L'estate si allunga

L'esperto: «I record di calore in realtà non dovrebbero esistere»

Di Andreas Fischer

21.5.2022

A woman cools off in a fountain in Cordoba, southern Spain, Sunday, July 11, 2021. Spain is suffering a weekend of record-breaking high temperatures, with the thermometer set to top 44 Celsius (111 Fahrenheit) in some areas. (KEYSTONE/AP Photo/Manu Fernandez)
Una donna si rinfresca in una fontana a Cordoba, nel sud della Spagna, domenica 11 luglio 2021, giorno in cui in alcune aree si raggiunsero temperature record di 44 gradi Celsius.
KEYSTONE

Ovunque si registrano nuovi record di caldo: siamo a maggio e in Svizzera si suda già come in piena estate. Si tratta ancora di «semplice» evoluzione stagionale o sono già i cambiamenti climatici di cui parlano gli scienziati? Lo abbiamo chiesto a un esperto.

Di Andreas Fischer

21.5.2022

La notte di maggio più calda mai registrata a Visp. La prima notte tropicale in Ticino. Record assoluto di maggio nel Giura. Più di 33 gradi Celsius a Coira. Diverse giornate calde di fila in tutta la Svizzera. Rispetto alla media a lungo termine dal 1991 al 2020, maggio è chiaramente troppo caldo: nella Svizzera settentrionale di 2 gradi, nel sud di oltre 1,5 gradi, secondo Meteonews.

L'attuale ondata di calore è solo un fenomeno meteorologico? Sarebbe troppo poco lungimirante pensarla così, afferma il ricercatore del Politecnico Erich Fischer in un'intervista a blue News.

Per il fisico climatico, uno degli autori principali del rapporto sul clima redatto lo scorso anno dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite, è davvero «notevole che stiamo osservando così tanti record». Dopo 170 anni di registrazioni meteorologiche, queste situazioni dovrebbero essere molto rare.

Fischer utilizza un paragone sportivo per illustrare questo aspetto. «Se molti atleti si cimentano in una disciplina per molti anni, ad esempio il salto in lungo, è nella natura delle cose che i record vengano battuti sempre meno spesso. Per gli uomini, l'attuale record mondiale è in vigore dal 1991, per le donne addirittura dal 1988».

«I singoli record meteorologici possono essere una coincidenza», afferma Fischer. «Ma l'accumulo degli ultimi anni e in tutto il mondo può essere chiaramente attribuito al cambiamento climatico».

l'esperto Erich Fischer
Erich Fischer svolge attività di ricerca e insegnamento presso l'Istituto per l'atmosfera e il clima del Politecnico di Zurigo. Il climatologo è uno degli autori principali del rapporto dell'anno scorso del Consiglio delle Nazioni Unite sul clima IPCC.
zVg / ETHZ / Allessandro della Bella

Erich Fischer svolge attività di ricerca e insegnamento presso l'Istituto per l'atmosfera e il clima del Politecnico di Zurigo. Il climatologo è uno degli autori principali del rapporto dell'anno scorso del Consiglio delle Nazioni Unite sul clima IPCC.

Troppi record in tutto il mondo

I record non vengono stabiliti solo in Svizzera nel maggio 2022. In India e in Pakistan, la gente ha sofferto per due mesi di temperature ben sopra ai 40 gradi. In Spagna e in Francia si prevede un'ondata di calore di eccezionale intensità per il week-end. In Italia, il fiume Po si prosciuga perché arriva troppa poca acqua dalle Alpi.

Questi sono solo gli esempi attuali. Nel giugno 2021 sono stati misurati 49,6 gradi nel Canada occidentale. Record canadese. A Siracusa, in Sicilia, il termometro segnava 48,8 gradi centigradi nell'agosto 2021. Record europeo.

