Filiali in liquidazione Una dipendente Migros: «Certo che son nostalgica, qui ho fatto il mio apprendistato»

Sven Ziegler

22.6.2024

Già vuoto: uno scaffale della Melectronics di Winterthur. 
Già vuoto: uno scaffale della Melectronics di Winterthur. 
Immagine: zis

Melectronics sta scomparendo e Migros vuole liberarsi gradualmente anche delle altre filiali. Come se la passano i dipendenti? E notate i tagli in loco? blue News ha dato un'occhiata in giro.

Sven Ziegler

22.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Migros sta vendendo la maggior parte delle sue filiali.
  • Melectronics passa a Mediamarkt, ma solo 20 negozi rimarranno aperti: altri 17 saranno chiusi.
  • I dipendenti affrontano la situazione in modi diversi, come dimostra il nostro reportage svoltosi in molti punti vendita tra Zurigo, San Gallo e Turgovia.

Migros si sbarazza di alcune delle sue filiali. Passo dopo passo, nei prossimi mesi verranno cedute in particolare Do it + Garden, SportX e Micasa.

Il primo passo è stato fatto questa settimana con Melectronics. La catena di negozi di elettronica verrà venduta a Mediamarkt e 17 negozi verranno chiusi. Circa 100 dipendenti perderanno il loro lavoro o continueranno a essere impiegati altrove nel Gruppo Migros.

blue News ha visitato i negozi che chiuderanno definitivamente nelle prossime settimane e quelli che saranno trasferiti a Mediamarkt. Al centro commerciale Grüzepark di Winterthur è già chiaro che il negozio chiuderà definitivamente i battenti al più tardi a novembre.

Non c'è molto da fare. Una sola commessa si trova tra gli scaffali, già vistosamente vuoti.

La commessa: «Scaffali riforniti? Probabilmente mai più»

Una signora anziana chiede informazioni sulle cartucce per stampanti. Gli appendini sono vuoti, non ci sono cartelli. La giovane commessa sorride gentilmente e dice che possono essere ordinate su richiesta.

La signora chiede quando verranno rifornite le scorte. La ragazza sorride un po' più tesa. «Probabilmente mai più» dice.

«Probabilmente non verranno mai più riforniti»: scaffali vuoti alla Melectronics di Winterthur.
«Probabilmente non verranno mai più riforniti»: scaffali vuoti alla Melectronics di Winterthur.
Immagine: zis

Non sa ancora se avrà un nuovo lavoro, dice a blue News. Come tutti gli altri con cui ha parlato, non vuole che il suo nome finisca sui media, non vuole inimicarsi Migros. «Mi piace il mio lavoro, amo la tecnologia».

Si immagina di lavorare nel settore alimentare in futuro? «Non proprio, no. Non è il mio campo. Ma se non c'è altra soluzione...». La giovane non crede che il sito rimarrà aperto fino a novembre. «Si può già vedere com'è qui».

Anche i dipendenti del negozio SportX, situato proprio accanto, non sanno cosa ne sarà di loro. Il processo di vendita della catena di articoli sportivi è ancora in corso, ha annunciato Migros all'inizio della settimana.

Sulle pareti sono affissi manifesti con la scritta: «Siamo ancora qui per voi». I commessi sorridono e offrono i loro consigli.

«La nostra passione continua a bruciare», si legge sui manifesti di SportX.
«La nostra passione continua a bruciare», si legge sui manifesti di SportX.
zis

Un'assistente alle vendite ammette: «A volte è difficile quando non sai se puoi mantenere il tuo lavoro. Ma noi sfruttiamo al meglio la situazione: non possiamo fare altro».

Per lei, lasciare il lavoro è fuori discussione. «Voglio rimanere nel settore degli articoli sportivi. Il mio sogno assoluto sarebbe che fossimo acquistati dalla concorrenza. E, naturalmente, che io mantenga il mio lavoro».

Ha dei figli a casa. «Anche loro devono mangiare».

«Devo guardare il mio conto in banca»

È chiaro da questa settimana: i dipendenti di 20 negozi Melectronics manterranno il loro posto di lavoro. Passeranno a Mediamarkt. Ad esempio, due assistenti alle vendite che lavorano al centro vendite Amriville di Amriswil, nel Canton Turgovia.

Indossano ancora la camicia blu di Melectronics, che sarà sostituita da quella rossa del concorrente entro novembre.

«Naturalmente sono un po' nostalgica, ho fatto il mio apprendistato qui. Ma ovviamente sono soprattutto felice di mantenere il mio lavoro», dice una delle commesse.

La sua collega ride e aggiunge: «Ehi, a dire il vero, alla fine non mi interessa se mi vesto di blu o di rosso: devo guardare il mio conto in banca».

Quando blue News le chiede se l'eredità di Gottlieb Duttweiler sia stata completata con la vendita delle filiali, la giovane donna ride. «Oh, sa, ad essere sinceri ai tempi di Duttweiler non c'era Melectronics».

Quando arriverà Mediamarkt?

Tuttavia, non c'è ancora traccia del nuovo proprietario. Nemmeno a Mels, nel Canton San Gallo, dove Mediamarkt ha rilevato la sede di Pizolpark.

«Purtroppo non posso dirle con esattezza quando Mediamarkt si insedierà qui», dice un'assistente alle vendite a un giovane curioso. «Saremo informati sui dettagli solo nelle prossime settimane».

Non è rimasto sorpreso dall'acquisto, dice a blue News. «Parliamo tra di noi. E abbiamo già sentito delle voci». È contento di mantenere il suo lavoro? «Certo, naturalmente. Ma ho amici che lavorano in filiali che stanno per essere chiuse. È ovvio che ci si preoccupi per loro».

Bocce cucite a Micasa

Oltre a SportX, il futuro di Do It + Garden, Micasa e altre filiali non è ancora chiaro. Mentre Do It + Garden sta corteggiando i clienti online, non ci sono segnali di cambiamenti imminenti a Micasa. Le diverse strategie di comunicazione delle filiali sono già venute alla luce.

Anche i dipendenti stanno affrontando la situazione in modi diversi. A differenza di Melectronics, nessuno a Micasa vuole parlare con blue News, in due sedi diverse. «Noi stessi non sappiamo nulla», dice un'assistente alle vendite prima di sparire in una sala relax.

Un'anziana cliente ascolta la nostra breve conversazione. Riemerge tra i cuscini e dice: «È triste. Non mi interessa quale sia la marca. Ma quello che Migros sta facendo alla sua azienda è davvero triste».

Gli affari vanno a gonfie vele da OBI

Anche la catena di negozi di bricolage OBI, di cui Migros è franchisee in Svizzera, sta affrontando un futuro incerto nel nostro Paese. Le dieci sedi rimarranno in funzione per il momento.

Ma, secondo Migros, sono in corso di elaborazione «possibili opzioni future per la direzione strategica e l'attività».

Quando blue News visita la filiale di San Gallo, c'è molto da fare. Le persone spingono in giro carrelli di fiori, tavole e vasi di vernice.«Quando la vedo così, non mi preoccupo più di tanto del mio futuro», dice sorridendo una commessa. «I nostri affari vanno bene». Non riesce a immaginare che Migros rinunci semplicemente a questa filiale. «Continueremo a lavorare come sempre».

Un anziano arzillo si avvicina di corsa e interrompe la conversazione. Vuole che un pannello di legno venga tagliato immediatamente su misura, «e deve essere molto preciso». Il venditore ride, si scusa e, uscendo, dice: «Vede, gli affari vanno a gonfie vele. OBI è qui per restare, ne sono certo».