Centenario Dürrenmatt: il pubblico non è mancato

js, ats

13.1.2022 - 11:21

Dürrenmatt considerava la caricatura come un'arma dell'animo umano.
Keystone

Numerosi visitatori si sono recati a Neuchâtel nel 2021 per celebrare il centenario della nascita di Friedrich Dürrenmatt. Il Centro Dürrenmatt Neuchâtel (CDN) si è detto soddisfatto di aver potuto far scoprire lati poco noti dell'artista.

js, ats

13.1.2022 - 11:21

«La frequentazione del museo è stata molto buona tenuto conto anche delle restrizioni legate alla crisi sanitaria. Vari eventi erano esauriti», ha dichiarato oggi a Keystone-ATS Madeleine Betschart, direttrice del CDN.

L'istituzione attraverso esposizioni e pubblicazioni ha inoltre potuto mettere in valore la complementarietà fra l'opera pittorica e l'opera letteraria di Dürrenmatt e ciò in particolare grazie alla pubblicazione bilingue (tedesco e francese) in tre volumi «Parcours et détours avec Friedrich Dürrenmatt». I due primi volumi sono usciti lo scorso anno mentre il terzo è atteso per questa primavera.

Il CDN ha anche aperto al pubblico spazi legati alla vita dello scrittore, come ad esempio il suo ufficio e la biblioteca.

In occasione del centenario, il CDN ha lanciato un podcast originale e una serie di video riguardo il museo, le mostre e le manifestazioni.

Omaggio alle caricature

Nel 2022, il museo presenterà tre esposizioni temporanee che saranno dedicate all'arte delle caricature, ai disegni teatrali e al tema del gioco nell'opera di Dürrenmatt. Quella sulle caricature, inizialmente prevista nel 2020 e rinviata a causa della pandemia, aprirà sabato e sarà visibile fino al 15 maggio.

L'artista, che aveva una predilezione speciale per questa forma d'arte, ha disegnato Ercole, Guglielmo Tell, diavoli, papi e suore con ali d'angelo. Lo scrittore e pittore «considerava la caricatura come un'arma dell'animo umano e amava puntarla contro gli abusi e le aberrazioni della società e della politica», indica il sito del CDN.

Una settimana prima di morire Dürrenmatt dichiarò: «Il divario tra il modo in cui gli esseri umani vivono e il modo in cui potrebbero vivere sta diventando sempre più ridicolo. Viviamo nell'epoca del grottesco e della caricatura.»

L'esposizione è accompagnata da una pubblicazione e da numerosi eventi. Chiuderà un ciclo di mostre che ha avuto luogo in diversi paesi.

Dürrenmatt ha trascorso numerosi anni della sua vita a Neuchâtel nella sua proprietà di Vallon de l'Ermitage, dove è deceduto nel 1990. La sua villa è stata integrata nel museo progettato dall'architetto Mario Botta e inaugurato nel 2000.

js, ats