I continui nuovi record di temperatura non sono «nulla che ci si debba aspettare in assenza di cambiamenti climatici», chiarisce Fischer. «Nel caso dell'ondata di calore in India, si può sostenere che il cambiamento climatico ha aumentato in modo significativo la probabilità di tali eventi. Non è possibile attribuire uno specifico evento meteorologico al cambiamento climatico, ma la probabilità che si verifichi è significativamente aumentata dal cambiamento climatico, di un fattore 100». È quanto ha appena scoperto il Met Office, il servizio meteorologico britannico, in uno studio.

A livello pratico non succede molto

La ricerca è entusiasmante, dice Erich Fischer. Ma i risultati sono stati utilizzati come misure pratiche? «I risultati vengono sicuramente notati e presi in considerazione», afferma il fisico climatico. Ma tradurre i risultati della scienza in azioni concrete è più problematico.

«Quando si tratta di prendere decisioni che causano costi e limitano in qualche modo le persone, diventa più difficile», afferma Fischer. Il ricercatore non è soddisfatto del fatto che le emissioni di CO2, ad esempio, continuano ad aumentare, «non si sono nemmeno stabilizzate», anche se in realtà dovrebbero diminuire. «Nemmeno come cittadino», sottolinea. Troppo poco si sta facendo in termini di cambiamenti necessari nella mobilità e nell'approvvigionamento energetico.

Per la Svizzera c'è ancora molto da fare. Il maggio record del 2022 probabilmente non rimarrà il maggio più caldo: «Gli estremi meteorologici continueranno ad accumularsi, possiamo già vederlo nei dati. Nel caso del calore, in particolare, la tendenza è rilevabile in moltissime stazioni di misura in Svizzera».

La popolazione dovrà adattarsi

«Quello che sta accadendo è esattamente ciò che ci aspettavamo», afferma Erich Fischer. «Nell'estate del 2003 abbiamo previsto che le estati calde e secche sarebbero diventate più frequenti con il cambiamento climatico. Questa previsione si sta avverando». Mentre il 2003 è stato ancora un caso anomalo, dal 2015 in Svizzera si è osservato un grande accumulo di estati calde.

Non sono solo i classici mesi estivi a diventare più caldi. «A maggio e settembre abbiamo condizioni come quelle di giugno o di fine agosto. Temperature che in realtà ci aspettiamo solo a fine luglio si verificano già a maggio. L'estate si allunga», dice Fischer.

Gli svizzeri hanno probabilmente sottovalutato questo aspetto, afferma Fischer. Per loro significa sicuramente un cambiamento. «Le città svizzere non sono costruite per queste temperature. Solo stamattina ho visto persone che si lamentavano di aver dormito male perché nei loro appartamenti faceva troppo caldo».

Il raffreddamento proviene da centrali a carbone

Per il ricercatore climatico, il fatto che le persone si lamentino già delle temperature di maggio dimostra chiaramente «che non solo dobbiamo ridurre le emissioni, ma che dobbiamo già adattarci maggiormente al caldo».

Città più verdi, meno impermeabilizzazione: Fischer ritiene che si stia già facendo molto in questo senso, soprattutto a Zurigo. «Allo stesso tempo, però, si continuano a costruire interi quartieri, come l'Europaallee, che sono completamente impermeabilizzati e in cui non c'è quasi un albero o uno spazio verde. È ancora necessario ripensare molto».

Eppure la popolazione svizzera è ancora relativamente benestante. Le condizioni di vita in Paesi come l'India o il Pakistan sono davvero insopportabili. «Siamo già in un'area critica. Le temperature di circa 50 gradi Celsius, esacerbate dall'afa monsonica, rappresentano una sfida importante per la salute», afferma Fischer. «Molte persone non possono uscire in questo momento. Nelle ultime settimane hanno dovuto raffreddarsi al chiuso negli edifici pubblici».

Il fatto che le persone diventino sempre più dipendenti dal raffreddamento artificiale sembra un circolo vizioso. Il raffreddamento necessita di elettricità, che viene generata a livello globale principalmente con combustibili fossili.

«L'India ha messo a disposizione molta elettricità supplementare a carbone nel breve termine per garantire il raffreddamento», afferma Erich Fischer. «Questo è comprensibile nel breve termine per il bene del popolo, ma ovviamente devastante nel medio e lungo termine».