Arte Addio a Tadaaki Kuwayama, pittore tra i pionieri del minimalismo

SDA

16.9.2023 - 16:05

Tadaaki Kuwayama, scomparso lo scorso 18 agosto all'età di 91 anni, aveva esposto le sue opere anche al Museo Haus Konstruktiv di Zurigo. (immagine d'archivio)
Tadaaki Kuwayama, scomparso lo scorso 18 agosto all'età di 91 anni, aveva esposto le sue opere anche al Museo Haus Konstruktiv di Zurigo. (immagine d'archivio)
Keystone

L'artista giapponese naturalizzato statunitense Tadaaki Kuwayama, tra i pionieri del movimento minimalista americano, che ha caratterizzato la sua opera con l'esplorazione di spazio, colore e superficie in modi innovativi, è morto a Manhattan all'età di 91 anni.

16.9.2023 - 16:05

La notizia della scomparsa avvenuta lo scorso 18 agosto è stata data, a funerali avvenuti, dal «New York Times», precisando che il decesso è stato provocato da un'emorragia cerebrale a seguito di una caduta in casa.

Nato nel 1932 a Nagoya, una città industriale nel Giappone centrale, Kuwayama si laureò all'Università delle Arti di Tokyo in pittura tradizionale giapponese (nihonga). Tuttavia il suo interesse era altrove, lontano dai canoni tradizionali. Seguendo la sua passione, nel 1958 si trasferì negli Stati Uniti con la moglie e collega artista Rakuko Naito. Al loro arrivo a New York, Kuwayama si immerse rapidamente nella scena d'avanguardia della città, facendo amicizia con artisti celebri come Kenzo Okada, Sam Francis, Donald Judd, Dan Flavin e Frank Stella. In breve tempo, tenne la sua prima mostra personale alla Green Gallery nel 1961, a testimonianza del suo talento emergente e della sua visione artistica unica.

Contemporaneo di minimalisti come Dan Flavin e Donald Judd e anche di artisti come Robert Smithson e Walter de Maria, Kuwayama sviluppò presto il suo stile inconfondibile, caratterizzato da composizioni orizzontali e verticali contrapposte, così come da tele monocromatiche divise da sottili strisce di metallo.

Tra i pionieri della pittura monocromatica negli USA

Negli Usa Kuwayama è stato tra i pionieri della pittura monocromatica e cercò di creare un «astratto puro» privo di contesto storico. Il lavoro di Kuwayama ha subito diverse trasformazioni nel corso della sua carriera, ciascuna caratterizzata dalla sperimentazione con materiali diversi, dai pigmenti minerali giapponesi e solvente acrilico su tavole avvolte in carta giapponese all'acrilico, vernici metalliche e pittura ad olio. Negli anni '90 ha iniziato a incorporare più spazio nel suo lavoro, creando un'esperienza spaziale e visiva onnicomprensiva per i suoi spettatori.

I suo lavori sono stati esposti in due importanti mostre del 1966: «Vormen van de Kleur (Forms of Color)» allo Stedelijk Museum di Amsterdam e «Systemic Painting», l'emblematica mostra organizzata dal critico d'arte Lawrence Alloway al Solomon R. Guggenheim di New York. L'arte di Kuwayama si è guadagnata un posto nelle collezioni di stimate istituzioni in tutto il mondo, tra cui il Museo Guggenheim di New York, il Museo d'Arte Moderna di San Francisco, il Museo Haus Konstruktiv di Zurigo, il Museo Nazionale d'Arte Moderna di Tokyo, la Nationalgalerie di Berlino, la Staatsgalerie di Stoccarda e il Museo nazionale d'Arte di Osaka.

SDA