Gjon's Tears: «Questa è stata l'unica cosa che ho rimpianto dell'Eurovision Song Contest»

Di Fabian Tschamper

1.6.2021

Gjon's Tears, vero nome Gjon Muharremaj, è arrivato terzo all'ESC per la Svizzera con la sua canzone
Gjon's Tears, vero nome Gjon Muharremaj, è arrivato terzo all'ESC per la Svizzera con la sua canzone «Tout l'Univers».
Eurovision

Con Gjon's Tears, la Svizzera finisce per la prima volta dal 1993 nei primi tre posti dell'Eurovision Song Contest (ES). Nell'intervista a «blue News», Gjon Muharremaj di Friburgo ci parla del suo folle viaggio.

Di Fabian Tschamper

1.6.2021

Sono giorni piuttosto selvaggi per te, cosa sta succedendo nella tua vita in questo momento?

Da quando sono tornato a casa, piovono richieste di interviste. È pazzesco! Naturalmente è bello sentire l'interesse della gente per la mia musica e per me, ma onestamente è molto stancante. Mi erode energia. Però non potrei esserne più felice!

Dopo la snervante finale dell'ESC, cosa hai fatto per prima cosa? 

Subito dopo la finale noi (lui e la sua delegazione, ndr) siamo tornati nella stanza d'albergo e abbiamo fatto festa, beh... chiamarla festa potrebbe essere un'esagerazione. Abbiamo avuto una specie di «incontro». Volevo davvero incontrare l'artista spagnolo Blas Cantó. C'erano anche James Newman dall'Inghilterra e Stefania dalla Grecia. Abbiamo parlato tra di noi. 

E ho anche potuto finalmente passare del tempo con la mia famiglia. Finalmente un abbraccio!

A che ora sei andato a letto domenica sera? 

Non ho dormito affatto. In generale non dormo molto in questo momento, credo sia lo stress. Voglio davvero che il prossimo mese tutto vada bene (Gjon's Tears sta progettando l'uscita di un album a breve), così come nella mia carriera.

Hai potuto parlare con gli altri artisti prima o durante lo spettacolo dell'ESC? 

Non tanto prima dello spettacolo, perché appena arrivato all'hotel ho dovuto capire quello che stava succedendo. Ho potuto parlare brevemente con i finalisti tedeschi e Go_A dall'Ucraina. Durante lo spettacolo era teoricamente possibile, ma ci è stato chiesto di non lasciare la nostra bolla, così si minimizzava il rischio di infettare gli altri. Questo nonostante i test quotidiani. Avrei voluto parlare con tanti, ma non ho trovato il tempo. Questa è l'unica cosa che rimpiango dell'ESC.

Hai ottenuto il maggior numero di punti della giuria, questo vale sicuramente più del voto del pubblico...

È stato pazzesco. E devo dire che non tutto è andato liscio durante la mia performance, abbiamo dovuto lottare con alcuni problemi tecnici durante le prove. Ma per fortuna la giuria non l'ha notato. Il fatto che la giuria mi abbia trovato il migliore tra tutti gli artisti finalisti mi dà una spinta e mi fa fare il pieno di fiducia in me stesso. 

Quale canzone ti è piaciuta di più? 

Ne ho trovate davvero molte di belle. Non potete immaginare nemmeno quante. Soprattutto dopo aver conosciuto le persone che ci stanno dietro. Non posso davvero nominare una canzone preferita.

E quale artista? 

Forse l'ucraina Kateryna Pavlenko di Go_A? Oh mio Dio, no, aspetta. Ce ne sono così tanti! La band lituana, The Roop, era forte. Anche i tedeschi. È così difficile scegliere qualcuno!

Spettacolo preferito? 

Se fosse stato per me, penso che i Roop dalla Lituania avrebbero dovuto vincere, con la loro canzone «Discoteque». O l'Ucraina.

Questa volta, la lingua italiana è arrivata tra i primi tre insieme al francese. L'inglese è arrivato solo al quarto posto.

Credo che fossimo semplicemente più autentici. Almeno abbiamo cercato di esserlo.

La tua musica è sempre stata in francese? 

No, «Tout l'Univers» prima era scritta in inglese, così come altre mie canzoni. E mi piace anche cantare in questa lingua. Ma per lo spettacolo dell'ESC era importante per me presentare la canzone in francese. Ho avuto la sensazione di essere più in sintonia con me stesso. Più onesto.

Vuoi fare una previsione? Fra un anno, a partire da ora, riguardo alla tua carriera...

Mah... spero che la gente continui a sostenere me e la mia musica. Ma penso che una volta che tocchi il cuore di qualcuno, puoi farlo per sempre.

Quante interviste hai dato da sabato e la nostra che numero è? 

Oh, Dio, non lo so. Troppe per contarle.

Infine, una domanda sul tuo nome, Gjon's Tears. Qual è il motivo che ci sta dietro? È triste o gioioso? Le lacrime possono arrivare per entrambi. 

Esattamente, ed è per questo che si tratta di Gjon's Tears.