Ambiente

Garagisti: senza di noi la svolta climatica non è fattibile

hm, ats

18.1.2022 - 15:02

Anche dove c'è l'elettrico servirà ancora un garagista.
Keystone

La svolta climatica non è fattibile senza i garagisti: lo sostiene l'Unione professionale svizzera dell'automobile (UPSA), l'organizzazione che rappresenta circa 4000 imprese del ramo.

hm, ats

18.1.2022 - 15:02

Il tema del futuro energetico è stato al centro della giornata dei garagisti svizzeri, un evento che ha richiamato al Kursaal di Berna 600 partecipanti, fra cui la consigliera federale Simonetta Sommaruga, ha indicato l'organismo.

«Senza l'impegno quotidiano dei quasi 40'000 meccanici, ingegneri meccatronici, consulenti di mobilità e proprietari di garage il passaggio a una mobilità rispettosa del clima non sarebbe fattibile», ha affermato la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), citata in un comunicato. «Con la nuova legge sul CO2, il Consiglio federale vuole anche promuovere le stazioni di ricarica per veicoli elettrici nei luoghi dove ancora mancano, per esempio negli edifici residenziali e sul posto di lavoro».

Sommaruga ha anche spiegato che la Confederazione sta tracciando le condizioni quadro per la guida automatizzata, attraverso la revisione della legge sulla circolazione stradale. «Vogliamo renderla possibile in Svizzera ed essere uno dei primi paesi al mondo a farlo».

«La visita di Sommaruga mostra che prende sul serio la nostra industria e le nostre preoccupazioni ed è interessata al dialogo quanto noi», ha osservato Thomas Hurter, presidente centrale di UPSA e consigliere nazionale (UDC/SH), pure in in dichiarazioni riportate in una nota stampa. L'industria automobilistica sostiene gli obiettivi di una continua riduzione di CO2, ha aggiunto. Il garagista sta diventando anche un consulente in materia di mobilità. Secondo Hurter comunque «il fascino dell'auto e l'innegabile beneficio che la mobilità individuale apporta non stanno diminuendo».

hm, ats