Assassinio Malcolm X, scagionati due dei condannati

SDA

17.11.2021 - 20:10

Malcolm X, ucciso nel 1965 a New York
Keystone

I loro nomi in codice in seno alla Nation of Islam erano Norman 3X Butler e Thomas 15X Johnson. Hanno passato gran parte della loro vita a cercare di dimostrare la propria innocenza, a urlare al mondo che loro con l'assassinio di Malcolm X non c'entravano nulla.

SDA

17.11.2021 - 20:10

Ora, a 55 anni dalla condanna, verranno definitivamente scagionati da quello che è uno degli episodi criminali più clamorosi e dolorosi della storia americana.

La decisione è stata presa dal procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus Vance che, dopo un'indagine durata 22 mesi, ha ammesso «gravi errori» compiuti allora dagli inquirenti e dagli investigatori di Fbi e Dipartimento di polizia di New York che, durante il processo ai sospetti killer, avrebbero coperto una parte delle prove.

Prove che avrebbero portato all'assoluzione di due degli imputati. Per questo Vance ha chiesto scusa alle famiglie di chi ingiustamente ha passato circa 20 anni della sua vita in cella per un omicidio che non ha mai commesso. E per un sistema giudiziario allora più che mai permeato da un sistematico razzismo.

Si apre così la strada a una revisione dei fatti

Si apre così la strada ad una revisione dei fatti avvenuti quel maledetto 21 febbraio del 1965, quando tre uomini, tutti afroamericani, aprirono il fuoco contro Malcolm X che aveva appena preso la parola nella Adubon Ballroom di Harlem. Il leader di quel movimento antirazzista al cui interno si erano aperte delle faide spirò davanti a sua moglie incinta e a tre delle sue figlie. Aveva 39 anni.

I fatti come ricostruiti nel processo non hanno mai convinto, e nel corso degli anni sono stati contestati da diversi storici. Mille i dubbi e le perplessità che hanno sempre avvolto la vicenda. L'unico a dichiararsi colpevole fu Thomas Hagan, l'afroamericano che sparò i colpi mortali e scarcerato nel 2010.

Lo stesso Hagan, non creduto, al processo sostenne come Norman 3X e Thomas 15X, che avevano già dei buoni alibi, non facevano parte della spedizione di morte. Tra le rilevazioni dell'indagine del procuratore di Manhattan quella della presenza nella sala in cui Malcolm X fu assassinato di alcuni agenti sotto copertura.

Resta il mistero su come andarono davvero le cose

Sono spuntati poi documenti che dimostrano come gli investigatori quel giorno fossero al corrente dei concreti rischi corsi dal leader dei diritti civili, con una telefonata giunta ore prima ad un giornale in cui si diceva che il leader dei diritti civili quel giorno sarebbe stato assassinato.

Dunque, resta il mistero su come andarono davvero le cose e sul perché Malcolm X non fu adeguatamente protetto.

Intanto delle due persone scagionate solo una può finalmente festeggiare: Norman 3X, uscito di prigione nel 1985, oggi ha 83 anni. Mentre Thomas 15X, dopo essere stato rilasciato nel 1987, è deceduto nel 2009.

SDA