Infarti, trombosi, ipertensione

La statura aumenta il rischio di alcune malattie

Di Alice Lanzke, dpa/tpfi

26.6.2022

Delle persone insieme davanti a un tramonto. Che sia grande o piccola: la corporatura di una persona aumenta il rischio di alcune malattie (immagine illustrativa).
Marcel Kusch/dpa

Questa relazione è spesso trascurata: il rischio di una persona per una serie di malattie dipende anche dalle dimensioni del suo corpo. Un'analisi mostra a cosa dovrebbero prestare attenzione grandi e piccole persone.

Di Alice Lanzke, dpa/tpfi

26.6.2022

Che sia grande o piccola: la corporatura di una persona aumenta il rischio di alcune malattie. Lo rendono noto dei ricercatori statunitensi sulla rivista «PLOS Genetics». Non solo i geni giocano un ruolo, ma anche i fattori socio-economici e soprattutto l'ambiente, come sottolinea un esperto tedesco.

Le persone sono sempre più alte: nel 1896 l'altezza media degli uomini tedeschi era di 1,67 metri; nel 2017 era di ben quasi 1,80 metri. Per le donne, il valore è salito da 1,56 a 1,66 metri nello stesso periodo, uno sviluppo che può essere visto in quasi tutto il mondo.

Allo stesso tempo è sempre più chiaro che esista una connessione tra le dimensioni corporee e alcune malattie. Uno studio tedesco del 2019 ha mostrato che le persone basse hanno un rischio maggiore di diabete di tipo 2, mentre un'analisi svedese del 2017 ha mostrato un rischio maggiore di trombosi per le persone alte. Secondo le meta-analisi, queste sviluppano anche con più frequenza il cancro.

Ipertensione arteriosa rara nelle persone alte

Tuttavia non è chiaro se le dimensioni corporee stesse rappresentino un rischio effettivo o se ci siano dei fattori che le influenzino. Per questo motivo, un team guidato dal medico Sridharan Raghavan dell'Università del Colorado, ha studiato i legami tra varie malattie e le dimensioni corporee effettive di una persona, nonché quelle previste in base alla genetica.

Usando un database con informazioni genetiche e sanitarie, il team ha analizzato le annotazioni su oltre 250.000 adulti per oltre 1.000 malattie e caratteristiche. Da un lato, la valutazione conferma che le persone alte hanno un rischio maggiore di fibrillazione atriale e vene varicose e un rischio inferiore di malattie coronariche, pressione alta e colesterolo alto.

Lo studio ha inoltre dimostrato delle nuove correlazioni: le persone alte hanno un rischio maggiore di neuropatia periferica, che è causata da dei danni ai nervi delle estremità, e di infezioni della pelle e delle ossa come ulcere alle gambe e ai piedi.

Nel complesso ci sono prove che l'altezza degli adulti può influenzare oltre un centinaio di caratteristiche cliniche, ha dichiarato Raghavan. Tra queste ci sono diverse malattie associate a una minore aspettativa di vita e a una qualità della vita peggiore. Il fatto che le dimensioni corporee siano un fattore di rischio per diverse malattie comuni negli adulti deve però essere confermato da ulteriori studi.

L'esperto: «Non sopravvalutare la genetica»

Secondo Norbert Stefan, Professore di Diabetologia Clinico-Sperimentale presso l'Ospedale Universitario di Tubinga, il risultato non è sorprendente: è noto da anni che numerosi geni determinano quanto una persona diventi alta o bassa. Tuttavia proprio questi geni non sono solo legati alle dimensioni corporee, ma anche ad altri processi nel corpo e sono quindi direttamente o indirettamente associati a determinati rischi di malattie.

«La genetica però non è da sopravvalutare», sottolinea il medico, infatti anche i fattori socio-economici potrebbero giocare un ruolo: secondo gli studi, le persone alte hanno spesso uno status sociale più elevato. Questo va di pari passo con il fatto che sono meno colpite da alcune malattie comuni.

I fattori ambientali avrebbero probabilmente un impatto maggiore, afferma Stefan, riferendosi alla Cina, dove le dimensioni corporee sono in aumento da anni: «Una ragione in merito è che le persone consumano sempre più latte e prodotti a base di siero di latte che contengono i geni IGF-1 e IGF-2 che si attivano e già nell'utero».

Questi geni guiderebbero la crescita corporea e, una volta attivati, rimarrebbero attivi per tutta la vita. L'IGF-1 promuove la crescita cellulare, il che spiega l'aumento del rischio di alcuni tipi di cancro nelle persone alte.

Maggior rischio di trombosi nelle persone alte

D'altra parte un'attivazione maggiore dell'IGF-1 assicura anche che i grassi negli organi vengano bruciati meglio. Il fegato grasso è quindi meno comune nelle persone alte, dice Stefan, riferendosi ai suoi stessi studi. Poiché hanno anche una maggiore leva grazie ai loro arti più lunghi e quindi bruciano più energia ad ogni movimento, il loro rischio di diabete di tipo 2 e attacchi di cuore è inferiore.

Però le lunghe estremità significano anche vene delle gambe più lunghe: il sangue deve essere pompato più a lungo fino al cuore, il che aumenta il rischio di trombosi. Di conseguenza, in particolare le persone alte dovrebbero fare esercizio regolarmente sui voli a lungo raggio o sui lunghi viaggi in auto, bere abbastanza e indossare calze di supporto sull'aereo.

Rischio di infarto maggiore nelle persone basse

Invece nelle persone piccole il rischio di diabete di tipo 2 e di infarto è maggiore, indipendentemente dalla massa grassa corporea: «Se queste persone ingrassano, il loro rischio è significativamente più alto rispetto alle persone alte che ingrassano», sottolinea il diabetologo. «Più piccoli si è, più movimento bisognerebbe fare».

La dimensione corporea è un argomento molto sottovalutato nella pratica clinica quotidiana che merita maggiore attenzione, afferma Stefan: «Ecco perché il lavoro come lo studio attuale è così importante». Sebbene esistano già alcune pubblicazioni di questo tipo, solo raramente si trae una conclusione medica dalle corporatura: «Ma poiché le persone stanno diventando più grandi, questo è un problema, perché queste connessioni continueranno ad acquisire importanza».