Niente più soldi

Il previsto embargo petrolifero dell'UE potrebbe costare caro alla Russia. E alla Svizzera?

tafi / dpa / AFP

3.5.2022

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea.
Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea.
Christian Hartmann/Reuters Pool/AP/dpa

Bruxelles sta pianificando un divieto di importazione di petrolio russo: un embargo che colpirebbe duramente le finanze della Russia. Tuttavia, il progetto potrebbe portare a controversie all'interno dell'Unione Europea.

tafi / dpa / AFP

3.5.2022

La Commissione europea, guidata da Ursula von der Leyen, vuole presentare una proposta per un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia al più tardi entro mercoledì. Ciò è stato confermato dai dipendenti dell'autorità dell'agenzia di stampa tedesca. Il sesto pacchetto di sanzioni dovrebbe includere anche un embargo petrolifero.

Si tratta, se entrerà in vigore, della sanzione più dura decisa finora dall'Unione Europea, ma anche la più controversa. Da dove viene questo cambiamento? E quale impatto avrebbe sulla Svizzera un divieto di importazione del petrolio russo? Di seguito le domande e le risposte più importanti sul previsto embargo petrolifero.

Quanto costerebbe un embargo petrolifero a Putin?

Le sanzioni precedenti hanno preso di mira principalmente l'accesso della Russia al mercato finanziario internazionale. Ma l'esportazione di petrolio (e gas) ha riempito le casse di Putin su base giornaliera.

Il think tank di Bruxelles stima che l'UE abbia recentemente importato petrolio e prodotti petroliferi russi per un valore equivalente a 684 milioni di franchi al giorno. Compreso il gas naturale, l'UE versa ogni giorno alla Russia più di un miliardo di franchi svizzeri.

Perché l'embargo petrolifero è solo ora all'ordine del giorno dell'UE?

Alcuni paesi dell'UE dipendono fortemente dall'energia russa. Si temono quindi conseguenze negative per l'economia. Un embargo petrolifero contro la Russia può anche portare a un'inflazione più elevata e a prezzi dell'energia più alti. Anche la Germania ha messo a lungo un freno all'embargo petrolifero, ma ora ha fatto un'inversione a U.

Da dove viene il cambiamento tedesco?

Poche settimane fa, non si sarebbe potuto sopportare un arresto immediato delle consegne, ha detto domenica la ministr degli Esteri tedesca Annalena Baerbock. Ma nel frattempo si sono «preparati» a cavarsela senza petrolio russo per diversi anni.

La quota di petrolio russo in Germania è scesa dal 35 al 12% dall'inizio della guerra contro l'Ucraina.

Quali conflitti si profilano all'interno dell'UE?

C'è un ampio consenso all'interno dell'UE sul fatto che non ci dovrebbe essere alcuna disputa pubblica sulle sanzioni contro la Russia. L'Ungheria, tuttavia, aveva recentemente apertamente minacciato il veto.

Non è ancora chiaro a quali condizioni i paesi fortemente dipendenti dalle forniture petrolifere russe – oltre all'Ungheria, ci sono anche Austria, Slovacchia, Spagna, Italia e Grecia – potrebbero dare la necessaria approvazione per un divieto di importazione nell'UE.

Sarebbero ipotizzabili un periodo di transizione, ad esempio fino all'inizio del prossimo anno, o delle eccezioni.

Quali sarebbero le conseguenze dell'embargo per la Svizzera?

L'Associazione degli importatori svizzeri di petrolio Avenergy ha recentemente assicurato che non vi è alcuna minaccia di una strozzatura dell'approvvigionamento in Svizzera.

La Confederazione non acquista infatti petrolio greggio direttamente dalla Russia. Tuttavia, la benzina e il gasolio continuerebbero a diventare più cari perché i prezzi sul mercato mondiale sono in aumento.

Il nostro Paese ottiene la maggior parte dei prodotti petroliferi trasformati, come benzina e diesel, dalle raffinerie della Germania occidentale. Tuttavia, questi non vengono mai riforniti con petrolio russo.