Canada

Il sito web delle donazioni del «Convoglio della libertà» è stato hackerato

di Dirk Jacquemien

17.2.2022

Per settimane il centro di Ottawa è stato bloccato.
Per settimane il centro di Ottawa è stato bloccato.
KEYSTONE

Il sito web attraverso il quale i camionisti canadesi dell'autoproclamato «Freedom Convoy» («Convoglio della libertà») hanno raccolto milioni in donazioni è stato violato.

di Dirk Jacquemien

17.2.2022

Per diverse settimane, i partecipanti all'autoproclamato «Convoglio della Libertà» hanno bloccato ampie parti del centro di Ottawa, la capitale canadese. Fino all'inizio della settimana, sono riusciti anche a tenere chiuso l'Ambassador Bridge, il principale passaggio di frontiera con gli Stati Uniti. Stanno manifestando contro le misure anti-Covid e l'obbligo vaccinale.

I manifestanti ricevono anche un sostegno finanziario dall'estero, soprattutto dagli Stati Uniti. Hanno raccolto 7,8 milioni di dollari sulla piattaforma di crowdfunding GoFundMe, prima che la piattaforma bloccasse l'account su richiesta delle autorità canadesi. Gli organizzatori delle proteste sono poi passati alla piattaforma di crowdfunding GiveSendGo, che si descrive come «cristiana». Ma anche qui ci sono stati dei problemi.

Un film Disney come messaggio

In origine, un tribunale canadese ha bloccato le donazioni raccolte su GiveSendGo su richiesta del governo della provincia dell'Ontario. Tuttavia, poiché la piattaforma ha sede negli Stati Uniti, non è del tutto chiaro se l'ingiunzione del tribunale possa essere eseguita. GiveSendGo è stato di conseguenza provocatorio su Twitter.

Tuttavia, GiveSendGo non ha potuto contrastare l'attacco del gruppo di pirati informatici «Distributed Denial of Secrets» quando ha hackerato la piattaforma. Domenica sera, la homepage è stata infatti momentaneamente sostituita con un estratto video del film Disney Frozen per mostrare che il sito Web era bloccato, congelato.

Il testo del video, che scorre dal basso verso l'alto, sostiene che i partecipanti alle proteste non siano normali camionisti, cosa che fingono di essere. Sono invece estremisti che si oppongono alla democrazia. Ma gli hacker non solo hanno cambiato il sito web, ma hanno anche rubato i dati dei donatori.

La maggior parte delle donazioni proviene dagli Stati Uniti

Il nome, l'indirizzo e-mail e il codice postale dei donatori sono stati rubati. Tuttavia, il gruppo non ha pubblicato i dati, ma li ha resi disponibili solo a giornalisti selezionati, come riporta «The Verge».

I dati mostrano che più della metà di tutte le donazioni al «Freedom Convoy» provengono dagli Stati Uniti, seguite poi da quelle dal Canada. Le proteste sono ampiamente riportate nei media statunitensi di destra, come ad esempio l'emittente Fox News.

Nel frattempo, il sito Web GiveSendGo è ancora offline. La piattaforma sta attualmente effettuando «lavori di manutenzione» e «upgrade del server».