Chiusura in flessione per la Borsa svizzera

ev, ats

29.12.2021 - 17:57

Chiusura in flessione per la Borsa svizzera
Keystone

Giornata negativa oggi per la Borsa svizzera, che partita al di sotto della linea di demarcazione vi è rimasta per tutta la giornata ampliando le perdite nel pomeriggio e chiudendo in flessione.

ev, ats

29.12.2021 - 17:57

L'indice dei valori guida SMI, che ieri ha battuto record storici di seduta e di chiusura, ha terminato oggi in calo dello 0,34% a 12'926,56 punti. Quello allargato SPI ha segnato un -0,28% a 16'506,21 punti.

Tema su cui si concentra l'attenzione, poco prima della fine dell'anno, è il numero crescente di casi a livello globale della variante Omicron. Altri temi sono l'inflazione, la politica monetaria della Fed e la politica economica della Cina che sono però recentemente passati in secondo piano.

«In una attività di scambi ridotta a causa delle vacanze gli investitori continuano a scommettere su un leggero shock nella ripresa economica mondiale piuttosto che credere in un crollo monumentale», secondo alcuni analisti.

A livello interno, sul listino hanno gravato i tre pesi massimi difensivi che hanno chiuso la seduta tutti in calo: Nestlé ha ceduto lo 0,31% (a 128,34 franchi), Novartis lo 0,64% (a 80,33 franchi) e Roche lo 0,70% (a 380,90 franchi).

Perdite sono state registrate anche dai bancari, con Credit Suisse che ha segnato un -1,42% (a 8,862 franchi) e UBS un -0,54% (a 16,51 franchi), come pure dagli assicurativi Swiss Re (-0,33% a 90,56 franchi), Zurich (-0,54% a 401,80 franchi) e in misura più contenuta Swiss Life (-0,04% a 562,80 franchi).

Tutti in positivo hanno invece chiuso i valori ciclici: ABB, secondo il cui presidente del consiglio di amministrazione Peter Voser le maggiori difficoltà di approvvigionamento a causa della pandemia dovrebbero essere ormai alle spalle, ha segnato una leggera crescita (+0,09% a 35,18 franchi), Geberit è avanzato dello 0,64% (a 753,20 franchi), Holcim è progredito dello 0,26% (a 46,67 franchi) e Sika è salito dello 0,63% (a 381,60 franchi).

Hanno terminato con segno più anche Givaudan (+0,17% a 4'824,00 franchi), SGS (+0,13% a 3059,00 franchi) e Richemont (+0,44% a 137,75 franchi).

ev, ats