La Corea del Nord usa il successo di Squid Game per far propaganda contro Seul

Di Sven Hauberg

5.11.2021

Nessuna serie Netflix ha avuto più successo di
Nessuna serie Netflix ha avuto più successo di «Squid Game».
Netflix

Più di 111 milioni di persone nel mondo hanno già guardato il nuovo successo di Netflix «Squid Game». Anche la Corea del Nord ha la serie sul suo radar e ha deciso di usarla per far propaganda contro il suo «nemico» del Sud.

Di Sven Hauberg

5.11.2021

Kim Jong-il, il padre del dittatore nordcoreano Kim Jong-un, morto nel 2011, era un grande amico del cinema. La passione del tiranno arrivò al punto che non solo fece rapire un regista sudcoreano alla fine degli anni '70, ma Kim scrisse anche l'opera standard nordcoreana sull'argomento: «On the Art of Film».

In quest'opera di 350 pagine, Kim affronta le questioni del lavoro della macchina da presa, della scenografia e della musica da film. Un regista, scrive Kim, deve sempre andare a lavorare con la ferma convinzione «di servire la rivoluzione con la sua arte».

Gli addetti ai lavori, tuttavia, sanno che Kim non guardava solo film di propaganda nordcoreana. Tra i suoi eroi preferiti c'erano Rambo e James Bond.

Kim Jong-un all'inizio di settembre: il regime nordcoreano usa la serie Netflix per fare propaganda contro il suo vicino del sud.
Kim Jong-un all'inizio di settembre: il regime nordcoreano usa la serie Netflix per fare propaganda contro il suo vicino del sud.
Keystone

Non si sa quanto della passione di suo padre per il cinema abbia ereditato l'attuale sovrano Kim Jong-un. Tuttavia, Pyongyang tiene sempre d'occhio quali film e serie siano popolari all'estero. Un sito web di propaganda nordcoreano ha recentemente fatto un commento dettagliato su «Squid Game», la serie Netflix dalla Corea del Sud che sta attualmente battendo tutti i record.

Un fenomeno che ha attirato già 111 milioni di spettatori in tutto il mondo, ossia più di qualsiasi altra produzione Netflix.

E la cosa non è passata inosservata in Corea del Nord. E proprio sul sito web di propaganda citato in precedenza si legge che la serie ha tanto successo «perché mostra la realtà della società capitalista», in cui prevale una «lotta estrema per la sopravvivenza». «Squid Game» ritrae la moderna Corea del Sud, dove «il numero dei perdenti nella feroce competizione per il lavoro, i beni immobili e le azioni sta aumentando drammaticamente».

Il popolo muore di fame

«Squid Game» parla di un brutale game show in cui centinaia di persone molto indebitate competono in giochi della loro infanzia per vincere svariati milioni. Ma chi perde muore e il jackpot cresce ancora di più.

I critici nordcoreani parebbe dunque non abbiano torto nella loro analisi. Soprattutto perché il regista Hwang Dong-hyuk spiega il successo di «Squid Game» dicendo che molti sudcoreani potrebbero identificarsi con l'estrema disuguaglianza rappresentata nella sua serie.

Ma quanto sia grande la disuguaglianza nel nord della penisola coreana è stato ancora una volta mostrato con tutta la sua forza nelle ultime settimane. Mentre Kim Jong-un è, a quanto si dice, occupato con progetti di villaggi turistici e bottiglie di vino e, come hanno mostrano alcune immagini, si intrattiene con dimostrazioni di arti marziali dei suoi soldati, il suo popolo muore di fame.

In un rapporto all'Assemblea generale dell'ONU pubblicato recentemente, gli investigatori dell'ONU hanno avvertito della carestia in Corea del Nord. Prima dell'inizio della pandemia di Covid, il 40% della popolazione del paese non aveva accesso sicuro al cibo, ma la crisi ha peggiorato molto la situazione.

Poiché la Corea del Nord ha chiuso le sue frontiere, l'importazione di cibo e fertilizzanti dalla Cina è crollata. Inoltre, ci sono stati gli effetti delle sanzioni internazionali e un'epidemia di peste suina africana.

Kim Jong-un nelle ultime settimane ha chiesto ai suoi funzionari di superare la «situazione cupa» e le «difficoltà senza precedenti» che il paese sta affrontando e di assicurare le condizioni di vita della gente.

«Cancro maligno» K-Pop

Nonostante (o forse proprio a causa di) tutti i problemi in casa, la propaganda nordcoreana non si stanca di attaccare retoricamente il suo «nemico» del Sud e di sottolineare quindi come «Squid Game» sia un racconto ammonitore del capitalismo sfrenato.

Anche «Parasite», il vincitore dell'Oscar del 2020, è stato usato per criticare la Corea del Sud. Il film è un capolavoro che «espone inesorabilmente la realtà» del divario tra ricchi e poveri nel Paese, ha scritto un giornale di propaganda nordcoreano pubblicato in Giappone l'anno scorso.

Anche la cultura pop sudcoreana, che di per sé è piuttosto apolitica, è stata ripetutamente presa di mira dalla propaganda del Nord. Per esempio, si dice che Kim Jong-un abbia detto che il rapper K-pop, che ha le sue origini in Corea del Sud, è un «cancro maligno» che danneggia «i vestiti, le acconciature, i discorsi e il comportamento» dei giovani nordcoreani. I media nordcoreani hanno avvertito che il paese si sgretolerebbe «come un muro umido» se K-pop diventasse troppo influente.

Infatti, molti media della Corea del Sud raggiungono ripetutamente il Nord. E il New York Times ha parlato qualche tempo fa di un disertore che gestisce una rete che contrabbanda K-pop in Corea del Nord. Tuttavia, non si sa se anche copie pirata di «Squid Game» siano già arrivate a Pyongyang.

Chi legge l'articolo sul sito web citato all'inizio, tuttavia, ha l'impressione che gli autori della propaganda nordcoreana non abbiano visto con i loro occhi la serie di successo di Netflix.