si è fatto fotografare con dei giovani in un'accademia di tennis. Sono queste immagini inquietanti che rimarranno impresse di Djokovic».

Ubaldo Scannagatta di Ubitennis (Italia): «Ne escono male tutti. In primis l’Australia, ho la sensazione che le decisioni siano state prese in vista delle elezioni che ci saranno tra 4 mesi. Non c’è stata chiarezza nei rapporti tra gli stati, il Governo e il ministro dell’immigrazione. (...) Tennis Australia ha dato per scontato che l’esenzione per aver contratto il covid valesse anche per i non-australiani. E poi ne esce male Djokovic, soprattutto per il fatto che abbia continuato a circolare tranquillamente in Serbia il 16, il 17 e anche il 18 dicembre quando aveva saputo di essere positivo alle 20.16 del giorno 16. Ha rischiato di fare da untore e contagiare le persone che ha incontrato. Anche se quelle sono regole che riguardano più la Serbia».