Paradossi ambientali

Laghi troppo puliti, sempre meno pesci

ATS

10.7.2019 - 12:59

«Acqua azzurra... acqua chiara», cantava Lucio Battisti.
«Acqua azzurra... acqua chiara», cantava Lucio Battisti.
Source: KEYSTONE/VALENTIN FLAURAUD

I laghi romandi sono troppo puliti e questo va a scapito della fauna ittica, che sta diminuendo: la critica, che potrebbe apparire paradossale dopo decenni di inquinamento, arriva dai pescatori professionisti. E l'autorità ammette che il problema esiste.

L'equilibrio dei laghi Lemano e di Neuchâtel sta cambiando e chi della pesca ha fatto un mestiere lancia l'allarme, riferisce oggi la radio RTS in un servizio dedicato al tema. Dal 2016 il loro «bottino» di pesci è diminuito del 70%. Questo è dovuto sicuramente in parte alla diffusione del cormorano (uccello acquatico), forse al riscaldamento delle acque, ma anche alla depurazione. «Il lago è troppo pulito», spiega alla RTS Claude Delley, pescatore basato a Portalban, sulle rive friburghesi dello specchio d'acqua di Neuchâtel.

A suo avviso «ci vorrebbe la giusta via mediana». I pesci non possono vivere in acque sterili. «Ciò che dà loro il nutrimento, è la materia fecale. Decomponendosi, questa si fa mangiare dai batteri, i batteri sono il nutrimento del plancton, il plancton è il nutrimento dei piccoli pesci, eccetera». L'intervento dell'uomo è decisivo in questo processo. «Gli impianti di depurazione trattengono la materia fecale e lasciano passare la parte chimica», osserva Delley. «È chiaro che non deve andare a finire tutto nel lago, ma occorre trovare un equilibrio».

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS